BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

La Lega prova a spaccare il patto tra Pd e Forza Italia con la mozione sui profughi

La Lega Nord prova a mettere in crisi il patto del Nazareno in salsa orobica, quello che regge le sorti della Provincia.

Più informazioni su

La Lega Nord prova a mettere in crisi il patto del Nazareno in salsa orobica, quello che regge le sorti della Provincia. Il Carroccio è l’unica forza politica all’opposizione, mentre il presidente Matteo Rossi può contare sul sostegno e sui voti di Partito democratico, Forza Italia, una lista vicina a Ncd e Fratelli d’Italia. Il documento che potrebbe sparigliare le carte è stato depositato nelle ultime ore: il capogruppo leghista Gianfranco Masper chiede all’amministrazione provinciale di impedire l’accoglienza dei profughi nelle palestre di sua proprietà. “Dopo aver riempito gli edifici pubblici dismessi e molti alberghi della penisola, da alcuni giorni, tramite il Prefetto, il Ministero dell’Interno obbliga gli amministratori locali a mettere a disposizione anche le palestre per ospitare i profughi – si legge nella mozione -. Appurato che la maggior parte di questi “migranti” non ha i requisiti per ottenere il visto di “profugo”, ma nonostante questo il nostro Governo continua a farsi carico di tutto e di tutti e che l’ondata migratoria, continuerà a lungo.

Assodato che l’Europa, richiamandosi all’accordo di DUBLINO 3 che non ha alcuna intenzione di farsi carico della questione. Verificato che la situazione si colloca in un clima già poco comodo per la popolazione, costretta a fare i conti con la crisi economica a fronte della quale le ingenti risorse pubbliche spese per l’accoglienza agli stranieri finiscono con l’alimentare il risentimento di chi si trova in condizioni economiche di disagio e che questa totale carenza e/o inadeguatezza di politiche nazionali e sovranazionali dell’immigrazione non è più proponibile in quanto finisce con lo scaricare sulle comunità locali emergenze che non possono avere soluzioni locali se non a danno dell’ordinata e pacifica convivenza civile delle comunità residenti. Ritenuto che la decisione del Prefetto di utilizzare le palestre non possa che aumentare le problematiche del territorio e dimostra l’assoluta incapacità dello Stato a governare la situazione, perché le palestre sono luoghi inadeguati e non dignitosi per ospitare i migranti e male ha fatto il Presidente Rossi ad accettare la richiesta di utilizzare anche le palestre della Provincia di Bergamo.

Si chiede al Consiglio provinciale di approvare la mozione e conferire mandato al Presidente affinché svolga, nelle sedi opportune, tutte le iniziative necessarie al fine di evitare lo “smistamento” dei profughi/clandestini nella Provincia di Bergamo. Di non concedere l’uso di qualsiasi struttura della provincia per l’ accoglienza dei clandestini. Di chiedere al Ministero dell’Interno una radicale modifica all’attuale programma di gestione dell’emergenza obbligatoria invitandolo a utilizzare la Marina Militare per bloccare le partenze dei migranti. Di invitare il Governo a concludere accordi con i paesi da cui provengono i migranti affinché vengano predisposte adeguate strutture ricettive in loco. Di sollecitare il Governo affinché destini i fondi attualmente spesi per il mantenimento dei clandestini agli Enti locali che sono attualmente strangolati dal patto di stabilità e non hanno le risorse necessarie per far fronte alle richieste di aiuto dei propri cittadini”.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.