BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Yara, inviati della Bbc al processo Bossetti: sarà realizzato un film

Il delitto Yara Gambirasio diventerà un film documentario. E per seguire gli ultimi sviluppi del caso, alla prima udienza del processo Bossetti di venerdì mattina c'erano anche due collaboratori dell’autorevole emittente televisiva inglese.

Il delitto Yara Gambirasio diventerà un film documentario. E per seguire gli ultimi sviluppi del caso, alla prima udienza del processo Bossetti di venerdì mattina c’erano anche due collaboratori dell’autorevole emittente televisiva inglese.

Gli inviati si sono appostati tra il pubblico, insieme ai numerosi giornalisti provenienti da tutta Italia, e hanno analizzato ogni particolare, per cercare di trarre spunti interessanti per il loro progetto. Hanno osservato in particolare l’imputato, Massimo Giuseppe Bossetti, che si è mostrato per la prima volta dopo mesi in cui lo si era potuto vedere solo in foto e in video.

Poche le anticipazioni sulla pellicola in fase di realizzazione, "dovete parlare con i nostri responsabili", hanno spiegato gli inviati. Che poi però hanno aggiunto: "Non ci baseremo sul gossip o sulle voci. Sarà un film prettamente scientifico, basato sui particolari dell’inchiesta condotta dal pubblico ministero Letizia Ruggeri e dal suo pool di investigatori. Non vogliamo spettacolarizzare la vicenda, anche per rispetto della famiglia Gambirasio che ha già dovuto fare i conti con questa tragedia".

A catturare l’attenzione della Bbc è stata soprattutto la fase dell’indagine relativa al Dna, con il confronto tra le tracce ritrovate sui leggins e gli slip di Yara e gli oltre 20mila campioni salivari raccolti tra la gente comune, per cercare di scoprire l’identità di "Ignoto 1".

Una troupe della tv inglese era già arrivata a Bergamo a marzo, per intervistare il pm Ruggeri e scoprire come sia arrivata a Bossetti. Al caso Yara Gambirasio si erano interessate anche altre redazioni straniere, come la tv francese, il quotidiano inglese The Guardian, e gli svizzeri di "Il caffe news".

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da E ti pareva

    E ti pareva. Pure un film. Non c’é limite al pudore

    1. Scritto da E. T.

      Magari non ci fosse limite al pudore! A me pare che non ci sia limite al peggio. Qui, in particolare, non c’è limite all’impudenza, all’invadenza mediatica.