BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Polo, jeans e abbronzato, Bossetti sorride in Aula: “Ho fiducia nella giustizia”

Il carpentiere di Mapello accusato dell'omicidio di Yara Gambirasio ha scelto un look sportivo per il suo debutto di fronte ai giudici. Al termine il colloquio con i propri avvocati: "Hai capito tutto, Massimo?", "Eh, insomma..." la sua risposta.

Più informazioni su

Polo blu, jeans e abbronzato. Si è presentato così venerdi mattina Massimo Giuseppe Bossetti nell’aula d’assise del tribunale di Bergamo dove ha preso il via il processo che lo vede imputato per il delitto di Yara Gambirasio.

Il carpentiere di Mapello, rinchiuso nel carcere di via Gleno dal 16 giugno 2014 con la pesante accusa di aver barbaramente ucciso la ragazzina di Brembate Sopra, ha fatto il suo ingresso in Aula intorno alle 9.15, quando il giudice Antonella Bertoja ha dato il via all’udienza.

Accompagnato da due guardie giurate, con altre due poco più avanti che gli hanno tolto le manette, si è posizionato nell’auletta vetrata a sinistra del pubblico.

Bossetti ha scelto un look sportivo per il suo debutto di fronte ai giudici: polo blu, jeans attillati e scarpe da ginnastica bianche. Da notare anche l’abbronzatura, che nonostante un anno passato in carcere risulta vivace come prima dell’arresto. I suoi capelli, invece, sono più scuri e senza i colpi di sole che aveva in alcune immagini dello scorso anno, ma sempre curatissimi. Così come l’immancabile pizzetto, sempre molto preciso. 

Fin dall’inizio dell’udienza il 44enne è apparso tranquillo e a proprio agio nonostante la nutrita folla di presenti in Aula (oltre alla Corte e gli avvocati delle parti, anche una cinquantina tra giornalisti e curiosi).

Ha abbassato la testa un paio di volte, quando gli avvocati hanno pronunciato la parola "omicidio" (l’accusa per la quale è imputato), mentre ha sogghignato quando il pubblico ministero Letizia Ruggeri ha spiegato che secondo le tracce di Dna ritrovate sul cadavere di Yara, il suo assassino dovrebbe avere gli occhi chiari, proprio come quelli di Bosseti. 
Il carpentiere ha seguito l’intera l’udienza, durata in totale poco più di due ore, con estrema tranquillità.

Al termine, i suoi avvocati Claudio Salvagni e Paolo Camporini, lo hanno raggiunto nella saletta vetrata per un breve colloquio: "Allora Massimo, hai capito tutto?", "Eh, insomma…" la sua risposta sorridendo. "Tranquillo, tanto poi ti spieghiamo tutto noi. E comunque il processo vero e proprio inizierà dalle prossime udienze". "Lo so, sono tranquillo perchè ho fiducia nella giustizia", ha concluso Bossetti, sempre con il sorriso sulla bocca, prima di essere di nuovo ammanettato e uscire dall’aula per fare ritorno nel carcere di via Gleno a bordo di un furgone blindato. 

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Micky

    e quindi? uno non può avere un aspetto sereno? A me è capitato di sostenere un processo durato 6 anni. Con accuse su cose che non avevo fatto. Ti distrugge. Non è che a tutte le udienze vai distrutto. A volte incredulo quando sentivo pronunciare accuse di cose che non avevo fatto, a volte angosciato ma a volte tranquillo.

  2. Scritto da ol fiaba...

    É si,ora ne ha parecchio di tempo per abbronzarsi,le lampade non servono più.

  3. Scritto da Superficialità

    Al di là di essere innocente o colpevole, che é tutto da dimostrare, il sorridere e l’essere sereno con una accusa di quel genere sulla testa, dimostra tutta la superficialità del personaggio.

    1. Scritto da Luigi

      Effettivamente di gente che antepone l’abbronzatura e l’aspetto fisico alla sostanza, ce n’è a bizzeffe, nel nostro mondo ipocrita

    2. Scritto da vade retro

      . . . . .. al di la di ogni commento , il problema è che oggi stiamo vivendo nel “superficiale”, mentre le cose importanti del vivere sembrano svanite…. . . .