BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Saldi: pronti 2 mila negozi Ogni famiglia spenderà tra i 210 e i 240 euro

Da sabato 4 luglio scatta il via ufficiale ai saldi estivi 2015. Dopo Basilicata, Campania e Molise, dove le vendite di fine stagione sono iniziate oggi, sabato sarà la volta delle altre regioni, tra cui la Lombardia. I commercianti bergamaschi interessati sono oltre 2mila.

Più informazioni su

Da sabato 4 luglio scatta il via ufficiale ai saldi estivi 2015. Dopo Basilicata, Campania e Molise, dove le vendite di fine stagione sono iniziate oggi, sabato sarà la volta delle altre regioni, tra cui la Lombardia. I commercianti bergamaschi interessati sono oltre 2mila. Secondo le stime dell’Ufficio Studi di Confcommercio, ogni famiglia spenderà in media per l’acquisto di articoli di abbigliamento e calzature in saldo tra i 210 e i 240 euro, circa 100 euro a testa, e le vendite confermeranno i dati di fine stagione invernali: +5% rispetto ai saldi estivi dello scorso anno.

 "I saldi – dichiara Paolo Malvestiti, presidente Ascom Bergamo – mantengono una attrattività sempre forte per i consumatori e sono un’importante occasione commerciale per le attività che li promuovono. Siamo fiduciosi che le proposte di fine stagione sapranno incontrare le più diversificate esigenze dei consumatori, per quantità, qualità e assortimento dei prodotti invenduti, e per gli sconti, che prevendiamo possano essere in media del 30%, con punte del 40%”.

“L’auspicio – aggiunge Malvestiti – è che, dopo i primi segnali di ripartenza dell’economia, le vendite scontate segnino l’inversione di tendenza anche per i consumi e diano sollievo ai commercianti che vengono da un avvio di anno ancora non facile. Le condizioni ci sono, a partire dal meteo e dalla convenienza delle offerte. Per i negozi della città la notte bianca, in programma a Bergamo sabato, primo giorno di saldi, sarà una vetrina importante che permetterà di dare una grande visibilità alle proposte".

Per il corretto acquisto degli articoli in saldo, Ascom ricorda le regole da rispettare:

Il negoziante ha l’obbligo di esporre, accanto al prodotto, il prezzo iniziale e la percentuale dello sconto o del ribasso applicato; può (ed è consigliabile) indicare il prezzo di vendita conseguente allo sconto o ribasso.

Inoltre deve separare i prodotti in saldo da quelli eventualmente posti in vendita a prezzo normale e, se ciò non è possibile, applicare cartelli o altri mezzi per fornire al consumatore informazioni inequivocabili e non ingannevoli.

Il cliente, se il prodotto risulta difettoso, può richiedere la sostituzione dell’articolo o il rimborso del prezzo pagato dietro presentazione dello scontrino, che occorre quindi conservare.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da fabiola

    ma qualcuno ha ancora sodi da spendere dopo aver pagato Ici,Imu, Tari, gas luce, acqua,canone Rai, assicurazioni, benzina, gasolio, metano, affitti, spese condominiali,tasse per auto moto, pratiche varie, trapassi, ecc.ecc. ma questi Politici pensano (Forse ) solo ai Profughi?Qui in Italia del Nord l’asino è sfinito a forza di tirare il carro ? BASTAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAA

    1. Scritto da fede

      Già, peccato che da vent’anni il nord si sia fatto illudere da chi gli diceva che l’avrebbe reso indipendente e invece poi pensava solo alle poltrone e a mandare soldi in Tanzania. Quindi, come dici giustamente tu, basta sì, basta lega.

      1. Scritto da Marino

        Peccato che i provvedimenti di Renzi non intacchino minimamente la spesa pubblica fuori controllo e i privilegi delle varie caste statali. Continua a spremere vilmente il popolo; speriamo che il popolo sappia rispondergli per le rime!

      2. Scritto da il polemico

        e quindi il succo del tuo commento quale sarebbe?giustifichi gli aumenti di tasse dando la colpa a chi cera prima?’o con le tue esternazioni renzi ti fa uno sconto?da uno che aumenta le tasse sul tfr,fondi pensione,pellet non so cosa ti stai aspettando di positivo,forse che si riduca lo stipendio???

  2. Scritto da fra

    Volevo solo avvisarvi che ci sarà in giro una famiglia che spenderà dai 420 ai 480 euro. Io i soldi stavolta li uso per andare al mare.