BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Maroni: “Se fossi un greco domenica voterei No al referendum”

Il presidente lombardo: ""Se io fossi un cittadino greco domenica voterei no al referendum. Tsipras ha avuto il coraggio che avrei avuto io ovvero quello di rivolgersi al popolo in un momento di crisi e di grave difficoltà".

Più informazioni su

"Se io fossi un cittadino greco domenica voterei no al referendum. Tsipras ha avuto il coraggio che avrei avuto io ovvero quello di rivolgersi al popolo in un momento di crisi e di grave difficoltà. Questo referendum e’ un ritorno alle origini, un ritorno alla democrazia, del resto la democrazia e’ nata proprio in Grecia e’ proprio in Grecia si decidera’ se si fa l’Europa oppure si disfa questa Europa che non funziona. Sono politicamente al l’opposto di Tsipras, ma condivido questa sua iniziativa e domenica voterei no". Lo ha spiegato il presidente della Regione Lombardia, Roberto Maroni, a Bruxelles in occasione delle annuali celebrazioni dell’Ommegang, evento che quest’anno ospita la Lombardia come Regione d’onore in occasione di Expo Milano 2015.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Andrea

    purtroppo il sig. Maroni dimentica che 40 miliardi di debito greco lo ha in mano l’Italia…. piccolo particolare….

  2. Scritto da nino cortesi

    Il no dei greci è oro il tuo no è una ciabatta.

  3. Scritto da Cris

    Purtroppo si un politico italiano e ci stai rubando i nostri soldi . Fra l’altro reagalafi fondi hai tuoi amici della band …. Ti ricordi . E fermiamoci che e meglio .

  4. Scritto da maria

    Se fossi dotato di ruote sarei un carretto ma mai un carroccio.Se salta la Grecia chi ci rimborsa i crediti che abbiamo con essa.E’ comodo mettersi in politica promettere irrealtà e poi lavarsene le mani lasciando al popolo la decisione.Tsipras e compagni sapevano già che la Grecia aveva difficoltà. Le promesse elettorali sono facili da gridare dai palchi ma la realtà è difficile da governare.

  5. Scritto da roberta

    Purtroppo non sei greco, e ci tocca tenerti qui.

  6. Scritto da Ah ah ah

    Ecco la garanzia assoluta che ai greci conviene votare si .

    1. Scritto da ladrones

      Per forza, se no gli fregano i propri risparmi in banca.
      Hanno già cominciato a bloccargli il legittimo prelievo ai bancomat dei propri soldi.
      Una vera porcata per costringerli a votare “si”. Potevano usare i carri armati come una volta: sarebbe stato meno ipocrita.

  7. Scritto da andrea

    Ecco chi ci governa: uno che preferirebbe il default (carestia e povertà per un lustro) ad un piano di salvataggio, duro ma unica strada possibile. Siamo messi bene

    1. Scritto da carestia e povertà

      Perché, adesso non sono in carestia e povertà?
      Piano di salvataggio per spremerli ulteriormente?
      Meglio morire da soli con dignità che rimpinzare i grassi capitalisti del Bildemberg d’Europa

      1. Scritto da Ettore

        Prima di pensare a bildenberg o alle scie chimiche sappi che il debito greco ormai è praticamente tutto delle istituzioni e degli stati europei (cioè riguarda in maniera direttissima le ns tasche). Le regole della finanza internazionale fanno schifo ma qui sei totalmente fuori tema. Ai greci nessuno sta chiedendo soldi (ormai sono a babbo morto) , si sta chiedendo di far pagare le tasse,di prolungare l’età pensionabile e di modernizzare la P.A.,diversamente pagano gli altri stati, sappilo

      2. Scritto da andrea

        Illuso.

      3. Scritto da dai

        Rimpinzare? Ma tu hai presente di quanti soldi ha sperperato la Grecia? Soldi non suoi che ha preso in prestito da Bce e Fmi, per la precisione. Rimpinzare…

        1. Scritto da fiducia

          Soldi? Carta moneta stampata: solo carta e un poco di inchiostro.
          Non hai capito che la moneta è nulla? Conta solo la fiducia nella restituzione di chi la riceve. E se non si ha fiducia in uno stato, ovvero in un popolo, perché darsi tanto da fare per trattenerlo in un sistema ormai sulla via del fallimento?
          Al popolo greco mica hanno dato lingotti d’oro che si sono succhiati. Hanno dato solo fiducia in cambio di grassi interessi.
          Ma che la stampino questa carta, e la restituiscano

    2. Scritto da BERGHEM

      Lei crede veramente che la Grecia si possa salvare con l’ EURO? E’ sicuro che tra qualche anno le condizioni di vita dei Greci mutino radicalmente? Avere 1 disoccupato ogni 4 persone e’ il segnale che la Nazione e’ nel baratro più’ totale. Il fatto sta che a Bruxelles non sono in grado di fare piani economici adeguati. Li decidono le banche punto e basta. E questo non va bene. A Bruxelles non conoscono l’Europa.

      1. Scritto da andrea

        Si lo credo, la dracma sarebbe carta straccia senza valore, interessi e inflazione a due cifre. Veda lei

      2. Scritto da Dici ?

        E con la dracma invece cosa succede ? Ma stai scherzando ? O la dracma ha la funzione delle ampolle d’acqua del po ? Ciò che han fatto lo han fatto a debito (pensioni, impiegati pubblici , mega evasione fiscale …. ) , troppo debito, la magia della dracma su cosa agisce di grazia ? Hanno anche avuto qualche decina di miliardi per lo sviluppo . E’ doloroso ma, se non fanno nulla, con i propri soldi non sono in grado di tener su lo stato.

  8. Scritto da bc

    Coraggio Tsipras? Certo, nel momento di prendere decisioni fondamentali se ne lava le mani. Per cosa lo pagano? Per fare avanti/indietro da Bruxelles?

  9. Scritto da Carlo

    Bravo Maroni, così i greci usciranno dall’euro e si ritroveranno a pagare il debito con le dracme: così il loro debito diventerà cento volte tanto. Bravo!

    1. Scritto da dracme

      Basta stamparle, le dracme. Serve solo carta ed inchiostro.
      Un po come fanno alla BCE. Solo che lo fanno per le banche private, non per gli stati. Così le banche private prendono i soldi a zero interessi e li girano agli stati ai noti interessi, indebitandoli sempre di più.
      Svegliaaaaaaaaa!

      1. Scritto da BERGHEM

        Esatto. Come fa gia’ il Giappone. Sempre sotto la supervisione del grande impero del Dollaro…

    2. Scritto da caro

      Lei è un fenomeno in economia…continui cosi’.

  10. Scritto da umberto

    io invece trovo ridicolo e penoso mandare il popolino a votare una cosa che non capisce.Sono contro i referendum, a meno che siano di materia etica o morale tipo aborto o divorzio diritti gayecc ecc.Chi si candida a guidare un paese HA IL DOVERE di prendere decisioni con responsabilita’ e non scaricarla sulla gente. La materia è molto complessa.Comunque a tutti quelli che inneggiano alla Grecia e ai NO facciano un atto concreto, comprino con i loro soldi titoli greci..li voglio vedere…

    1. Scritto da savoia?

      infatti gli svizzeri sono un popolo ridicolo… Ma và a ciapà i rane. Meglio un Renzi che in campagna elettorale (e alle primarie) promette una cosa e poi fa l’esatto opposto, come sull’art. 18, vero? O che è piegato a 90 gradi con la Merkel e la BCE dopo aver promesso fuoco e fiamme, vero?

    2. Scritto da ridicolo

      Io trovo invece ridicolo e penoso demandare i propri interessi a personaggi che finora hanno solo dimostrato di riempirsi le saccocce alle spalle di un popolo.
      Credete che i soldi glieli abbiano prestati per opere di carità? Ma per piacere: glieli hanno prestati per spremerli. Ora la spremuta è finita e rivogliono i soldi: ma per piacere.
      Meglio che muoiano di mano propria che di mano dello straniero.

    3. Scritto da BERGHEM

      Il Referendum e’ la più’ alta forma di democrazia per un popolo o una Nazione.

  11. Scritto da Paolo

    Caro Presidente, il suo è un commento ridicolo. E’ vero che è importante rivolgersi al popolo. ma allora perché si fanno le elezioni per eleggere i vari rappresentanti (dal Sindaco in su …) Vi siete candidati, avete la delega, per 5 anni governate e se al popolo non siete andati bene dopo 5 anni si cambia …

    1. Scritto da paolot

      A lei qualcuno ha mai chiesto di votare per l entrata nell euro? (no pero’ il buon Prodi ci fece pagare la tassa per entrarci).Lei sa che la troika è un organismo di controllo informale (non è quindi un’istituzione europea): Fondo monetario internazionale, Banca centrale europea e Commissione europea non sono eletti da nessuno,non rispondono a nessuno e governano milioni di europei? Dove è la democrazia??

    2. Scritto da Marco

      ci sono certe questioni di grande rilevanza con le quali il destino di una nazione può cambiare profondamente per le quali è doveroso che scelga il popolo!! indipendentemente dalla delega avuta!

      Attenzione: NON sto dicendo di fare come i radicali alcuni anni fa, che facevano referendum per ogni cosa!!!

  12. Scritto da bolla

    Anche io. Non risolverà i problemi della Grecia, per il momento. Ma metterà un poco a bolla questo cavolo d’Europa di speculatori

    1. Scritto da AriaAllaBocca

      Peccato che a bolla ci finisce il popolo greco.

    2. Scritto da fds

      Certo, prima chiedi i soldi in prestito all’Europa, poi non riesci a restituirglieli e al terzo rinvio dei pagamenti li chiami speculatori. Comodo, molto comodo. Intanto, mi raccomando, regala pensioni e stipendi pubblici un po’ a tutti e poi non far pagare le tasse: è quello che sta facendo la Grecia e guarda come sta finendo.

      1. Scritto da BERGHEM

        Il debito pubblico della Grecia in ogni caso e’ sceso sensibilmente. Una Nazione che non ha praticamente industrie ma ha per la maggioranza posti statali andava pero’ prima studiata e analizzata per bene.Non si puo’ chiedere alla Calabria di diventare in poco tempo come il Veneto. Oltre a non esserci le condizioni ambientali, economiche si chiede di cambiare così anche le abitudini di un popolo. Praticamente impossibile.

  13. Scritto da melosegno

    Ricordatelo nel 2016 quando, grazie alle firme raccolte dagli attivisti del M5S, anche i cittadini italiani potranno esprimersi in merito. L’unione monetaria senza unione politica non ha senso. O si va avanti o si va indietro. Sì all’Europa dei popoli, no all’Europa dei finanzieri.

    1. Scritto da referendum

      Troveranno una scusa per non farci votare: figuriamoci se vogliono perdere il pollo da spennare.
      Faranno carte false per non perdere l’altro pollo: la Grecia

  14. Scritto da Merlino

    magari fosse greco, uno in meno da mantenere e con quello che si risparmia sai quanti bisognosi (italiani, migranti e profughi) si potrebbero aiutare!