BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Io, greco a Bergamo: “L’Europa sbaglia e Tsipras vincerà” – Video

Arben Kolla, 46 anni, titolare del ristorante greco Odissea di via Previtali a Bergamo, spiega perché l'Europa sbaglia a trattare nella crisi con la Grecia e perché Tsipras domenica prossima nel referendum vincerà.

Più informazioni su

Varchi l’ingresso del suo ristorante greco, “L’Odissea” al civico 43 di via Previtali a Bergamo, e subito ti immergi nell’atmosfera mediterranea. Ma bisogna spingersi oltre, nel patio con tende azzurre e bianche dove ci riceve Arben Kolla, 46 anni, il titolare del locale, per capire che la Grecia è e rimane un grande paese. Culla della civiltà occidentale. Cordiale, con gesti familiari ci fa accomodare e ci racconta la sua Grecia. Quella che in queste ore sta attraversando un passaggio cruciale con chi, per debiti, sarebbe disposto ad espellerla della zona euro.

“È una questione politica e di grandi interessi economici – ci spiega Kolla – ieri ho sentito mia cugina dalla Grecia e mi ha detto che in banca hanno terminato i soldi, ma è l’Europa che ci ha messo all’angolo. Ha fatto bene Tsipras a non accettare alle condizioni di Bruxelles, i debiti la Grecia li può pagare, il suo turismo va bene, bisogna solamente dilazionare i tempi”.

Poi scuote la testa: “L’Europa sbaglia, non può fare a meno della Grecia, da sempre la sua storia è legata a questo continente. Tispras ha fatto bene ha chiedere al popolo, è la democrazia, è nata da noi e sappiamo come funziona. Sarà il popolo che poi pagherà quel debito ed è giusto che si esprima. Tsipras vincerà, ne sono sicuro. È giovane, dinamico e determinato. È la persona giusta per guidare la Grecia. Mi permetta Tsipras non è Renzi, non promette: fa. Ed è una bella differenza”.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da nino cortesi

    La gente vincerà ed il partito mondiale si chiamerà M5*.

  2. Scritto da il polemico

    tspiras si è trovato la patata bollente dell’euro voluta da altri e gestita male sempre da altri,almeno ha il coraggio di far decidere al popolo cosa trova più opportuno fare,in italia invece l’entrata nell’euro l’ ha deciso un personaggio equivoco che gia ai tempi dell’iri aveva dimostrato le sue capacità svendendo fabbriche storiche e affossando le rimanenti….sapere come ha fatto l’italia ad entrare nell’euro rimane ancora un mistero,conti taroccati a parte..l’euro ha fallito

  3. Scritto da referendum

    Che pantomima. Ma credete che il popolo greco, o perlomeno la maggioranza di esso, voti no al referendum?
    Gli hanno bloccato il prelievo dai legittimi conti in banca dai quali non possono prelevare i loro soldi, e sotto il terrore di questo ricatto da parte della BCE, volete che votino no? Ma dai.
    E comunque vada, l’Europa dei banchieri comincia a sgretolarsi.

    1. Scritto da Giovedì Gnocchi

      Indovina perchè glieli hanno bloccati , perchè non ce n’è abbastanza (come è accaduto in argentina e a cipro anche senza referndum ) o per fargli dispetto ?

  4. Scritto da l'ultima sinistra

    “Papa Francesco desidera far sentire la propria vicinanza a tutto il popolo ellenico, con speciale pensiero alle tante famiglie gravemente provato da una crisi umana e sociale, tanto complessa e sofferta” – il Pontefice ha ribadito che anche nell’attuale passaggio dei rapporti tra Grecia e Unione Europea, “la dignità della persona umana deve rimanere al centro di ogni dibattito politico e tecnico”

  5. Scritto da buonsensono?

    Ieri la Grecia non ha restituito circa 1,6 miliardi, e le borse europee ne hanno persi 287; ed è solo l’inizio. La Grecia deve all’Italia circa 65 miliardi di euro che, se va in default, non vedremo più. Siamo proprio sicuri, anche solo sotto un profilo ragionieristico, che non sia più conveniente concedere una ristrutturazione del debito? Lo dico da ignorante, che fatica a comprendere come uno strumento nato come assicurativo (derivati) sia diventato speculativo e causa principale dei guai

    1. Scritto da Sére

      Come dovrebbe aver capito anche il mitico Pinotto, con 500 caratteri non si può scrivere un trattato. Ma la sostanza la dici tu, buonsenso: ristrutturare il debito conviene a tutti. Ma per fare ALMENO FINTA, di pagare i debiti nel futuro, serve che da oggi in avanti lo Stato aumenti le entrate e riduca le uscite. BANALE MA VERO! Se invece la proposta Tsipras non tocca tali voci (o pochissimo) e si limita a chiedere di diluire le rate a rimborso: non sta in piedi nemmeno per far finta!

  6. Scritto da Eutropio

    Il ristorante Hellas? Fu devastato da squadracce italo-tedesche che poi non risarcirono una dracma. L’occupante successivo, nato Uk-Usa fomentò una lite tra i soci, entrò nella bega, fece disastri, impose come gerenti gli uscieri in divisa, veri scialacquatori che fece indebitare con pagherò intestati agli ex-soci. Ora la catena l’EuroEater erede dei devastatori e che ha in mano le cambiali, esige che la proprietà rientrata paghi i debiti contratti…per i danni e sperperi loro.

    1. Scritto da Debù ?

      A dir la verità nel 1993 il debito della grecia era 68 miliardi di euro, diventati 160 prima della partenza dell’euro e 340 nel 2010.
      Effetti della guerra un po’ ritardati.

      1. Scritto da Bù de lapa

        Eh sì, effetti ritardati anche nel comprendere poche righe di post. Se a te, come alla Grecia, una notte dei vicini a cui non hai fatto niente, ti entrassero in casa, ti fracassassero braccia e gambe, saccheggiassero, ti bruciassero la casa, la stalla, si macellassero il bestiame e… catturati dopo anni non ti pagassero niente di danni, anzi con i mali guadagni circuissero tuoi famigliari a cambiali da usura a tuo nome, tu, in che condizioni di solvibilità saresti? Sentiamo.

  7. Scritto da BERGHEM

    La Grecia doveva starsene fuori da subito. In UE Incide per 1% come pil. E’ come se chiedessimo alla Sicilia di trasformarsi nella Lombardia. Splendida isola ma con il 21% di disoccupazione, debito pubblico altissimo, attività’ industriale praticamente assente. Diverse monete con diverse velocità’ sarebbero l’ ideale per tutta l’ Europa, come indicato da Lega Nord & M5S. Ma si sa, giganti come USA e Cina incombono. L’ IMPERO DEL PETRODOLLARO HA FRETTA.

  8. Scritto da pietro

    Come due comunisti rovinano un paese

    1. Scritto da aris

      il Paese lo hanno rovinato democristiani , socialisti e Goldman sachs che suggerì al governo di allora di truccare i conti per entrare nell’ euro. I due “comunisti” (che governano coi fascisti!) possono ben poco adesso, se non accettare le condizioni UE. S emerkel e soci intervenivano con poco 3 anni fa il problema era gia risolto. Ci sono poteri ceh vogliono strumentalizzare il problemino Grecia

  9. Scritto da Alberto

    Il problema è semplicemente l’euro, che è una moneta straniera per tutti gli stati dell’eurozona. Il cosiddetto debito pubblico, di cui molti non capiscono minimamente l’origine ed il significato, in valuta estera è matematicamente impagabile (lo Stato deve prendere a prestito anche i soldi per pagare gli interessi: un’eresia totale).

    1. Scritto da Du Maroni

      Basta Alberto ! Almeno prendi un minimo d’informazione. Nessuno sta chiedendo alla grecia di pagare il debito : gli si sta chiedendo di rendere il bilancio sostenibile e di non costringere gli altri stati a pagargli le pensioni brevi, l’iva bassa ecc ecc . Per favore !
      Stai cominciando a capire cosa significa uscire dall’euro o no ?

  10. Scritto da Leda

    ma voi Italiani se un giornalista fa un intervista è uno esprime la propria opinione perché ne avete sempre da ridire con critiche.
    Perché non ringraziate il Sg.Kola che ha assunto ITALIANI che in questo momento stanno lavorando grazie A LUI.

    1. Scritto da Sére

      Dovrebbe essere chiara una cosa: che qui nella vituperata Italia, a noi sfaccendati di internet è concesso il commento su tutti quelli che rilasciano interviste e il ri-commento ai nostri commenti. Stupefacente? No, è l’Italia, bellezza! (bellezza si fa per dire, gentile signora) Che se uno si sente intoccabile è meglio che se ne resti a casa sua. Indipendentemente che la casa sia qui, lì o là! …o in Albània

      1. Scritto da Guido

        Come avrà capito, in Italia c’è libertà di scelta, ad esempio tra gentilezza, burbanza, galateo, villania, garbo, trascuratezza e grazia, stile e stilo, ….. Lei non ci faccia caso, è solo una commedia, a volte di vino, a volte divina. Anzi, sempre divina, quando una donna ci onora del suo sorriso.

  11. Scritto da Sara

    Il bello è che ARBEN Kola non ha mai detto di essere Greco ma ha detto di essere di origine greca quindi non aprite la bocca solo per darle aria.
    Lui ha la madre greca e quindi è di origine greca.

  12. Scritto da W

    L’Europa”perdonera”la Grecia per ennesima volta,vedrete nulla di apocalittico capitera;i soci dell’unione E,non possono permettersi di creare una falla(uscita Grecia dall’euro ecc)nel loro fragile sistema,pena il crollo totale di tutto l’ambaradam…

  13. Scritto da arpaleni

    uno stato sovrano che rifiuta di pagare i propri debiti è uno stato
    di barlafuess (ominicchi per dirlo con Sciascia) e merita solo disprezzo

    1. Scritto da 2+2=4

      Uno Stato che non ha moneta propria, non è uno Stato sovrano. Nella UE nessun Stato è sovrano poiché nessuno ha la sovranità monetaria, né lo è l’insieme degli Stati. Infatti la sovranità monetaria della UE è usurpata dalla dittatura commissariale della BCE, associazione di cooptati, fuori controllo democratico e generatori di scontri tra e negli Stati aderenti.

    2. Scritto da Balafuess

      Ma quando mai la Grecia si è rifiutata di pagare i debiti Ha chiesto solo tempo per essere messa in condizione di farlo.
      L’ignoranza regna sovrana. Ma è colpa della disinformazione. Vai in rete, arpaleni, che sentirai altre campane. Non fare tu l’ominicco, per dirla alla Sciascia

      1. Scritto da Bah !?

        Il debito della grecia è già a babbo morto ed a tassi bassissimi , nessuno le sta chiedendo di pagarlo . Le stan chiedendo di mettersi in grado di fare un bilancio annuale che sta in piedi con i propri soldi e non con quelli degli altri . Sei sicuro tu che vai in pensione a 67 anni di voler pagare con soldi tuoi la pensione ai greci che vanno molto prima ? Sicuro sicuro ?

    3. Scritto da Strabone

      Oh finalmente uno che dice pane al pane! Questi tedeschi e italiani che hanno devastato la Grecia, ammazzato, derubato, affamato, deportato…e non hanno pagato i danni, è proprio vero, sono ominicchi! Per non parlare degli inglesi che subito finita la guerra li hanno sostituiti nell’occupazione, hanno provocato una guerra civile con bombardamenti e stragi e non hanno pagato una sterlina di danni, altri ominicchi sono! E i colonnelli e successivi scialacquatori? Bravo Arpy!

    4. Scritto da BERGHEM

      Stando al suo ragionamento 3/4 delle regioni Italiane meritano disprezzo? Come lei ben sa, infatti, ad es. Piemonte, Lombardia e Veneto di debito non ne hanno, pero’ mi sembra esagerato arrivare a disprezzare queste Regioni. In ogni caso credo che l’ unica cosa che merita disprezzo e’ questa egemonia del potere e del denaro. Disprezzo chi crea debiti che non possono esser pagati. Disprezzo chi comanda senza esser eletto. A non esser sovrano e’ il consiglio Europeo.

  14. Scritto da Giorgio

    Forse prima di emettere sentenze, il signor Kolla dovrebbe informarsi.
    http://www.ilpost.it/2015/06/30/come-siamo-arrivati-a-questo-punto-grecia/

  15. Scritto da Aldo

    il turismo in Grecia va bene. Certo, peccato però che quasi non paghi tasse.

  16. Scritto da Kurz

    Molti dicono che il turismo rappresenti per la Grecia la risorsa economica con cui risollevarsi, ma è anche quella in cui c’è il massimo dell’evasione fiscale (come fa la Finanza a controllare tutte le sperdute isole?). Se pensiamo ad una piccola nazione (col P.I.L. inferiore a quello di una grande regione italiana), ma con un milione di dipendenti pubblici e in gran parte “baby pensionati”, non si capisce come potrà riuscire a risollevarsi senza uno sforzo enorme, purtroppo.

    1. Scritto da mauro

      Esatto! Questo è il punto!

  17. Scritto da luca

    Tispras ha fatto bene ha chiedere al popolo

    complimenti al redattore dell’articolo!

  18. Scritto da hellas

    L’Europa sbaglia? E’ la terza dilazione che concede alla Grecia e questa non ha ancora fatto nessuna riforma per mettersi in riga!

  19. Scritto da Dario

    Tsipras fa? E cosa fa? Manda in malora il suo Paese? Se non hai i soldi per pagare i debiti, gli stipendi e le pensioni, dove vuoi andare? Non è forse ora di fare le riforme? Comodo fare il Che Guevara con i soldi che ti ha prestato la Bce e l’ Fmi. Più difficile invece mettersi a lavorare per risanare un Paese di evasori fiscali, pubblici dipendenti e baby pensionati.

  20. Scritto da Luigi

    Arben Kolla è un nome albanese. Siamo sicuri che il signore sia greco?

    1. Scritto da Kola Arben

      Io ho sempre detto e non nego mai le mie origini?Mio padre è Albanese mia madre e Greca ,di preciso da Janina ,come sapete che con la seconda guerra mondiale tante persone di questo paese o un altro hanno dovuto lasciare le loro terre,e questo è successo alla famiglia dei mie nonni ha dovuto lasciare la Grecia,perché la loro casa e stata bruciata dai fascisti e tedeschi,grazie della domanda? Adesso ha la risposta.

      1. Scritto da Divide et impera

        Signor Kola, quanto ha avuto la sua famiglia di indennizzo dagli Stati che hanno invaso la sua patria, ucciso, saccheggiato, distrutto, deportato? Quanto vi hanno dato i tedeschi e gli italiani per ricostruire la vostra casa? Per favore, se riesce, trovi la ricevuta di pagamento, è la prova dell’onestà di un popolo,dei suoi statisti, di assumersi le proprie responsabilità. Sono sicuro che la signora Merkel, se voi non siete stati indennizzati, provvederà subito e con gli interessi!

  21. Scritto da Maria G.

    Spiace contraddire il ristoratore, ma Tsipras perderà il referendum, perchè i greci sanno che altrimenti dovranno tornare alla dracma che in breve tempo diventerebbe carta straccia. L’unica possibilità che hanno è l’Europa. Ma devono mettersi in pari con il bilancio facendo pagare le tasse e pagando pensioni più basse.

  22. Scritto da Paolo

    Il turismo in Grecia va bene ma non potrà mai permettere al Paese di pagare i debiti se non gli si fanno pagare le tasse. I greci, tra dipendenti pubblici ed evasori, si era abituata a fare la cicala. Tra l’altro con i soldi degli altri.

  23. Scritto da renato

    Rispetto per il signor Kolla e la sua attività, ma non sono d’accordo con lui. La Grecia è entrata in Europa presentando dati falsi sul bilancio e ha continuato a sperperare i soldi che si faceva prestare anche quando sapeva benissimo di non poter più pagare. Hanno una evasione fiscale astronomica e non sembrano intenzionati a fare riforme in tal senso (i miei clienti pagano il 22% di iva, lì si rifiutano di applicarla al13%). Troppo comodo ora dar la colpa alle banche o all’Europa.

  24. Scritto da leo cat

    “la democrazia, è nata da noi e sappiamo come funziona. Sarà il popolo che poi pagherà quel debito ed è giusto che si esprima” Parole sante, incontestabil. Concordo in pieno anche con: “Tsipras non è Renzi, non promette: fa.”

  25. Scritto da Paolo

    Per cortesia potete correggere “ha fatto bene ha chiedere”…

  26. Scritto da Maurizio

    Poi.come prossimo referendum faccia decidere ai lavoratori che stipendio vogliono e così le aziende democraticamente si adeguano ! Ma cosa è lì a fare ? Anche lì,in politica, gli stipendi si prendono a far nulla !

  27. Scritto da Sére

    Chissà se anche nel suo locale c’é il classico “giro alla greca”. Che già nell’intervista è quello che ci ha propinato e come tutti i “bolletare” trova tempo x darci delle lezioni e ovviamente di dire che “il debito si può pagare, basta dilazionare i tempi”. Tal quale a coloro che non ci pagano, mica dicono che mai pagheranno: col tempo pagherò, pagherò, pagherò… Giorno del poi, anno del mai… Bisognerebbe visitare ol sciur Kolla e al momento del conto saldare con un bel PAGHERO’!

    1. Scritto da Kola Arben

      Rispondo alla Sig Sere,come tutti e non solo la Grecia ha difficoltà economiche, io ho espresso semplicemente la mia opinione giusta o sbagliata che sia?ma voi tutti ne avete fatto una causa! Le tasse non li pagano loro?ma anche qui non è che va bene giusto?quanti evasori ci sono attualmente in Italia?palate di questo che è meglio…..io di persona vivo in Italia da 25 anni e le tasse li ho sempre pagate…grazie.

      1. Scritto da Sére

        Egregio signore, grazie per la risposta. Non mi resta che salutarla parafrasando l’epigrafe di Macchiavelli: venuto in Italia per pagare le tasse col suo ristorante, Kola Arben greco-albanese: a tanto nome nessun elogio è pari! Eh ehh ehhh!!!

        1. Scritto da Aristofane

          Ognuno da quel che è. Chi il meglio, chi il raglio.

    2. Scritto da Narno Pinotti

      Il signor Kolla può avere torto, e almeno alcuni dei suoi argomenti sono deboli. Ma non la sfiora il pensiero che una questione che occupa da mesi in trattative complicatissime i vertici di una trentina fra stati e istituzioni internazionali forse è un filo più complicata del conto aperto sul quadernetto dal macellaio? Se invece questo fosse il massimo livello di approfondimento a cui sa arrivare lei, allora pazienza.

      1. Scritto da Bertoldo

        Ora lo sappiamo, con l’aiuto del signor Pinotti l’abbiamo capito. Gli Dei non sono più in Grecia, non sono più sull’Olimpo. Sono in Germania, a Francoforte, in Kaiserstraße, nel Palazzo della Europäische Zentralbank; Neppure può sfiorarci il pensiero i mesi di complicatissime trattative con i loro continui vertici trattano la questione. Ma non si preoccupi, poi tutto finisce sul loro quadernetto. Che quadernetto? Ma sì, sempre lo stesso… quello dei macellai!

    3. Scritto da dachepulpito

      il suo commento mi pare la storia del bue che da del cornuto all’asino… prima di parlare dovrebbe informarsi a quanto ammonta il debito pubblico greco e quello italiano. Perche’ se c’e’ una nazione di “bollettari” in europa indovini un po’ qual’e’?!? L’Italia!!! Quantomeno Tsipras ha mostrato quel coraggio che nessun premier italiano ha mai mostrato. Se il mio popolo e’ condannato a “morte” quantomeno scelga lui il proprio destino e non banche e lobbies europee. Spiegala a renzi la differenza

    4. Scritto da ste

      Adesso noi italiani facciamo pure gli schizzinosi, non accettiamo lezioni dai greci…infatti noi siamo proprio al sicuro, col “Pinocchio” Renzi eletto a maggioranza bulgara…
      CaRo Sere, I PROSSIMI SIAMO NOI

      1. Scritto da Sére

        Di lezioni ne possiamo accettare da molti ma non da tutti. E l’oste mi pare che abbia espresso solamente un pensiero. Tenero verso la sua Patria e caustico verso la Nostra. Io, malgrado i Ns difetti, amo l’Italia e son permaloso con chi l’offende. Poi, che siamo anche noi ad alto rischio è evidente, anche da come si muove il Ns Governo. Fatto sta che ad oggi la Grecia è insolvente e l’Italia no. E questa è una mera ma incontestabile evidenza, con buona pace dell’oste Arben.

        1. Scritto da Licabet

          L’Italia offesa dalla Grecia? Ma si rilegge? Ricordi, non c’è ricchezza che possa mai ripagare ciò che questa piccola G rande terra, la Grecia, ha dato all’umanità, specie all’Italia! Anche nei tempi moderni, con il suo eroismo, la sua resistenza e resilienza, la grandezza d’animo del suo popolo. L’UE invece si schieri con voto affinchè l’UK renda alla Grecia i capolavori di Fidia, saccheggiati dal Partenone sull’Acropoli e immagazzinati a Londra! E brinderemo!

    5. Scritto da Testone

      Ma se non hanno i soldi, come possono pagare, testone.
      Bisogna metterli in condizione di far ripartire l’economia, non ulteriormente massacrarli, altrimenti come pagano?
      Da una rapa vuoi togliere il sangue? testone!

      1. Scritto da Baulè

        Infatti l’Europa sta chiedendo alla Grecia un piano di riforme. Se non fai pagare le tasse, regali stipendi pubblici e pensioni, dove li prendi i soldi?

        1. Scritto da colonnelli

          si, mettili tutti sulla strada, pensionati e lavoratori, poi vediamo come va a finire. Tornano i colonnelli.
          Per me è meglio si facciano finanziare dai Russi e dai Cinesi, così gli Americani la prendono nel mommolo: altro che destabilizzare l’Ucraina, la Libia, l’Iraq, per portare la “loro” democrazia.
          I blocchi vanno riequilibrati altrimenti fanno la parte dei leoni mangia tutto

          1. Scritto da Baulè

            Questa è proprio bella. Questi non riescono a pagare i debiti che hanno e cosa dovrebbero fare secondo te? Altri debiti? Scusa, ma tu a casa tua fai così?