BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Aeroporto, la petizione del comitato approda alla commissione europea

I residenti chiedono che anche l'Europa esamini lo scalo orobico per verificare se i rumori siano nella norma, come dichiarato da Arpa qualche mese fa.

Il comitato scrive, la commissione europea risponde. Magari non proprio in tempi rapidi, ma la risposta è comunque arrivata alla casella di posta del comitato cittadini di Azzano San Paolo per l’aeroporto. I residenti chiedono che anche l’Europa esamini lo scalo orobico per verificare se i rumori siano nella norma, come dichiarato da Arpa qualche mese fa.

“La Commissione per le Petizioni della Commissione Europea – si legge nel comunicato inviato dal comitato – ha comunicato di ritenere "ricevibili", a norma del Parlamento Europeo, le questioni sollevate con la petizione sottoscritta nella primavera 2014 da numerosissimi cittadini di Azzano San Paolo e di Stezzano, con la quale era stato chiesto alla Commissione stessa di verificare  se l’attività dell’Aeroporto "Il Caravaggio" di Orio al Serio venisse svolta conformemente alle normative italiana ed europea. La materia, secondo la Commissione, rientra infatti nell’ambito delle attività dell’Unione Europea. La Commissione ha, altresì, comunicato di aver avviato l’esame della petizione e di aver deciso di chiedere alla Commissione Europea di svolgere un’indagine preliminare sui vari aspetti del problema. Nell’esprimere soddisfazione per l’attenzione che la Commissione Europea sta ponendo su temi tanto delicati quali la salute e la qualità della vita dei cittadini, indipendentemente dall’esito che le verifiche avviate avranno, vogliamo ringraziare nuovamente i cittadini che hanno aderito all’iniziativa”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Enzo

    Ah beh allora se l’ha detto l’arpa…
    Ma hai proprio così paura che lo chiudano sto aeroporto? Che interessi hai in esso?
    Stai sereno che PURTROPPO non succederà niente.
    Poi…sui “pochi cittadini” e “importante risorsa” beh…ci sarebbe da discuterne…chilosa.

  2. Scritto da il polemico

    quelli del comitato sono contro l’aereoporto fino a quando non devono prendere l’aereo per viaggiare,in quel caso non si fanno minimamente nessun problema se il loro aereo arreca danni alle persone a terra,importante è partire…sono ridicoli

    1. Scritto da 081

      Chapeau!

  3. Scritto da andrea

    appunto, come dimostrato dall’arpa i rumori sono a norma, non capisco perchè si continui a perdere tempo con quei pochi cittadini contrari allo sviluppo di questa importante risorsa

    1. Scritto da Ma tu...

      …sei un disinformatore/troll onnipresente pagato dal regime o cosa?

      1. Scritto da Roberto

        Il tuo regime, invece? Cos’è? comunista? Se non la pensiamo come te siamo dei troll? Mi chiedo se tu nel mondo reale sei così bravo e coraggioso a scrivere caççate come dietro la tastiera, dietro cui ognuno si sente un leone.

        1. Scritto da Luca

          Non è questione di “pensarla diversamente da…”. Penso che il tizio sopra si riferisse a determinati personaggi che infestano SOLO ED ESCLUSIVAMENTE determinate tematiche “scottanti” sostenendo sempre e comunque le posizioni cosiddette “forti” senza tuttavia fornire alcun valore aggiunto alla discussione. Ed in effetti c’è un certo “Andrea qualcosa” che figura sui vari siti online di provincia UNICAMENTE quando c’è da difendere pro “aereoporto/ryanair/sacbo ecc.”

  4. Scritto da emili

    Sono ricorsi all’unione europa per fare rispettare diritti della salute e tutela ambientale ma in che paese viviamo!…coloro che ci devono tutelare dove sono