BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Giochi per bimbi rotti e panchine rovinate: benvenuti al Parco Goisis fotogallery

Giochi rotti, attrezzature sportive fuori uso, panchine bucate, vedovella senza rubinetto: un reportage sul parco Goisis a Bergamo.

Più informazioni su

In questo mini reportage fotografico, la documentazione delle più evidenti pecche segnalateci da alcune mamme che, ogni giorno, frequentano coi loro bimbi l’area verde nel quartiere di Monterosso: il parco Goisis.

Il cestino ancorato al suo blocco di cemento, tristemente appoggiato al tronco di una pianta da più di un anno, quando la ruspa di un’impresa edile impegnata in un lavoro al ‘Goisis’ la divelse da terra, non è un bello spettacolo. Ma a preoccupare le mamme è lo stato di non conservazione di alcuni giochi.

A quello nella foto qui vicino, per esempio, mancano un paio di pomelli blu che, coprendo dadi e viti, garantiscono la tenuta della scala di corda. Gioco non più sicuro e, quel che è peggio, assai pericoloso: da una delle corde sbuca infatti la punta acuminata di una vite!

Fuori uso, inoltre, un paio di attrezzature sportive: entrambe sono prive di due pezzi indispensabili perché funzionino al meglio; una, in particolare, ha un braccio mal fissato al sostegno contro il quale sbatte, ogni qual volta qualche ignaro passante la usa.

Poco belle da vedersi, inoltre, sono alcune panchine. E che dire, dello scivolo fuori uso e della fontanella che c’è nelle vicinanze dell’ingresso al parco da via Goisis? Priva di un rubinetto, gocciola desolatamente da più di un anno. Senza che nessuno la ripari.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Kurz

    Il problema dei giochi è che sono in legno, quindi materiale già di per sé molto degradabile, nonostante l’impregnazione in autoclave. Poi ci si mettono i vandali, come al solito. In Nord Europa dato il clima, spesso usano strutture più robuste in materiali sintetici fatti con plastiche riciclate… e poi (non per fare l’antiitaliano a tutti i costi), ma c’è più rispetto per le strutture pubbliche, che vengono anche mantenute e spesso riparate dai genitori. Ma quello è un altro pianeta.

  2. Scritto da Nemo

    Interessante…ci lamentiamo se i giochi al parco per i nostri bimbi sono rotti (probabilmente per mancanza di fondi) ….poi però siamo i primi a pagare in nero pur di risparmiare qualcosa….non pensando che quello che pensiamo un risparmio…..in realtà ce lo troviamo come un costo raddoppiato quando dobbiamo pagare le tasse anche di quello che ha fatto il furbo…..Solo capaci a lamentarci

  3. Scritto da Laura

    Speriamo non torni al degrado di 10 anni fa quando l’erba era alta mezzo metro e regnavano siringhe ovunque.

  4. Scritto da Fabio Gregorelli

    Valorizzazione dl verde pubblico
    Purtroppo è un problema che hanno anche altri parchi.
    In questi giorni è stata spedita una richiesta d’intervento per un gioco rotto nel parco baden powell di Celadina. La risposta è stata che un addetto ha verificato ma è da anni che dovrebbe essere sostituito. Stanno cercando di tamponare la situazione per colpa dei tagli dei finanziamenti e in attesa che sia tolto quando sarà totalmente inservibile.
    Senza parlare delle panchine quasi inservibili.

  5. Scritto da L76BG

    e ma l’importante è cambiare e ricambiare le panchine sol bracciolo (e farci la fotografia seduti sopra), quelle portano voti

    1. Scritto da giggi

      a incominciare da chi li mette, perchè quelli sono problemi.

      1. Scritto da Adele

        certo! Per i buonisti non importa come e dove accogliere … l’importante è che arrivino e se poi in inverno se ne trova uno morto congelato sulla panchina …. chissenefrega! l’importante far vedere e solo far vedere che si è generosi! e con i soldi degli altri … anche quelli in difficoltà … intanto ci pensa equitalia

  6. Scritto da sergio

    per non parlare dei giochi di ferro di fronte alla fontana perennemente rotti