BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Consulente per le carceri: Sofri rinuncia dopo le polemiche

Il ministro della giustizia Andrea Orlando dal canto suo spiega che "non c'era nessun tipo di consulenza nè tantomeno di incarico retribuito per Sofri"

Dopo le polemiche scatenatesi (leggi) quando si è saputo quale ruolo gli era stato assegnato, Adriano Sofri ha deciso di rinunciare all’a consulenza per la riforma carceraria.

Ridimensionando il peso del contributo che gli era stato richiesto, Sofri precisa di aver rinunciato "perché ne ho abbastanza delle fesserie in genere e delle fesserie promozionali in particolare. Si è sollevato un piccolo chiasso attorno alla mia ‘nomina’ da parte del ministro della Giustizia come ‘esperto’ di carcere. Il mio contributo – sottolinea l’ex leader di Lotta Continua – si era limitato a una conversazione telefonica con un autorevole giurista, e all’adesione a una eventuale riunione futura. Alla quale invece non andrò, scusandomene coi promotori, perché ne ho abbastanza delle fesserie in genere e delle fesserie promozionali in particolare".

Il ministro della giustizia Andrea Orlando dal canto suo spiega che "non c’era nessun tipo di consulenza nè tantomeno di incarico retribuito per Sofri".

Il leader di Lotta Continua condannato a 22 anni di carcere (ma da tempo in libertà) quale mandante dell’omicidio del Commissario di Polizia Luigi Calabresi avvenuto a Milano nel 1972, era uno degli ‘esperti’ chiamati dal Ministro della Giustizia Andrea Orlando per riformare il sistema penitenziario italiano. P

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da redeyetie

    Solita ipocrisia da contrapposizione politica. Le carceri fanno pena a dispetto dei fini da perseguire secondo la Costituzione, che, fino a prova contraria, risulta essere ancora in vigore. La riforma facciamola fare a qualche consulente amico degli amici che invece di conoscere la condizione delle carceri conosce fin troppo bene qualche politico e la condizione dei vacanzieri nei villaggi turistici. Chiaramente nominato da qualche politico condannato (o peggio mai giudicato per prescrizione)

  2. Scritto da peter

    ma tutti gli imputati ed i condannati presenti in parlamento e nelle istituzioni, invece, vanno bene?

  3. Scritto da menomal

    Solo in itaglia si possono avere certe idee…Fortuna che ogni tanto qualcuni fa del”piccolo chiasso”.

  4. Scritto da Luis

    Proporrei anche Riina come consulente per l’antimafia e Berlusconi per il contrasto alla prostituzione…