BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

“Concerti in villa” A Seriate torna la musica nelle dimore storiche

Da venerdì 26 giugno a venerdì 4 settembre a Seriate torna la rassegna musicale "Concerti in villa". In programma cinque concerti tra le dimore storiche: Ambiveri, Piccinelli, Tassis, Guerinoni e Castello Rivola di Comonte.

Riaprono le porte delle ville storiche di Seriate all’insegna della parola d’ordine "contaminazione". Quella tra linguaggi, con la musica classica che dialogherà con i generi popolare e jazz. Quella tra architettura e melodia, che sarà chiave d’accesso per entrare nelle dimore storiche cittadine.

Dal 26 giugno al 4 settembre torna la rassegna "Concerti in villa", promossa dall’assessorato alla cultura: cinque esibizioni, il venerdì alle 21, per proseguire il piacere dell’ascolto di buona musica in ambienti suggestivi e ricchi di storia. Ogni serata sarà a ingresso libero sino esaurimento posti e si terrà anche in caso di maltempo.

Alla sesta edizione, con direzione artistica del maestro Attilio Bergamelli, la manifestazione si rivolge a un pubblico eterogeneo.

L’assessore alla cultura Ester Pedrini dichiara: "La stagione dei concerti estivi nelle dimore storiche segue la tradizione e l’innovazione. La tradizione perché torniamo a visitare le ville con un appuntamento diventato usanza seriatese, tanto da replicarlo l’anno prossimo, essendo un marchio distintivo della città. Innovazione perché, per soddisfare le richieste del pubblico, sempre numeroso, quest’anno la proposta artistica ha un concerto in più: cinque al posto di quattro. Oltre a confermare l’alta qualità, il cartellone segue una singolare circolarità: si parte in Villa Ambiveri, con l’esibizione nel giardino mai usato sinora per la rassegna, e si chiude al Castello Rivola con concerti dal sapore spagnoleggiante, passando attraverso sonorità jazz, classiche e popolari. Non resta che lasciarsi contaminare vivendo la nostra città e la sua storia in atmosfere emozionanti degne di nota”.

Il direttore artistico Bergamelli spiega: "L’obiettivo è stupire la gente con la grande musica classica da inserire in un cartellone ‘pop’ che sente l’esigenza di recuperare la musica classica accostandola ad altri generi per avvicinare anche i non appassionati. Mi auguro di vedere tra il pubblico anche giovani musicisti di istituti musicali o del conservatorio cittadino, perché ascoltare artisti con più esperienza è per loro un utile aiuto per migliorare ed acquisire nuove conoscenze. E poi si sa la musica fa bene all’intelletto e al cuore”.

Ogni concerto sarà aperto da una breve introduzione all’ascolto del maestro Bergamelli, seguita dalle esecuzioni.

Una miscela di stili. Una carica di emozioni.

Il cartellone sarà aperto il 26 giugno in villa Ambiveri con "Dalla Spagna con amore". Joaquin Palomares, tra i migliori violinisti iberici, in duo con Andrea Rucli al pianoforte, rileggeranno, con la passione tipica delle sonorità ispaniche, pagine di compositori di fine Ottocento e primi del Novecento.

Il 10 luglio in villa Piccinelli si terrà "Sublimi note in jazz". Il trio di Maurizio Di Fulvio proporrà una fusione tra i generi classico, pop e jazz cameristico ripescando pezzi del pianista Chick Corea, Sting e Stevie Wonder.

Il 24 luglio il duo pianistico Alessandra Taglieri e Roberto Genitoni proporrà in villa Tassis "Emozioni in bianco e nero". Quali? Quelle provate grazie a un concerto coinvolgente eseguito a quattro mani sui tasti del piano. Il duo proporrà in versione inaudita pezzi di Gabriel Fauré, di Giuseppe Martucci ispirati all’opera "Un ballo in maschera" di Verdi, Gershwin.

Il 7 agosto, villa Guerinoni, sarà palcoscenico per le armonie musicali di talenti seriatesi con il quintetto di fiati di Federico Dalprà per "5! 5 strumenti, 5 compositori, 5 epoche, 5 stili".

La rassegna si chiuderà il 4 settembre al castello Rivola di Comonte con "Suoni luminosi per una splendida chitarra". Il chitarrista Giovanni Grano eseguirà un repertorio di autori dell’Ottocento e del Novecento per una serata dai colori spagnoleggianti e vena mediterranea.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da mister

    Ma che capo e coda ha sta roba? “Villa” a parte…certo è tutta “musica”…