BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Coordinamento per la pace, inaugurata in via Tasso la nuova sede provinciale

Nel palazzo della Provincia, è stata inaugurata la nuova sede del Coordinamento provinciale bergamasco degli enti locali per la pace e i diritti umani, che è stata intitolata al sindaco e uomo politico Giorgio La Pira.

Nel palazzo della Provincia, è stata inaugurata la nuova sede del Coordinamento provinciale bergamasco degli enti locali per la pace e i diritti umani, che è stata intitolata al sindaco e uomo politico Giorgio La Pira. L’ufficio è stato allestito al pianterreno di via Tasso, nei locali storicamente adibiti ai gruppi consiliari.

La scoperta della targa dedicata a La Pira (che "non ebbe paura della pace") e il taglio del nastro si sono svolti in un clima festoso.

Alla cerimonia hanno preso parte le autorità, tra cui numerosi sindaci, i responsabili del coordinamento, un nutrito gruppo di cittadini e le associazioni che collaborano al progetto.

Erano presenti rappresentanti di rete Sos, Tavola della Pace di Bergamo, comitato bergamasco per la difesa della Costituzione, associazione Sordomuti, Scv, Caritas, Propolis, Semig Torino, Comunità Ruah e Ufficio migranti della Curia.

Nel suo messaggio, il presidente della Provincia, Matteo Rossi, ha voluto condividere "questa giornata importante" attraverso le seguenti parole: "L’impegno per la Pace che caratterizza da sempre la comunità bergamasca oggi si arricchisce delle mani, dei cuori e dell’intelligenza di tanti amministratori locali che, decidendo di aderire al nostro coordinamento, interpretano fino in fondo il mandato che la Costituzione affida alle autonomie locali. Essere operatori di pace, di coesione e di giustizia è forse il senso più profondo della nostra azione amministrative. È la nostra missione, il filo che deve legare ciascuna delle scelte che operiamo ogni giorno. Condivido infine la scelta della persona a cui viene dedicata la nostra sede, Giorgio La Pira, politico e amministratore che con parole e gesti ha saputo incarnare quel passo del vangelo in cui ci viene ricordato di essere ‘uomini in questo mondo, non di questo mondo’, immersi pienamente nelle sfide e nelle vicissitudini della realtà di cui ci è stato dato di occuparci, ma sempre tesi a qualcosa che va oltre di noi, e in nome del quale abbiamo scelto di impegnarci per il bene comune".

Nel saluto dell’amministrazione provinciale, il consigliere delegato al Bilancio e Personale Francesco Cornolti, in rappresentanza del presidente Rossi, ha voluto condividere l’impegno per la pace che caratterizza da sempre la comunità bergamasca. "Aggiungo al messaggio del Presidente Rossi i migliori auguri di buon lavoro anche a nome dei colleghi Consiglieri provinciali, ma soprattutto voglio sottolineare il significato d’aver scelto il palazzo della Provincia quale sede del comitato. Per la maggioranza che governa questa Istituzione, la visione e missione della Provincia, pur modificata dalle recenti leggi, è precisamente quella di essere accanto ai Comuni offrendo loro piena accoglienza sia per le competenze proprie ma anche per sostenere iniziative come questa che hanno, tra le finalità, la crescita della coscienza civile della popolazione bergamasca basata sui valori e messaggi sempre più urgenti in questa epoca storica".

Nell’occasione, infine, Marzia Marchesi, presidente del Coordinamento provinciale bergamasco degli enti locali per la pace e i diritti umani, ha ricordato la figura di Giorgio La Pira: "Compito, oggi, della politica è rimettere al centro i diritti e i doveri e quindi l’uomo, nella sua essenza, sia esso cittadino, immigrato, profugo", ha affermato. "Ciò che conta è essere cittadino del mondo, senza temere l’altro, senza aver paura delle differenze, senza aver paura della pace… ed è per questo che vogliamo dedicare la nuova sede a Giorgio La Pira, politico italiano che, nel lontano 1952, organizzò il "Primo convegno internazionale per la pace e la civiltà cristiana": da esso ha inizio un’attività, unica in Occidente, tesa a promuovere contatti vivi, profondi e sistematici tra esponenti politici di tutti i Paesi, tesi sempre ad affermare la necessità di distensione dei rapporti e del disarmo".

Per avere ulteriori informazioni sul Coordinamento provinciale bergamasco degli enti locali per la Pace: http://www.entilocalipacebg.it

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da paci

    Talmente importante che nemmeno il presidente Rossi si è degnato di presenziare.
    Troppo affaccendato a raccogliere preferenze per le elezioni 2018.

  2. Scritto da MAURIZIO

    Un coordinamento è proprio quello che mancava.