BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Bergamo senza immigrati: 18.593 residenti in meno Mappa quartiere per quartiere

Come sarebbe la città di Bergamo senza immigrati? Nella terza puntata della nostra inchiesta abbiamo deciso di focalizzarci sul numero di residenti, a livello comunale e per ogni singolo quartiere: la città perderebbe il 15,67% dei suoi abitanti.

Più informazioni su

Come sarebbe la città di Bergamo senza immigrati? Ce lo siamo chiesti affrontando la questione dal punto di vista sportivo e da quello economico nelle prime due puntate di questa speciale inchiesta, sottolineando come l’Atalanta perderebbe 8 dei suoi calciatori più significativi e il mondo imprenditoriale dovrebbe fare a meno del 9,2% delle proprie capacità, pari a 1.523 aziende.

Per il terzo appuntamento, abbiamo deciso di basare la nostra analisi sul numero dei residenti stranieri, a livello comunale e in ogni singolo quartiere cittadino, dividendoli per genere e rapportandoli a quelli italiani.

Dei 118.588 residenti a Bergamo nel 2014, 18.593 sono stranieri, pari al 15,67%: di questi 9.901 sono donne, 8.692 uomini. Il quartiere che numericamente accuserebbe di più il colpo è il Centro, con 2.637 residenti in meno: seguono la Celadina, con 1.880, Borgo Palazzo, con 1.847, San Tomaso, con 1.538, e Loreto, con 1.479. Le perdite minori in Città Alta, dove risiedono solamente 162 stranieri, e Colli, 181.

Guardando ai quartieri con la maggiore presenza di residenti stranieri in rapporto a quelli italiani, la “classifica” è guidata dalla Malpensata, con il 26,42% di stranieri, seguita da Grumello, 23,10%, Carnovali, 23,03%, San Tomaso, 22,19%, e Borgo Palazzo, 21,27%.

LA MAPPA INTERATTIVA (Qui potete visualizzarla a tutto schermo)

Le percentuali quartiere per quartiere:

Boccaleone 11,85%

Borgo Palazzo 21,27%

Campagnola 14,63%

Carnovali 23,03%

Celadina 20,4%

Centro 16,11%

Città Alta 5,9%

Colli 7,08%

Colognola 15,69%

Grumello 23,10%

Longuelo 10,45%

Loreto 20,53%

Malpensata 26,42%

Monterosso 4,99%

Redona 8,58%

San Paolo 10,96%

San Tomaso 22,19%

Santa Caterina 17,94%

Santa Lucia 9,64%

Valtesse 9,50%

Valverde 11,40%

Villaggio 10,60%

Per rendersi conto ancora meglio dell’incidenza dei cittadini stranieri nel Comune di Bergamo, ecco l’infografica con tutti i dati:

 

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Omar

    Con 20 mila persone in meno non è detto che si starebbe peggio,anzi,la città sarebbe molto piu’ sicura e vivibile.

  2. Scritto da Renato

    ..Senza contare tutti gli irregolari…..

  3. Scritto da jack

    Col tempo gli stranieri si impadroniranno del centro storico. Basta no pochi stranieri in un condominio per far cadere il prezzo degli immobili, i proprietari italiano non potranno far altro che venderlo ad altri stranieri. Nessun italiano lo comprerebbe. E’ un processo irreversibile ormai.

    1. Scritto da aris

      dicevano cosi anche a new york/USA 100 anni fa degli immigrati italiani e irlandesi (senza parlare dei neri) Oggi in realtà tutte le case di NY si sono apprezzate e italiani + irlandesi e di colore sono integrati con sindaci e presidenti di quelle origini. Ma si vede che gli americani son piu aperti di quattro bergamascotti ………

      1. Scritto da mochela

        Vallo a chiedere a chi ha visto il propio condominio “invaso” da extracomunitari di quanto si è apprezzato il suo appartamento! Al masochismo non c’è mai limite e certi bergamaschi in questo sono imbattibili.

    2. Scritto da Bernardo

      Questo accade solo nelle città dove i proprietari degli immobili del centro sono dei ….. pidocchi .

  4. Scritto da renato

    Il problema non sono i residenti con lavoro e integrati, sono i clandestini da mantenere il problema.

    1. Scritto da Jeff

      Già , il fatto che il boom dell’immigrazione sia avvenuto con la lega al governo (dappertutto) ti impedisce di dire altro , vero ?
      Pensa che botta di soldi si son fatti gli imprenditori edili e gli immobiliaristi , classiche categorie di komunisti. Neh ?

      1. Scritto da il polemico

        non si capisce se sei favorevole all’arrivo e mantenimento dei clandestini perchè vuoi fare della solidarietà,o li vuoi semplicemente perchè un tempo un governo con la lega ha regolarizzato 300mila stranieri che lavoravano in nero su territorio italiano.ora il partito che fu fortemente contrario alla sanatoria di allora ,ora li vuole solo illegali e da mantenere con i soldi di tutti

      2. Scritto da Alberto

        Eh già, fortuna che adesso ci sono frontiere chiuse e solo immigrati regolari… Alà cor!

        1. Scritto da Jeff

          Puoi negare quello che ho scritto ? No che non puoi , ormai è storia !!

        2. Scritto da Lucio

          Pensa che grazie alla politica della lega di governo (economia italiana col sedere per terra) , passano di qua solo per andare nel resto d’europa !

    2. Scritto da giggi

      lo sappiamo che il problema (vostro) sono anche gli integrati. pensa a quante storie devono sopportare per aprire un negozio o avere una moschea.

      1. Scritto da will

        Giggi da oggi si preoccuperà a far “aprire” nuove chiese a Teheran e Bagdad… poi passerà nello Yemen. Attendiamo fiduciosi per la buona riuscita. Ps. non usare il rosso mi raccomando.

        1. Scritto da incompreso

          Quale relazione vede fra la “apertura di chiese” in Iran e Iraq e lquella di moschee in Italia?

  5. Scritto da cap

    il dato più interessante è che in centro ci sono un migliaio di sciure italiane a contendersi 7 mandrilli stranieri… mìa màl!