BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Ribolla scrive a Maroni: “Immigrati spostati, si facciano dei controlli”

Il capogruppo leghista al presidente della Regione: "Le segnalo questa situazione affinché lei possa far verificare la sussistenza delle condizioni igienico sanitarie della struttura di via Beltrami dove sono stati trasferiti i presunti profughi".

Più informazioni su

Alberto Ribolla, capogruppo in consiglio comunale della Lega Nord, scrive a Roberto Maroni. Il tema della lettera riguarda lo scottante caso dello spostamento del gruppo di 25 immigrati, passati dall’ex Gleno di Bergamo all’ex scuola materna di via Beltremi. "Egregio Presidente – si legge nella lettera -, negli scorsi giorni 25 presunti profughi sono stati trasferiti, su richiesta della Prefettura di Bergamo, da una struttura privata sita nel Comune di Bergamo ad una ex scuola materna di proprietà comunale, dismessa da tempo, sita in via Costantino Beltrami al civico 33. Per la prima volta, infatti, l’Amministrazione Comunale ha concesso una struttura pubblica alla Prefettura per l’ospitalità dei profughi. Non risulta che la Prefettura abbia comunicato questa circostanza a Regione Lombardia, come da Lei auspicato. Con la presente, quindi, in qualità di Consigliere Comunale della Città di Bergamo, ritengo opportuno segnalarLe questa situazione affinché possa porre in essere tutte quelle iniziative volte a verificare la sussistenza delle condizioni igienico sanitarie della suddetta struttura, interessando l’Azienda Sanitaria Locale di Bergamo per i consueti accertamenti".

Parole, quelle di Ribolla, che seguono le dichiarazioni del presidente della Lombardia Maroni, che sabato mattina ha chiesto ai cittadini di segnalare le strutture messe a disposizione dei "presunti profughi, così da poter inviare dei tecnico Asl per gli accertamenti".

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da pablo

    mi pare che Ribolla abbia fatto uno scivolone… in 10 righe di lettera scrive “presunti profughi” e “profughi”, invece di utilizzare i termini usati dal suo partito “clandestini”, “invasori”… temo che i suoi elettori potrebbero prenderla male.. o confondersi

  2. Scritto da il polemico

    l’assurdità dei sindaci pd che non vogliono gli estracomunitari,ma che li ospitano per dare contro alla lega,ma che quando passi dai loro paesi,lasciano in bella mostra cartelli di divieto di sosta alle carovane rom,non si sa se è perchè i rom non sono arrivati con i barconi e quindi vanno discriminati,oppure perchè i rom non alimentano il businnes degli sbarchi e dell’ospitalità……io direi entrambe,per i sindaci pd immagino che non ci avrenno mai fatto caso

    1. Scritto da pablo

      io direi che racconti sempre la stessa solfa… come fai a non annoiarti?

  3. Scritto da Bonus

    Ma 10 sparate insulse di Ribolla gli fanno vincere qualcosa? Tutto fumo,tantissimo fumo e una pochezza disarmante.

  4. Scritto da Kepena

    Da far cadere le braccia.