BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Salvini: “Dono il sangue” E in silenzio lo fa l’anonimo immigrato

Matteo Salvini, segretario della Lega Nord, dona il sangue e posta la sua foto su Facebook con un commento che fa discutere. Anche A.K., immigrato senegalese che fa il venditore ambulante in una via del centro di Bergamo.

Più informazioni su

"Donazione di sangue fatta! Non mi interessa chi aiuterò, un bianco o un nero, un milanese o un giapponese, da cittadino mi interessa aiutare qualcuno che ha bisogno. Da politico invece, è mio dovere aiutare prima gli italiani". E’ il commento di Matteo Salvini, segretario della Lega Nord, che nella mattinata di giovedì 18 giugno ha scritto sul proprio profilo Facebook pubblicando la sua foto mentre fa la donazione di sangue.

Eccola.

 

In redazione a Bergamonews è arrivata anche una lettera firmata che racconta un’esperienza diversa, quella di un giovane senagalese che fa il venditore ambulante in una via del centro di Bergamo.

La pubblichiamo integralmente:

"Gentile Redazione Bergamonews,

si chiama A.K. E’ uno dei tanti ragazzi senegalesi che incontriamo nelle nostre vie, uno a cui solitamente neanche facciamo caso, a meno che non ci venga ad infastidire per venderci qualche chincaglieria.

Ma un giorno, questo ragazzo mi ha rivolto la parola per chiedermi una strana cosa: non di comprare un suo accendino, e nemmeno una moneta per mangiare, bensì mi ha domandato come poteva fare per diventare un donatore di sangue. Dopo il primo attimo di sbalordimento, ho fornito ad A.K. tutte le informazioni richieste e lui, passato all’incirca un mese, ha fatto la sua prima donazione.

Quando sono passata da quella strada, mi ha mostrato orgogliosamente il “buco”sul suo braccio e le fotografie scattate nell’atto della donazione.

Abbiamo riso insieme, quando gli ho fatto notare che la paura dell’ago aveva fatto impallidire la sua pelle nera!!! A.K è uno dei tanti ragazzi neri che vivono nella nostra città, un “invisibile” ai più, un discriminato per i molti che ritengono che questo tipo di stranieri debbano tornare a casa loro, un semplice “vu cumprà” che rompe le scatole per strada e non combina niente di buono.

Ma A. K. non ha mai chiesto a nessuno di comprare, ormai è conosciuto da tutto il quartiere ed è benvoluto perché è gentile e premuroso con tutti, ed ogni volta che lo si incontra, saluta con un sorriso.

A.K. è lì, per strada. E regala insieme ai suoi saluti e ai suoi sorrisi anche il suo sangue.

Non sembra così difficile da capire, eppure per molti è inconcepibile: non esiste una razza, facciamo tutti parte della razza umana; e anche se cambia il colore della nostra pelle, il colore del nostro sangue rimane rosso.

Abbiamo tutti due occhi,, un cervello ed un cuore. Non rendiamoci ciechi, ottusi, duri ma cerchiamo di aprirci per vedere, per capire, per amare.

Così come ha fatto A.K."

Lettera firmata

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da rizzetta

    Mi sento in dovere di ringraziare A.K. per il suo gesto disinteressato e umano. Ho avuto necessità di trasfusioni e mi sono sempre rivolta ai miei anonimi donatori con gratitudine. Quando si fa del bene, lo si fa in silenzio

  2. Scritto da annalisa

    alla direzione, quante lettere stupide e quanti commenti stupidi… cercate di migliorare…

  3. Scritto da A.Z. BG

    Salvini è da almeno 20 anni che dona il sangue ed è socio dell’avis milanese, per la quale ha fatto pubblicità notevoli ed ha spesso organizzato donazioni di gruppo. Personalmente dono il sangue almeno tre volte l’anno ma di stranieri ed extracomunitari non ne ho mai visti all’avis. Mi pare una lettera inventata apposta contro Salvini.

    1. Scritto da Pep

      Spiegagli che la pallina si tiene con l’altra mano.

    2. Scritto da Leo

      Gli immigrati donatori in lombardia sono circa 24.000 e non si fanno pubblicità.

  4. Scritto da luigi

    30 anni di avis 60 donazioni mai visto uno straniero donare, però questo fare pubblicita all’avis mi piace

    1. Scritto da giggi

      eh già, trent’anni, ma anche 20-10, fa era pieno di extracomunitari appena sbarcati. ci sono regole precise per le donazioni, o no? le conosce?

  5. Scritto da il polemico

    e pensare che il tanto voluto dal pd governo monti,voleva far scontare alla fine carriera lavorativa tutti i giorni pagati che i donatori usufruivano per le donazioni,ma almeno per ora non se ne farà nulla perchè ha prevalso il buon senso.

    1. Scritto da giggi

      il tanto voluto dal pd… polemico è sempre in malafede. quel governo era sostenuto da pdl, centristi e pd. e la lega era fedele alleato del pdl, se no come faceva maroni a diventare governatore?

  6. Scritto da Vangelo

    “mentre fai l’elemosina non sappia la tua sinistra ciò che fa la destra” .Vangelo Matteo 6,1-4, ma anche stile di vita.

  7. Scritto da + verande x tutti

    Se uno dona il sangue (gratis, tanto per chiarire) e pubblicizza il fatto non vedo perchè debba essere messo alla berlina. Ah, già: pensa sbagliato… C’è troppa gente sul pero.

    1. Scritto da -verande+vangelo

      Non sappia la mano sinistra ciò che fa la tua mano destra.

    2. Scritto da Daniele

      Non so dove hai vissuto fino ad ora, ma dalle nostre parti c’è l’abitudine di fare il bene senza sbandierarlo ai quattro venti.

  8. Scritto da BATTISTA BELLONI

    Ho fatto 105 donazioni senza fare reclam
    Belloni Battista

    1. Scritto da Dolores

      E hai fatto male. Se fossi andato in giro a reclamizzare magari avresti aumentato il numero dei donatori. E più uno è famoso e più è forte il messaggio pubblicitario. Il fatto che la pensi diversamente da te non ne fa un extraterrestre o in paria. Il suo sangue è utile come il tuo. E smettiamola di far polemiche inutili. Quando uno fa del bene lo si ringrazia. Grazie anche a te, ovviamente.

      1. Scritto da Barabao

        Ah ma allora salvini lo ha fatto per pubblicizzare le donazioni , non per i voti . Ma pensa te ! Per quale campagna di promozione e di chi lo ha fatto ?

  9. Scritto da Daniele

    Che io ricordi è il primo caso di attività di lucro politico sulla donazione di sangue. Osceno.

  10. Scritto da Squallore

    Che esibizionisti questi politici da quattro soldi.
    Non sanno che donare si fa in silenzio, e non per raccattare qualche voto in piú da qualche poveretto mentale che si fa commuovere da questa esibizione?
    Che squallore

  11. Scritto da ground zero

    Salvini hai toccato livello zero, puoi solo cominciare a scavare.
    Racconta anche che metti 5 € nelle offerte in Chiesa

  12. Scritto da Roberto

    Che bravo quest’uomo, certo anche io sono donatore di sangue da almeno venti anni e così mia moglie, mio suocero e mia madre lo sono stati per una vita. Quindi ben venga la pubblicità di Salvini e poi si abbiamo tutti il sangue rosso uguale, ma quando lo spiego al mio collega di lavoro mussulmano lui insiste con il dire che la donna è diversa, inferiore, non può donare.

    1. Scritto da Paolo

      Ho letto in internet che i donatori immigrati in lombardia sono circa 24.000 .

    2. Scritto da Rinfreschiamoci

      Fino al 1945 da noi la donna non potevano votare . Fino al ’68 si puniva l’adulterio della moglie (solo quello della moglie). Le disposizioni sul delitto d’onore sono state abrogate nel 1981 .

      1. Scritto da aris

        anche in Svizzera fino a poco tempo fa le donne non potevano votare. Poi mi sembra che i leghisti non siano cosi dolci con le donne….Infine non tutti i musulmani sono uguali, cosi come i cattolici, gli ebrei,i buddhisti, ecc

      2. Scritto da Paleo Zoticus

        Ti sono grato per averci rammentato i tempi d’oro, quando ognuno se ne stava al posto assegnato dalla Natura, ma mi resta un quesito sul quale ho perso il sonno innumerevoli notti: DA QUANDO E’ CONSENTITO PURE ALLE DONNE DI CONSEGUIRE LA PATENTE DI GUIDA? Potresti aiutarci? Ringrazio sentitamente. ;-))

        1. Scritto da Daniele

          Dal 1913, purtroppo…

  13. Scritto da Mariangela

    E’ proprio vero, dobbiamo aprire gli occhi e il cuore e vedere, sentire nei loro occhi e nei loro cuori la sofferenza di tanti nostri cari fratelli.

  14. Scritto da silver

    il sepolcro imbiancato colpisce ancora

  15. Scritto da paolo

    Grazie di cuore per questa lettera.

  16. Scritto da Giovanni Manzoni

    E’ difficile ammettere che le persone sono ” umane” anche quando sono della Lega. Questi articoli sembrano piu’ il pretesto di far sembrare qualcosa di contrapposto quando non c’e’. Qulcuno bravo ma poveretto , qualcunaltro cattivo politco e non allineato. Che ne dica il sig.r Gaetano siamo tutti Umani anche i Leghisti. Magari il buonsenso usiamolo nella doppia direzione tutti . Grazie

  17. Scritto da Alberto

    Meglio scrivere una lettera di encomio per tutti i circa 35000 donatori anonimi dell’Avis Bergamo, oppure cercare di fare qualcosa di utile per incrementarne il numero?

    1. Scritto da a

      I numeri o i voti?

  18. Scritto da luigi

    ci mancava anche questa del piccolo ducetto in verde,a quando il freeclimbing,oppure la cattura di vipere a mani nude,o ancora la traversata dei fossi per lungo..Allora se fai qualcosa per gli altri non metterlo in mostra altrimenti è solo esibizionismo

  19. Scritto da Beppe

    nemmeno la pallina nella mano giusta è capace di tenere

  20. Scritto da Simone Paganoni

    … Dite a Salvini che la pallina bisogna tenerla nell’altra mano, altrimenti non serve a nulla !

    1. Scritto da giggi

      ahah giusto, si vede che non lo fa spesso. che sia tutta una montatura?

  21. Scritto da gaetano bresci

    una sola razza: quella UMANA!…..i leghisti se ne sono dissociati.