BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Città Alta, multe alle moto “Navette e spazi non ci sono” E’ polemica su Facebook

Moto multate in corrispondenza del cantiere di Sant'Agostino e scoppia la polemica: “Amministrazione senza buon senso: dove sono i parcheggi riservati e le tante acclamate navette?”.

Più informazioni su

Puntuale, durante lo svolgimento a regime dell’attività degli spazi estivi sugli spalti di città alta, arriva la polemica su parcheggi e multe: nella serata di giovedì 18 giugno, ad accendere la miccia sono state alcune sanzioni staccate alle moto parcheggiate fuori dagli spazi appositi nella zona di Sant’Agostino.

Il dibattito si è svolto su Facebook dove Luca Renica, candidato consigliere di Fratelli d’Italia alle elezioni cittadine dello scorso anno, ha pubblicato una foto degli agenti di Polizia Locale intenti a sanzionare i mezzi a due ruote posteggiati sul percorso pedonale che costeggia il cantiere di Sant’Agostino: “Oggi come lo scorso anno – ha attaccato – sono state multate addirittura le moto. Questo è il cambiodipasso di questa amministrazione. #bastamulteridicole. La mia moto – ha spiegato – multata perchè era la continuazione delle strisce bianche e invadeva la zona dei pullman che, alle 11.45, chiaramente non ci sono”.

Un post nel quale sono stati taggati il portavoce consigliere comunale del Movimento 5 Stelle Fabio Gregorelli, i consiglieri del centrodestra Luisa Pecce, Alberto Ribolla, Andrea Tremaglia, Stefano Benigni e Davide De Rosa, l’ex sindaco Franco Tentorio e gli ex assessori Massimo Bandera e Gianfranco Ceci: ma il dibattito si è presto allargato anche agli attuali assessori Giacomo Angeloni e Sergio Gandi, al consigliere Nicola Eynard del Partito Democratico e al delegato del Comune per Città Alta Roberto Amaddeo.

“La multa è sacrosanta – replica un utente – Quello è il percorso pedonale, ben segnalato per terra con righe ed omini. L’invaderlo con le moto facendolo diventare un parcheggio costringe i pedoni ad entrare in strada per passare, con tutti i pericoli del caso”. “Non è che se un’infrazione viene compiuta da tante persone, allora non va sanzionata”, ha aggiunto Nicola Eynard.

Ma l’amministrazione viene additata come “senza buon senso”:Dove sono i parcheggi riservati alle moto? Promessi lo scorso anno dall’assessore Zenoni? E le tanto acclamate navette? La risposta è che non ci sono, come può uno che abita in provincia arrivare all’evento? Se non ci sono a questo punto non fate nemmeno l’evento”.

A fare un po’ di chiarezza ci ha provato Roberto Amaddeo: “Un parcheggio disordinato non può essere tollerato, il vigile che arriva per sanzionare automobili non può far finta di non vedere le moto parcheggiate male. Il vero problema è che quest’anno il cantiere della chiesa di Sant’Agostino ha ridotto di molto la possibilità di parcheggiare moto: magari basta togliere due spazi blu da dedicare alle moto. L’altra soluzione è usare le navette, quando ci sono, che sono comodissime”.

La portata di Facebook e l’ampia partecipazione al dibattito da parte degli esponenti politici cittadini ha riportato in primo piano e ha amplificato la questione viabilità e parcheggi in città alta durante la stagione estiva ma, già a pochi giorni dall’apertura degli spazi sugli spalti, un utente del social network aveva già sentenziato sulla pagina di “Borgo Sant’Agostino”: “Bergamo non si smentisce mai, servizio navette assente e servizio multe presente”.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Giovane

    Nel medioevo erano davvero imbranati , non hanno neppure previsto ampi parcheggi ad libitum per le auto e le moto in città alta .
    Balenghi.

  2. Scritto da Roberto

    100 anni fa hanno inventato i veicoli a motore per camminare di meno. Pii li hanno tassati con l’iva,il bollo di circolazione,l’assicurazione, le tasse sui carburanti,da qualche parte con i tickets,i comuni fanno i bilanci preventivi con le multe, e potrei continuare. Volete anche farceli usare o volete solo fare in modo che siano un introito per le”istituzioni”che devono mantenere i loro inutili dipendenti e se stessi?Gli autobus saranno anche belli,ma a mia figlia dico di non usali la sera!!!

    1. Scritto da Gino

      Se non parcheggi dove c’è il divieto già fai qualcosa di buono. Per altro 100 anni fa non c’erano svariati milioni di veicoli a motore.

  3. Scritto da Marco

    Non ci sarà’ mai un vincitore: da un lato l’ amministrazione che senza risorse non potrà’ mantenere le promesse elettorali e da un lato le nuove leve che ormai sono lobotomizzate da social network e smartphone e con un educazione civica al 2%……..

  4. Scritto da francesca

    non entro nel merito di regole + o – rispettate, ma ieri sera ho visto transitare l’autobus n. 3 diretto a Città Alta, che svolge il servizio fino all’una e mezzo di notte, desolatamente VUOTO.
    usiamo questi mezzi invece di lamentarci sempre con il mondo. grazie

  5. Scritto da nico

    La multa è sacrosanta! Quello è il percorso pedonale, ben segnalato per terra con righe ed omini. L’invaderlo con le moto facendolo diventare un parcheggio costringe i pedoni ad entrare in strada per passare, con tutti i pericoli del caso. DI GIORNO e/o DI NOTTE c’è sempre qualcuno che ci parcheggia… ma si tratta a tutti gli effetti di un MARCIAPIEDE a RASO.

  6. Scritto da pm

    Son quasi tutti giovani… fare 500m a piedi li aiuta a smaltire la birra a fine serata, e anche a sviluppare il senso civico.

  7. Scritto da Gino

    Vero le regole vanno sempre rispettate .. Tranne per chi va all’atalanta

    1. Scritto da Eugenio

      Chi va all’Atalanta paga multe tutto l’anno. Quindi sbagli esempio. Ed in più deve farsi la sua bella passeggiata per andare allo stadio. Sbagli esempio. L’esempio giusto è: le multe non le paga chi parcheggia fuori dall’ospedale dove non dovrebbe, come pure fuori l’aeroporto. O chi parcheggia in doppia fila costantemente per la movida… per la quale non vi sono mai in giro pattuglie per controlli alcolemici, come pure per chi bivacca ovunque, o ti stressa per venderti qualcosa

      1. Scritto da Matteo

        ma paga ogni volta
        Cosa? Che quando passo di li vedo solo auto in mezzo anche alla superstrada che porta il bonaldi senza mai una
        Multa ed io ogni volta che prego che inizino a farle a tappeto a quella gente incivile che occupa una superstrada di giorno

  8. Scritto da Franco

    A Bergamo la gente pretende di avere il parcheggio pronto di fronte al locale, l’idea di farsi 10 minuti a piedi è inconcepibile. Invece di scandalizzarsi perchè i vigili fanno le multe ad auto e moto in divieto di sosta (cosa strana vero? eppure io pensavo fossero pagati per questo), bisognerebbe puntare il dito su chi parcheggia ovunque fregandosene delle regole.

  9. Scritto da Luca

    Per “Troppo rischioso” intendevo…. non voglio noie tipo: la moto è fuori 10 cm dalla striscia, non c’è parcheggio, abbassa la voce…… vado altrove.
    Mettere la moto in divieto non è bello, ma questo non fa una persona disonesta… altrimenti cosa dovrei dire dell’80% degli automobilisti che telefona e naviga alla guida?

  10. Scritto da Psychokiller

    Quindi come funziona, fatemi capire: se ho l’auto ma non trovo parcheggio e la piazzo in divieto beccandomi la multa questa è sacrosanta, se invece non trovo posteggio per la Vespa, la lascio in mezzo al marciapiede e mi multano trattasi di ingiustizia? No perché i marciapiedi di Città Alta, per tutta l’estate (chiusura o non chiusura), nei pressi degli estivi sono letteralmente invasi da scooter e moto! Giusto multare, che i motociclisti imparino a camminare e soprattutto a portare rispetto!

    1. Scritto da Michele

      Hai completamente ragione, oggi multe e se continuano altre.

      1. Scritto da mdv

        Tutti giustizieri qui!
        Questa non è comunicazione, è avere ragione di qualcosa almeno una volta nella giornata. Certi commenti non sono costruttivi ma un mero sfogo. Tutti nervosi e pronti a darsi addosso al primo pensiero contrario. Questa é la peggio Bergamo. Sereni!!

  11. Scritto da Roberto

    Le regole sono fatte per essere rispettate, ma non sempre le regole sono fatte rispettando il cittadino.Nel caso specifico anche il marciapiede ( larghissimo) potrebbe essere condiviso tra moto e pedoni con adeguate indicazioni (strisce) . L’utilizzo della moto /motorini è da incentivare rispetto all’auto , ma anche le biciclette per poter essere messe “in sicurezza” devono essere legate sul marciapiede legate alla ringhiera.non è “l’ordine “, ma la libertà di camminare che va rispettata.

    1. Scritto da Andrea

      Anche questa è una bella storia: perchè mai andrebbe incentivato l’uso delle moto che inquinano più delle auto? Solo perchè occupano meno spazio?

  12. Scritto da guido

    dove sono i vigili quando qualcuno vuol pulire, contro la tua volontà, il vetro della tua auto, quando qualcuno abusivamente fa commercio o chiede la questua?
    In quei casi sono rogne e incasso zero e corri il rischio di prenderti un cazzotto.
    Forte con i deboli e deboli con i forti.
    Come diceva Toto “Ccà nisciuno è fesso”!!!!

    1. Scritto da Jerry

      Io non sarei così sicuro che “cà nisciuno è fesso” , dopo aver letto il tuo post …. parliamone.

      1. Scritto da mdv

        Parliamone? Arrivato il brillantone. Anche io non concordo ma certi toni usali a casa tua pierino! Capit?

  13. Scritto da A.Z. BG

    La giunta gori-pd ha approvato un bilancio preventivo con il raddoppio delle multe stradali,è ovvio che vanno dove se le sono procurate con appositi divieti.Prima si piazzano i divieti,non si fanno parcheggi,si creano “spazi” sulle mura, vietate alle auto,si multano anche motorini dei ragazzi che”scioccamente”approfittano delle iniziative comunali.Non si può andare in Santa Caterina perché non è organizzato dal comune,ma almeno lì si pensava di poterci andare.Invece no.Via da Bergamo!

    1. Scritto da Penny Black

      La politica ti offusca la vista . Ma che c’entra ? Nel caso specifico quali divieti han piazzato ? Secondo te le moto si possono parcheggiare ovunque anche sui percorsi pedonali ? I divieti di sosta sono leciti se amministra la destra e non se amministra la sisnistra o viceversa ? Ma di che cavolo stiamo parlando ? Queste multe sono sacrosante.

  14. Scritto da Andrea

    ma fatevi na’ camminata che fa bene….

  15. Scritto da mdv

    Davanti ai Giardini, alla Rotonda dei Mille, in via Verdi fronte Pignolo e davanti a certe scuole, dove succede nelle ore diurne, però non passano mai. Solerti e impeccabili contro moto e motorini (che io non ho, giusto per evitare accuse di interesse personale). Le regole vanno fatte rispettare sia che il sanzionato stia lavorando/studiando/divertendo/aspettando figli. A me pare che che ci sia una triste tolleranza a zone!

    1. Scritto da Ivan

      Mi pare che in piazza Repubblica in via Zelasco in via Locatelli alla rotonda dei Mille i vigili pàssino tutti i giorni sino a tre volte al giorno!!! Vediamo di non perderci in luoghi comuni e leggende!!!grazie

  16. Scritto da Luca

    Troppo rischioso frequentare Città Alta e Borgo Santa Caterina.
    Meglio andare in altri posti.

    1. Scritto da Luca

      …troppo rischioso per le persone disoneste!

      1. Scritto da Arturo

        Lei tornerebbe a casa all’una di notte o più tardi, a piedi o in autobus? Io no! Se vado in quelle zone ci vado in macchina o in moto, non certo a piedi e non sono disonesto, quello lo sarà lei. Si tenga le parole per lei.