BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Querela a Gabanelli si ritorce contro Formigoni: deve pagare per lite temeraria

Roberto Formigoni fa causa a Milena Gabanelli. Perde la causa, deve pagarsi le spese porcessuali. E basta? No, non è tutto perché stavolta l'ex governatore della Lombardia viene condannato per "lite temeraria" e deve sborsare una sanzione di 5 mila euro. E' il primo caso a Milano e tra i primissimi in Italia: una sanzione a chi querela senza motivo

Roberto Formigoni fa causa a Milena Gabanelli. Perde la causa, deve pagarsi le spese porcessuali. E basta? No, non è tutto perché stavolta l’ex governatore della Lombardia viene condannato per "lite temeraria" e deve sborsare una sanzione di 5 mila euro. E’ il primo caso a Milano e tra i primissimi in Italia: una sanzione a chi querela senza motivo. E vi asicuriamo che di personaggi così ce ne sono: denunciano così di fatto zittiscono gli organi di informazione.

Formigoni si lamentava del lavoro giornalistico sui suoi guai giudiziari di Alberto Nerazzini e di Gabanelli in una puntata di Report intitolata «Il Papa re» il 4 novembre 2012 sui Rai3.

Ma la giudice civile Martina Flamini, dopo aver verificato che i fatti riferiti erano stati attinti da atti di indagini non più coperti da segreto, è andata oltre e ha accolto la richiesta dell’avvocato Caterina Malavenda di sanzionare Formigoni per lite temeraria: "Formigoni – scrive il giudice – ha agito in giudizio con evidente colpa grave alla luce della manifesta infondatezza della domanda formulata". Sicché "la totale soccombenza, l’inesistenza del diritto vantato, l’allungamento del tempo generale nella trattazione dei processi (causato dalla proposizione di una causa solo strumentale), il danno provocato ai convenuti (consistente nella necessità di una difesa, con costi non indifferenti e incertezza della soluzione), giustificano l’accoglimento della domanda" di lite temeraria, quantificata in 5 mila euro oltre 7 mila di spese di giudizio.  

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Jonny

    Grande Gabanelli.. una vera giornalista.
    punito l’azzurro che tanto paghera coi soldi nostri

  2. Scritto da silvio

    Forse abbasserà le arie questo strafottente politico. Ma dubito che abbia capito la lezione.

  3. Scritto da noncontento

    Per evitare che ricconi e caste continuino con queste cause “perse” che minano la liberta’ di stampa, la legge dovrebbe prevedere che la parte soccombente rimborsi il querelato per lo stesso importo richiesto come danno. In assenza di questa “parita’” di rimborso gli arroganti come Formigoni e ricconi vari continueranno imperterriti a minacciare querele e querelare i giornalisti, tanto male che gli vada pagano solo due spicci e basterebbe loro vincere una causa su cento per andare a pari.

  4. Scritto da rota bruno

    non è una giustizia giusta ! perdi la causa ed hai chiesto 500.000 € ? il giudice dovrebbe darli alla parte lesa! così questi esseri “superiori” verrebbero ridimensionati !

  5. Scritto da gaetano bresci

    ma lui se ne fotte e se la gode con i soldi di tutti noi.

  6. Scritto da arianna

    Troppo giusta questa sentenza!!!

  7. Scritto da Aldo

    Ogni cosa che tocca la Gabanelli sono guai per gli altri. BRAVA!!!! Un sacco di sue inchieste pionieristiche, poi prese in mano dalla magistratura che ha scoperchiato il marcio che ci stava sotto. BRAVA!

  8. Scritto da wiw

    Bene!. Giustizia e giustizia, contro prepotenza e arroganza dei potenti e del potere.

  9. Scritto da Patrizia

    ol siur padrù dalle belle braghe bianche l’ha agit amò ? ma