BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Maturità, tutte le tracce della prima prova: Calvino, Resistenza, Malala

Dopo il toto-temi, la tremarella, le notti in bianco, mercoledì si sono aperte le bustre del ministero con i titoli dei temi, la prima prova della maturità, quella di italiano uguale per tutte le scuole superiori d'Italia.

Dopo il toto-temi, la tremarella, le notti in bianco, mercoledì si sono aperte le bustre del ministero con i titoli dei temi, la prima prova della maturità, quella di italiano uguale per tutte le scuole superiori d’Italia.

E la scelta è caduta su Italo Calvino, con un brano estratto da "Il sentiero dei nidi di ragno". Primo romanzo di Italo Calvino, fu pubblicato nel 1947, ambientato in Liguria durante la Seconda Guerra Mondiale e la Resistenza. 

Per quanto riguarda la tipologia B, ovvero il saggio breve o l’articolo di giornale la scelta è tra: "La letteratura come esperienza di vita" con estratti dall’inferno di Dante, La letteratura in pericolo di Todorov, Conversazioni americane di Borges, un’etica del lettore di Raimondi (ambito letterario); "Le sfide del XXI secolo e le competenze del cittadino nella vita economica e sociale" (ambito socio-economico); "Il Mediterraneo. Atlante geopolitico dell’Europa e spechcio di civiltà" (ambito storico-politico); "Lo sviluppo scientifico e tecnologico dell’elettronica e dell’informatica ha trasformato il mondo della comunicazione che oggi è dominato dalla connettività. Questi rapidi e profondi mutamenti offrono vaste opportunità ma suscitano anche riflessioni critiche" (ambito tecnico-scientifico). 

Il tema storico è ricaduto sulla Resistenza, partendo dalle riflessioni di Dardano Fenulli, ufficiale dell’esercito regio che dopo l’8 settembre 1943 partecipò attivamente alla Resistenza e per questo venne condannato a morte.  

Il tema di ordine generale il diritto all’educazione, con una citazione del premio Nobel Malala Yousafzai: "Prendiamo in mano i nostri libri e le nostre penne. Sono le nostre armi più potenti. Un bambino, un insegnante, un libro e una penna possono cambiare il mondo".  

Studenti al lavoro su queste tracce dunque, anche nelle scuole di Bergamo e della provincia, fino alle 14. Poi un po’ di riposo e domani si ricomincia.

 

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da paola.rubino

    Tracce fattibili ma necessita’ di buone conoscenze storiche. Interessante il tema di ordine generale sul diritto all’educazione. Io avrei scelto questo. Tanto da dire e molte riflessioni da fare