BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Calderoli: “Papa Francesco, domenica venga a Pontida per ascoltare il popolo”

Invito piuttosto provocatorio del senatore bergamasco Roberto Calderoli che ha invitato Papa Francesco al tradizionale raduno della Lega Nord in programma domenica 21 giugno a Pontida.

Più informazioni su

Invito piuttosto provocatorio del senatore bergamasco Roberto Calderoli che ha invitato Papa Francesco al tradizionale raduno della Lega Nord in programma domenica 21 giugno a Pontida.

“Papa Francesco, che ho avuto in passato occasione di incontrare e del quale nello scorso novembre ho condiviso la richiesta al Parlamento Europeo di affrontare tutti insieme la questione migratoria, a mio avviso dovrebbe chiedere perdono per tutti quegli incoscienti che hanno favorito l’esodo di decine di migliaia di disperati verso l’Italia. Magari venga a trovarci o invii qualcuno domenica a Pontida per ascoltare la voce del popolo. Al Papa ricorderemmo che l’accoglienza e la solidarietà restano valori sacrosanti, in nome dei quali, però, non sono giustificabili né gli incentivi all’invasione né il razzismo nei confronti della nostra gente”.   “Dovrebbe chiedere perdono per Renzi e Alfano in primis – continua l’esponente della Lega Nord –  per tutti i buonisti interessati, per questa Europa che se ne frega e per coloro che si ergono a paladini dell’antirazzismo, ma che fanno sì che si crei una disparità enorme di trattamento tra i cittadini italiani in difficoltà e gli immigrati clandestini, ai quali vengono regalati a spese nostre soggiorni che a volte sono anche di lusso”.

“Chieda perdono per chi ha favorito l’invasione per poter lucrare cifre immense sul business dell’accoglienza – prosegue Calderoli – anziché chiederlo per chi, con un po’ di sale in zucca, vorrebbe chiudere le porte prima che sia troppo tardi e porre le condizioni affinché queste persone non siano costrette a venire sradicate dai loro paesi d’origine”.

Calderoli auspica che: “Papa Bergoglio non si lasci condizionare dai vescovoni porporati carichi d’oro e lontani dalla gente, ma dia piuttosto ascolto agli umili parroci di periferia e di campagna, i quali – conclude – vivono quotidianamente i problemi e le preoccupazioni dei loro parrocchiani”.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da anna

    I leghisti hanno fatto il diavolo a quattro perche’ nella costituzione europea fossero infdicate espressamente le radici cristiane. Ora attaccano il papa?

  2. Scritto da Preghiera

    Non sopporto Salvini ne la Lega. Però su un fatto ha ragione: La Città del Vaticano che quota di immigrati si è presa in carico?
    Con tutte le ricchezze esistenti tra quelle mura e tutte le proprietà che ha fuori da quelle mura, quale è in termini numerici il suo impegno concreto ad aprire le porte agli immigrati? O dobbiamo pregare pure per loro?

    1. Scritto da Germano

      Potresti passare, giusto per fare un esempio, nelle zone più martoriate del congo o nelle filippine e dare un’occhiata . Oppure chiedi alla Caritas , qualche informazione te la può dare.

  3. Scritto da Gabriella

    ma quale popolo? una piccola parte della gente direi , non ti allargare tanti ma tanti bergamaschi non saranno sul pratone chiaro? sicché a nome di chi parli?

  4. Scritto da gio

    Parole, parole, parole…
    Vorrei tanto vedere il baldanzoso senatore se il Papa si veramente si presentasse a Pontida (e, come persona, lo ritengo pure capace di cogliere la sfida verbale).
    Chissà che inchini, foto ricordo e sviolinate…chissà che l’esito del confronto tra un grande umile ed un piccolo arrogante.

  5. Scritto da paolot

    Calderoli fa sempre analisi intelligenti. Come ricompensa, propongo a Renzi di nominarlo console onorario della Tunisia. E di spedirlo laggiù. Divisa rigorosamente d’ordinanza: la maglietta con le vignette su Maometto.

  6. Scritto da a

    Non c’è bisogno che vada un delegato di Papa Francesco. La maggior parte dei frequentatori del prato di Pontida va a Messa tutte le domeniche.

    1. Scritto da roberta

      E nessun prete riesce a trovare il coraggio di sbatterli fuori, o perlomeno di metterli di fronte all’insanabile contraddizione fra l’essere leghisti e l’essere cattolici? Perchè delle due, l’una; non si può essere contemporaneamente entrambe le cose.
      E’ più facile essere milanista e interista contemporaneamente.

      1. Scritto da Padania Celtica

        Già già,come è noto a messa possono andarci i più degni mafiosi siciliani (noti devoti cattolici sempre pronti a invocare il crocifisso e l’aiuto della veggine,almeno stando ai pizzini) ma non gli indegni e caciaroni Leghisti. Oh Gesù dagli occhi buoni…

        1. Scritto da pablo

          nessuno ha parlato di mafiosi perchè non è in tema ma, come sempre, si prova a spostare il problema da un’altra parte… quindi lei invece di spiegare com’è possibile definirsi cristiani cattolici credenti, pur essendo in netto contrasto con le posizioni del papa, preferisce trovare qualcuno peggio di voi (e confermo che i mafiosi sono peggio di voi) e si sente a posto. oh gesu d’amore acceso…

        2. Scritto da kurt Erdam

          Perché ci sono differenze vere?chi fa la guerra agli immigrati e prende voti da chi li sfrutta in nero è migliore?chi mette i crocefissi negli uffici per difendere”LE NOSTRE TRADIZIONI”poi critica il Papa quando richiama al rispetto di quello che chiede la nostra religione è meglio dei mafiosi?Chi fa pagare ticket agli ammalati e paga l’avvocato a chi spara alle spalle di un ladruncolo o esenta dalle tasse e dà soldi pubblici ai compagni dei merende della BREBEMI è meglio di totò riina?

        3. Scritto da a

          Scusa ma tu che c’entri? In quanto celtico dovresti frequentare i Druidi e invocare il Mago Merlino.

    2. Scritto da abc

      Quindi?

      1. Scritto da d

        …appunto…

  7. Scritto da cambio nome

    La lega domenica annuncerà il cambio di nome del movimento. Si chiamerà….. Suspance :)

  8. Scritto da Gianni

    Non perde mai occasione per stare zitto. Questa più di altre

  9. Scritto da Eh sì !

    Il Papa dovrebbe chiedere perdono per i politici che hanno depredato l’italia, svergognata in tutto il mondo, e portata sull’orlo del fallimento. Dovrebbe chiedere perdono anche per coloro che amano le nozze celtiche e dare un buffetto a coloro che amano così tanto la famiglia da farne più d’una .
    Un pensierino particolare dovrebbe rivolgerlo a chi ama così tanto e cristianamente il Creato da ravvisare talvolta tra gli umani somiglianze con gli orango . Dovrebbe proprio andarci a Pontida.

  10. Scritto da matias

    Sempre brillante! Ma chi lo vota?!!?!? Nomi please!

  11. Scritto da saltimbanco

    come osa il re del “porcellum” parlare in questo modo al papa?!? Proprio lui che a roma si e’ solo ingrassato a dismisura combinando un bello ZERO per il popolo del nord che lo votava! Ascolti lui il popolo e si levi dai piedi una volta per sempre che a noi ci e’ costato tra stipendi, paghette, scorte per magliette bimbominkia e voli di stato qualche milione di euro! Mi sorprendo persino che il papa si sia abbassato a parlare con persone che fanno della discriminazione una scusa per arricchirsi

  12. Scritto da giggi

    solito blablabla ipocrita del personaggio