BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Ubi corre e approva il nuovo statuto per trasformarsi in Spa

Nella giornata di martedì 16 giugno il Consiglio di Sorveglianza ha deliberato di dare avvio all’iter procedurale finalizzato alla trasformazione di Ubi Banca in Società per Azioni.

Più informazioni su

Ubi Banca corre come non mai e approva la proposta di nuovo statuto in relazione alle norme di trasformazione delle banche popolari in Spa.

Il Consiglio di Sorveglianza, che si è riunito nella giornata di martedì 16 giugno, ha verificato il superamento del limite di 8 miliardi di euro dell’attivo consolidato della Banca e pertanto ha deliberato di dare avvio all’iter procedurale finalizzato alla trasformazione di UBI Banca in Società per Azioni, definendo, su proposta del Consiglio di Gestione, il nuovo testo statutario da sottoporre all’Assemblea che si prevede di poter tenere entro il prossimo mese di ottobre.

Il Consiglio di Sorveglianza ha altresì individuato, su proposta del Consiglio di Gestione, gli interventi statutari da effettuarsi prima della trasformazione in adeguamento a disposizioni normative riguardanti le società cooperative e in particolare l’aumento a 10 del numero massimo di deleghe conferibili al socio per la partecipazione all’assemblea; la competenza deliberativa del Consiglio di Sorveglianza in merito alla limitazione o il rinvio, in tutto o in parte, del rimborso delle azioni oggetto di recesso; l’abrogazione della previsione relativa alla qualità di socio per l’eleggibilità alle cariche sociali. In relazione alle iniziative come sopra assunte, nei prossimi giorni sarà presentata la prescritta istanza alla Banca d’Italia.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da DORIANO BENDOTTI

    Se poi si riflette che chi ha deliberato oggi la fine della UBI è stato eletto con il sistema cooperativistico senza il quale probabilmente nessuno sarebbe seduto in Consiglio di Sorveglianza la dice lunga sulla coerenza di chi si era dichiarato, all’atto della nomina, difensore della storica BANCA POPOLARE DI BERGAMO.
    I bresciani hanno difeso coerentemente la loro origine spa ma i bergamaschi della Banca Popolare di Bergamo cooperativa?

  2. Scritto da DORIANO BENDOTTI

    Spiace constatare che nonostante in assemblea di approvazione bilancio si sia richiesto di valutare tutte le possibili opzioni per salvaguardare la storia popolare della banca ,pur nel rispetto del dettato normativo, non si sia fatto, o perlomeno non e’ dato saperlo, nessun approfondimento e si corra senza motiva a distruggere un patrimonio di un territorio costruito in più di un secolo.
    Doriano Bendotti consigliere camera commercio.

  3. Scritto da Domanda

    Domanda: in base a quale quadro normativo di riferimento il consiglio di gestione ha modificato lo statuto che ha poi proposto al consiglio di sorveglianza se le linee guida diramate dalla Banca d’Italia sono state pubblicate in GU il 13 giugno cm? Mi piacerebbe capire il motivo di tutta questa fretta da parte di chi a parole difendeva il sistema popolare e da parte di chi pensa di prenderci in giro dicendo che non c’è tempo per farci eleggere i nuovi vertici con il voto capitario. Senza parole