BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Salute

Informazione Pubblicitaria

La chirurgia metabolica: il bisturi che guarisce dal diabete

La Chirurgia Metabolica non è stata un’invenzione bensì una scoperta, neanche troppo recente. Le prime segnalazioni, non a caso italiane, che riportano guarigione del diabete dopo Chirurgia Bariatrica risalgono ai primi anni ‘80 e diverse ne sono seguite.

Più informazioni su

A cura di Clinica Castelli

Nel 2007 si tenne a Roma il Diabetes Surgery Summit, un convegno in cui esperti di tutto il mondo definirono le prime linee guida per l’uso della chirurgia gastrointestinale nella cura del diabete. L’evento segnò la storia a tal punto che la Chirurgia Bariatrica fu ribattezzata “Chirurgia Metabolica”, a sottolinearne la valenza nel trattamento specifico del Diabete Mellito tipo 2 e delle malattie metaboliche.

La Chirurgia Metabolica non è stata un’invenzione bensì una scoperta, neanche troppo recente. Le prime segnalazioni, non a caso italiane, che riportano guarigione del diabete dopo Chirurgia Bariatrica risalgono ai primi anni ‘80 e diverse ne sono seguite.

Oggi l’efficacia è validata: il diabete mellito, per anni curato con i farmaci, può essere guarito (molto spesso) dalla chirurgia! Eppure, la scienza si muove lentamente e, affinché una nuova idea trovi collocazione, occorre tempo. Quando nel 1988 Eddie Joe Reddick realizzò la prima colecistectomia laparoscopica assistito da una sola infermiera, suscitò scalpore nonostante pubblicazioni sull’uso della laparoscopia fossero già numerose. A distanza di tre decadi, la colecistectomia laparoscopica rappresenta l’intervento di elezione per la calcolosi ed ha progressivamente soppiantato la tecnica tradizionale. Analogamente la Chirurgia Metabolica, a trenta anni dalla sua “scoperta”, è ancora un’illustre sconosciuta, considerata da molti con diffidenza. Grazie al passaparola, senza più frontiere nell’epoca di Internet, sono i pazienti i più avidi di novità. Si ricercano e raccolgono testimonianze da altri pazienti per rivolgersi poi al chirurgo, spesso senza intermediari.

La Chirurgia Metabolica può dirsi sicura e il rischio di complicanze e mortalità è paragonabile agli interventi chirurgici di routine. Grazie inoltre all’innovazione tecnologica, essa prevede un trauma minimo, minimo dolore, un recupero veloce con ospedalizzazione breve (circa 48 ore) e ritorno all’attività lavorativa dopo solo pochi giorni. L’efficacia è indiscutibile.

"Nei casi di diabete di tipo II con esordio inferiore ai 5 anni, – afferma Francesco Greco, Responsabile del Servizio di Chirurgia Bariatrica di Clinica Castelli – nove pazienti su dieci sono in grado di sospendere da subito tutte le terapie anti-diabetiche, compresa l’insulina. Contemporaneamente si può ottenere la progressiva riduzione del peso e la scomparsa delle altre malattie associate frequentemente al diabete che configurano la cosiddetta Sindrome Metabolica (ipercolesterolemia, ipertrigliceridemia, ipertensione arteriosa)".

La Sindrome Metabolica si sviluppa quando l’organismo è vittima di un’ “intossicazione cronica da grasso” a livello degli organi interni: una tale condizione deteriora la capacità del pancreas, del fegato e dell’intestino di comunicare tra loro nella regolazione dei livelli di glucosio nel sangue. Il glucosio è il principale “carburante” che il corpo umano utilizza per funzionare; in particolare, è il substrato energetico esclusivo dell’organo principe, il cervello, responsabile del 25% del consumo calorico a riposo.

Per tale motivo, la concentrazione nel sangue di tale zucchero è finemente regolata attraverso meccanismi complessi e in parte ancora incompresi. Il diabete insorge quando si perde tale fine regolazione. La Chirurgia Metabolica ripristina le “connessioni” tra fegato, pancreas e intestino e permette il recupero del controllo della glicemia.

"I vantaggi rispetto alla terapia tradizionale – continua il dottor Greco – risiedono in una maggiore efficacia e migliore qualità del controllo glicemico che si traduce, a sua volta, in un sostanziale beneficio per la prevenzione dei danni d’organo connessi al diabete mellito, responsabili di patologie croniche degenerative gravi quali: l’insufficienza renale, la retinopatia, la microangiopatia e la neuropatia".

Non tutti gli interventi chirurgici “per dimagrire” sono Chirurgia Metabolica, ma solo alcuni hanno potenzialità specifiche, in parte non comprese. Gli interventi metabolici si rivolgono a uno spettro ampio di pazienti: gli obesi, ovviamente, ma anche coloro che sviluppano la malattia diabetica precocemente senza ancora un danno d’organo, oppure coloro la cui qualità di vita non sia soddisfacente nonostante la terapia tradizionale.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Ignazio

    Ho 53 anni vorrei sapere le 0robabbilita di guarire e se c’è un centro a Napoli o campania

  2. Scritto da antonio

    in che cosa consiste l’operazione e quando si puo’ fare , e dove. grazie

  3. Scritto da Antonia Teresa POLONI

    Vorrei prendere contatti con codesto centro- Chiedo gentilmente come?

  4. Scritto da Mariano

    Ho 56 anni diabete mellito 2 peso 70kg vorrei sapere c’è un speranza di guarire? Sarei disposto all’operazione.
    Grazie

  5. Scritto da Gianni Navone

    In cosa consiste l’operazione e dove insiste ?
    Grazie

  6. Scritto da antonio parise

    sono diabetico dal 1984,ho 75 anni ed sono insulino dipendente,cardiopatico con uno stend coronarico,ho qualche speranza per la chirurgia metabolica.

  7. Scritto da sara

    io sono diabetica da quasi 2 anni e sono magra posso farlo anche io aspeto una risposta grazie

  8. Scritto da francesca

    ho il diabete di tipo 2 uso metformina 2.200 al giorno ed ho la glicata ha 6.6
    vorrei avere più informazioni in merito a questa cura
    sono anche sovrappeso di 7 o 8 chili

  9. Scritto da PIPPO GIACALONE

    ho 44 anni da circa 8 anni che ho il diabete mellito tipo 2 soffro di trigliceridi alti e vorrei saperne di più sull’intervento chirurgico per guarire dal diabete. Grazie

  10. Scritto da pino

    Ho appena iniziato la cura CN le pillole non sono insulinico.Ho qualche speranza?Grazie

  11. Scritto da GIOVANNI PIETROPAOLO

    sono diabetico ed obeso con tutte le patologie ultimo controllo della glicata 6,3……sono interessato all’argomento grazie

  12. Scritto da PETA Perrone

    Dove mi posso rivolgere ? Sono a Torino diabete 2 senza complicanze.vorrei avere più notizie. Grazie

  13. Scritto da Giuliana Minganti

    Quati anni si deve avere x essere operati io ho 67anni e tutti gli esami vanno bene però se si può guarire non sono insulinica