BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Obiettivo “rifiuti zero” a Boltiere con l’Ecopoint e l’aiuto del Rifiutologo

Da maggio a settembre la stagione delle feste organizzate all'oratorio San Giovanni Bosco avrà a disposizione uno spazio nuovo: un centro unico di conferimento dei rifiuti allestito negli spazi liberi di svago del cortile che sostituisce i classici cestini.

Più informazioni su

Boltiere punta l’obiettivo “Rifiuti zero” e spinge sull’acceleratore in direzione della raccolta differenziata, con tre differenti iniziative: Ecopoint, Rifiutologo e serate pubbliche.

Da maggio a settembre la stagione delle feste organizzate all’oratorio San Giovanni Bosco avrà a disposizione uno spazio nuovo, denominato Ecopoint: si tratta di un centro unico di conferimento dei rifiuti, allestito negli spazi liberi di svago del cortile, che sostituisce i classici cestini e dove il cittadino potrà ricevere il supporto e tutte le informazioni necessarie da alcuni tutor che, oltre ad “accompagnarlo” nella giusta destinazione del materiale di scarto, lo aggiorna sulla raccolta differenziata, sul come farla e perchè farla proprio in questo modo.

All’Ecopoint si trovano i bidoni delle 5 classiche frazioni della differenziata, organico, carta/cartone, vetro/metalli, imballaggi in plastica e secco residue, alle quali se ne aggiunge anche un sesto, quello dedicato ad “altre plastiche”, già presente da dicembre in stazione ecologica e che consiste in tutti quegli oggetti in plastica che però non vengono considerati imballaggi dal Consorzio Recupero Plastiche nonostante trovino forme di riciclo pari a quelle delle tradizionale bottiglie. Lo stesso criterio di riciclo viene adottato nelle zone ristorante e cucina, sulla scia di quanto già accadeva negli anni precedenti grazie all’attenzione dei volontari, cuochi e cuoche, inservienti e “sparecchiatori”.

L’iniziativa ha preso il via con la VI festa della pallavolo ed è continuata con la Festa degli Amici ndel mondo: molti i cittadini interessati e incuriositi, anche in vista dell’imminente introduzione della tariffa puntuale nella gestione dei rifiuti a livello comunale. Ecopoint è infatti il risultato della serata di venerdì 29 maggio, in cui l’amministrazione ha presentato i cambiamenti e le motivazioni per cui verranno introdotti: un’iniziativa che va ad affiancare gli strumenti informativi già previsti dall’amministrazione stessa, dalle serate pubbliche alla figura del “Rifiutologo”.

Ogni giovedì sera i cittadini potranno prenotare gratuitamente un appuntamento con l’esperto Roberto Fiorendi che metterà mano ai loro rifiuti e spiegherà come migliorare la separazione e di conseguenza la raccolta differenziata. Rifiutologo che ogni giovedì sera dalle 21 sarà anche al Centro Civico Aldo Moro, per parlare della nuova gestione della raccolta e della tariffa puntuale.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da gg

    Da qualche parte il comune deve ricavare i soldi..
    paghi per la quantità delle volte che hai portato la pattumiera fuori (con i cestini a microchip attestati ai residenti di boltiere )..soldi intascati dal comune
    Rifiuti che vano bruciati dai termovalorizatori tipo quelli del a2a che la gente paga per il riscaldamento….e poi si dice che per il comune lo smaltimento dei rifiuti sarebbe un costo. Senza rifiuti niente termovalorizatori e a qualcuno non interessa che non si fanno rifiuti. ..

  2. Scritto da gioeli

    L’ecopoint è stato fatto anche alla festa dell’oratorio di Brembate.Grandissima partecipazione da parte dei bambini che hanno vissuto la “separazione” dei rifiuti come un bellissimo gioco.

  3. Scritto da BERGHEM

    Un bel segnale. Quando mi reco alla piazzola ecologica del mio paese penso spesso che una civiltà’ come la nostra che spreca più’ di quello che dovrebbe consumare e’ una civiltà’ in pericolo. In pochi chilometri tra Bergamo e Trezzo ci sono 4 o 5 inceneritori. Se in futuro ne dovessimo chiudere anche solo la meta’, significa che abbiamo fatto un salto di qualità, come cittadini. E forse i nostri politici amministratori. Il futura sta nel non sprecare, nel consumare solo cio’ che serve.

  4. Scritto da nino cortesi

    E’ targato M5*.

  5. Scritto da Alex

    Beh, nel paese divenuto fogna morale ed etica, la figura del “RIFIUTOLOGO” è la figura minima che si poteva concepire!

    1. Scritto da seguace_della_dea

      scusi l’ignoranza, ma perchè ‘fogna morale ed etica’ ? cosa è successo?