BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

“Burocrazia, impossibile assumere in prova mio figlio Lo lascerò a casa in piscina”

Ecco la testimonianza di un imprenditore bergamasco che ha deciso di non assumere suo figlio in azienda per l'estate dopo essersi reso conto degli scogli burocratici da affrontare.

Ecco la testimonianza di un imprenditore bergamasco che ha deciso di non assumere suo figlio in azienda per l’estate dopo essersi reso conto degli scogli burocratici da affrontare. Tra documenti, tasse e autorizzazioni, non ne sarebbe valsa la pena:

“Volevo assumere mio figlio di 17 anni in ditta per un mese in part time per dargli la possibilità di maturare e capire il mondo del lavoro, bene. Per poterlo assumere un mese, occorre visita medica, ok. DVR minori, cioè Documento di Valutazione dei Rischi specifico per minori al costo di circa qualche migliaio di Euri, ovviamente con molte limitazioni di lavoro (come buon senso suggerisce). Conclusione lo lascerò a casa a fare il bagno in piscina, beato lui. Ma un paese messo così, cari amici, non va lontano, va a puttane! Altro che Job Act! E poi parlano di alternanza scuola lavoro!”

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da memoria!!!!!

    Se uno vuole formare il figlio, in fabbrica lo porta comunque, punto. Quante balle per far sapere che ha pure una piscina a disposizione!!!

  2. Scritto da Beppe

    BALLE!!! BALLE!!!!
    E tutti i boccaloni commentano ad minchiammm
    1) IL DVR deve essere comunque presente in azienda
    2) Le aziende che hanno meno di 10 lavoratori (compresi titolari e soci) se possono predisporre un’autocertificazione della Valutazione dei Rischi .

    1. Scritto da jaak

      Le balle le dici tu!!!caro Beppe …..l’autocertificazione non è più possibile dal Maggio 2013…. è il dvr minorenne deve essere redatto Solone esiste la presenza di un minorenne quindinlarticole è corretto…. quindi prima di scrivere meglio essere competente. …. (altro male di questo paese di stolti)

      1. Scritto da aaa

        L’autocertificazione non è più valida dal Maggio 2013… Vero anche che il DVR per valutare i rischi dei minorenni va redatto solo in caso di presenza di minorenni in azienda….
        La realtà dei fatti è che però qualsiasi società specializzata “vende” questa integrazione del Documento a poche centinaia di euro, non diverse migliaia come questo imprenditore vuole farci credere… della serie: PIOVE GOVERNO LADRO!

  3. Scritto da livia

    viviamo di carta, politici che continuano ad esasperarci, tanti di loro continuano a grattare grattare grattare finchè la pentola si bucherà?

  4. Scritto da MAURIZIO

    I documenti obbligatori dome il D.V.R. servono a : 2. creare archivi inutilizzati per il loro corretto scopo, ma atti a produrre sanzioni e a giustificare l’esistenza dell’ufficio e dei dipendenti pubblici; 2. far lavorare alcune categorie professionali (geometri, ingegneri, avvocati ecc.) i cui rappresentanti sono spesso molto peggiori dei politici. Nessuno controlla davvero niente fino a quando non si finisce sul giornali. Così lavorano i dirigenti canaglia dello stato italiano.

  5. Scritto da Giggi

    Non esageriamo per favore. Un DVR per minori non può che costare poche centinaia di euro e non migliaia. Inoltre non è accettabile non tutelare la salute e la sicurezza di proprio figlio. E se il figlio si facesse male o gli insorgesse una malattia professionale? La pagheremmo tutti noi e non l’imprenditore. Per cosa? Perché la pigrizia ha vinto sulla voglia di far crescere mio figlio?

  6. Scritto da anche IO

    Sono totalmente d’accordo e solidale con l’imprenditore!!!
    E forse non le ha scritte nemmeno tutte: deve fornire al lavoratore i dispositivi di protezione individuale (per un mese e poi li butta) e dovrebbe fargli seguire un corso sulla sicurezza che probabilmente dura la metà del tempo per cui lo assume, e ovviamente pagarlo per frequentare il corso.

  7. Scritto da Mauro

    Il D.V.R dovresti averlo già se hai una ditta e se il lavoro di minori non è previsto la colpa è tua che non lo hai chiesto.
    Ma uno che dice che non vale la pena di sbattersi per formare il proprio figlio cosa ha capito?

    1. Scritto da Sbattersi?

      Sbattersi per mantenere i papponi? Ma dai?
      E poi un figlio lo forma un padre in famiglia, senza gabelle dello stato

    2. Scritto da Luis

      Il DVR, un coacervo di prescrizioni che vanno dalla forma delle sedie alla dimensione delle finestre, partito con nobili intenzioni, ovvero prevenire gli infortuni e garantire rispetto per i lavoratori, è diventato un costoso adempimento burocratico che poi finisce in un cassetto, perchè nella realtà o non lo rispetti oppure il costo del lavoro diventa insostenibile, i furbi se ne fregano e ti fregano. Solidarietà agli imprenditori strangolati da norme assurde!

      1. Scritto da lorella

        luis, non perdere tempo a spiegare a Mauro queste cose… lui non le capirà mai… sarà un sinistroide fuma canne che ha solo bisogno di dare la colpa a qualcuno (tipo il datore di lavoro) per giustificare il suo ozio eterno… ce chi lascia il figlio nella sua piscina, guadagnata sudando… chi lasci i loro figli al paci paciana!!! questa è l’italia di fonzie… andiamo avanti… vediamo tra quanti anni saremo in grado di fare la rivoluzione!

    3. Scritto da Alberto

      “Sbattersi”? In questo paese ci si scontra sempre di più con leggi,regolamenti,circolari,interpretazioni che fanno passare la voglia di fare impresa.
      Il lavoro non lo troveremo facendo solo le guide turistiche,ma aiutando le aziende, mentre oggi tutto rema contro e quindi capisco lo sfogo.
      I D.V.R. nello specifico sono quasi sempre tanta carta, poca sostanza, ma tempo e soldi.

      1. Scritto da glen

        ovviamente per fare le guide turistiche serve un patentino… e poi chissà quali altri documenti etc.etc.
        simo finiti in un pantano e quasi non ce ne accorgiamo più, accettiamo le normative più assurde e via….
        DUVRI ed altre norme su sicurezza sono effettivamente solo carta…..