BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

“Provincia, conti in rosso Non ci sono nemmeno i soldi per riparare l’ascensore”

L'ultima notizia ha però dell'incredibile ed è sintomatica della situazione sempre più grave. L'ascensore che porta allo spazio Viterbi, nel palazzo di via Tasso, non funziona. E non ci sono i soldi per ripararlo.

Più informazioni su

Che la Provincia di Bergamo sia in difficoltà economiche non è una novità. La legge di stabilità ha imposto una stretta ai conti dell’ente difficile da sostenere. Le conseguenze sono sotto gli occhi di tutti: il trasporto pubblico viene tagliato così come molti atri servizi basilari, i dipendenti non conoscono ancora il loro futuro e il presidente Matteo Rossi è costretto ai salti mortali per rispondere a tutte le richieste. L’ultima notizia ha però dell’incredibile ed è sintomatica della situazione sempre più grave. L’ascensore che porta allo spazio Viterbi, nel palazzo di via Tasso, non funziona. E non ci sono i soldi per ripararlo.

La denuncia è stata fatta dal consigliere provinciale della Lega e sindaco di Bolgare Luca Serughetti: “Siamo a giugno e mancano già i soldi per riparare gli ascensori. Questa è la comunicazione di oggi: Si informa che l’impianto ascensore che serve lo spazio Viterbi del palazzo Provinciale di via Tasso e’ guasto. La sua riparazione e’ subordinata al reperimento dei fondi. Lo spazio Viterbi non e’ quindi accessibile agli utenti con disabilita’ motorie. Presidente Rossi batti un colpo!”

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Luca

    Ma le province non erano state abolite?
    No, davvero, seriamente…

  2. Scritto da Kurz

    Una volta chi vinceva il concorso per un posto in Provincia, era una persona fortunata: stipendio più alto che in altri impieghi pubblici, molti “benefits” e strutture per il tempo libero riservate, orari di lavoro da bancari e luoghi di lavoro altrettanto piacevoli. Un mondo ovattato e invidiato, che è ormai arrivato al capolinea.

    1. Scritto da Leo

      Il problema è che pagavo e pago io

  3. Scritto da Adele

    Francamente, visti gli alti funzionari e le loro prebende appena riconfermati da Rossi, non si direbbe che alla Provincia manchino i soldi.

  4. Scritto da Milvio

    È l’Italia ereditata dai governi silvio-leghisti, che si sono imboscati giusto prima dell’arrivo della bufera..

    1. Scritto da desdes

      Poveraccio che sei..MAFIA CAPITALE ti dice nulla? MONTEPASCHI ti dice nulla? EXPO ti dice nulla? Lo scandalo del Mose di dice nulla? Non mezzo leghista implicate.I ladri e gli incompetenti stanno dale tuee parti,lascia perdere.

      1. Scritto da

        Mafia capitale mi dice che è un problema fondamentalmente di destra alimentatosi ai tempi di alemanno , montepaschi non mi dice nulla , non c’è un solo politico indagato e son cadute tutte le accuse rilevanti , è rimasto qualcosa per qualche funzionario, il mose è un problema dove i soldoni li han messi in tasca tutti personaggi di destra , con qualche briciola per la campagna elettorale dell’ex sindaco. In casa tua e dei tuoi alleati abbiamo semplicemente un disastro epocale .

      2. Scritto da Milvio

        Uh, quanti scandali “di sinistra”! La Lega a Roma non c’è (ma si sta attrezzando), nemmeno a Siena (ma a far fallire una banca sono bravissimi, tipo Creditnord). Il primo comune fallito per incompetenza da noi è stato S Giovanni Bianco, della Lega. Che poi è sempre molto alleato degli altri magnamagna di destra.

        1. Scritto da Desdes

          Si prenda l elenco dei politici arrestati negli ultimi 10 anni e poi ci faccia sapere da che parte sono quelli che fregano.guardi poi quali sono le città e le regioni che mantengono questo paese e da chi son guidate.Fatti,numeri,non chiacchiere!

          1. Scritto da kielkeskè

            Su internet trovi facilmente un elenco dei parlamentari di destra che erano inquisiti o condannati , il rapporto è più o meno di 10 a 1 , per non contare il livello appena sotto , le regioni . O la tua memoria si è già persa ad esempio la lombardia ed il lazio dove è accaduta un’ecatombe mai vista nella storia ?? Era ieri , sù , un po di fosforil !

        2. Scritto da Sese

          Siete fantastici,il problema e che ci credete veramente! Creditnord?? Nemmeno sai di cosa parli! Tutti i mali vengono dalla lega,tutti gli indagati/arrestati sono in stragrande maggioranza del PD. Lombardia e Veneto guidati dagli incompetenti leghisti ogni anno regalo 80 miliardi di euro al resto d Italia e permettono alle regioni guidate dai vostri incompetenti di sprecare soldi a valanghe.

          1. Scritto da Bianchino

            Giusto per fare un piccolo esempietto , le ultime elezioni in lombardia sono state fatte a scadenza di mandato o perchè è crollato tutto in quanto erano sostanzialmente tutti indagati ? Così , giusto per un aperitivo.

  5. Scritto da Paolo

    Qualche dirigente in meno o una loro anche modesta riduzione di stipendio potrebbe contribuire a risolvere il problema.

  6. Scritto da Gino

    La Regione cominci a fare la sua parte per mandare avanti la nuova organizzazione delle province. O no ?

  7. Scritto da gio

    e ora di chiudere un ente in utile e anziche pagare 600 amici e parenti e amici dei politici , bisogna creare nel lussuoso palazzo di via tassis un centro di ricerca anticancro con 600 ricercatori , questo servizio sarebbe sicuramente piu utile alla popolazione , e un eventuale scoperta di qualche medicinale ( es l ultimo contro epatite c ) significaativo in futuro , arricchirebbe non poco l italia grazie al brevetto
    noto che i parenti e amici dei politici queste cose non le sanno fare