BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Musica Classica a McDonald’s per rilassare i clienti

Scozia: troppo chiasso a Mc Donald’s. Bach, Beethoven e Handel di sottofondo per calmare i clienti.

Il McDonald’s di Glasgow ha intrapreso un’iniziativa ingegnosa: musica classica di sottofondo per ridurre il chiasso provocato dai clienti. Il fast food, che si trova in pieno centro, è noto per il fracasso che proviene dal suo interno, coinvolgendo anche l’ambiente circostante. Infatti più volte gli abitanti hanno dovuto chiamare la polizia per il rumore che si diffondeva in tutta la via, al punto tale che lo scorso anno lo staff è dovuto ricorrere a un servizio d’ordine da posizionare fuori dal locale, riducendone i disagi. Dopo 200 chiamate in due anni, da parte dei cittadini che si lamentavano del caos proveniente dal locale, lo staff ha preso in considerazione un’idea, già adottata da un’altro ristorante della catena a Manchester, di sintonizzare le frequenze radio su musiche di Beethoven, Bach e Handel nella speranza di indurre i clienti ad abbassare il tono di voce: “la musica classica viene usata in alcuni ristoranti come incoraggiamento a una condotta misurata”. Ebbene sembrerebbe che sonate e sinfonie siano il miglior rimedio a urla, strepiti e chiasso. Uno dei clienti racconta: “Vengo qui da anni ed è sempre stato un ambiente vivace. Spesso il caos deriva più dal gran numero di gente seduta fuori dal locale che da quella all’interno. L’altra sera c’era musica classica ed è stato davvero molto piacevole”. E’ stato confermato che la musica classica faccia bene al nostro cervello: riduce lo stress e contrasta depressione ed ansia. Non sarebbe male se tutti i luoghi di consumo adottassero questa iniziativa, un modo per rilassarsi senza portar via del tempo alla vita frenetica di tutti noi.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.