BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Famiglie gay, Parlamento Ue approva rapporto su uguaglianza di genere

Il Parlamento europeo di Strasburgo ha approvato a larga maggioranza un rapporto sull'uguaglianza di genere in Europa in cui si parla, per la prima volta in maniera così esplicita, di 'famiglie gay'. "Il Parlamento - si legge nel testo - prende atto dell'evolversi della definizione di famiglia".

Il Parlamento europeo di Strasburgo per la prima volta in maniera così esplicita, parla di ‘famiglie gay’, approvando – nella giornata di martedì 9 giugno – a larga maggioranza un rapporto sull’uguaglianza di genere in Europa.
"Il Parlamento – si legge nel testo – prende atto dell’evolversi della definizione di famiglia. Il Parlamento raccomanda che le norme in quell’ambito (compresi i risvolti in ambito lavorativo come congedi ecc.) tengano in considerazione fenomeni come le famiglie monoparentali e l’omogenitorialità".

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da tex

    certo l’europa approva tutto perchè è molto più facile dire di si

  2. Scritto da Renato

    Corri Italia, Corri……

  3. Scritto da angelo f.

    Bisogna caldeggiare questa “evoluzione” sostenuta dai soliti noti. Peccato che manchi da parte di certi stati la medesima sensibilità ad es. nei confronti dei profughi.

    1. Scritto da Daniele

      Chi sarebbero i soliti noti? Io non li conosco….

      1. Scritto da angelo f.

        Sono la rumorosa, esigua tribù degli omosessuali sostenuti sopratutto da certi “progressisti” di sinistra e dall’apparato mediatico di giornali e tv “liberi”.