BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

E’ morto a 20 anni l’uomo che voleva assomigliare a Ken

Celso Santebanes, il 20enne divenuto famoso in tutto il mondo per il suo progetto di diventare come Ken, è morto.

Più informazioni su

Celso Santebanes, il 20enne divenuto famoso in tutto il mondo per il suo progetto di diventare come Ken, è morto. Secondo quanto riporta il Mirror, Borges Pereira, il suo vero nome, aveva scoperto da 5 mesi di essere malato di una rara e aggressiva forma di leucemia che l’ha ucciso in breve tempo. Lo scorso 4 giugno si è ammalato di polmonite che si è rivelata fatale date le sue condizioni fisiche.

Celso aveva speso 38 mila euro in interventi di chirurgia plastica nel disperato tentativo di somigliare a Ken, processo iniziato all’età di 16 anni. Il giovane ha scoperto di essere malato di leucemia linfoide acuta, mentre era in ospedale per curare le numerose infezioni contratte a causa delle iniezioni di idrogel, che lo avevano completamente sfigurato. «Ho sofferto a lungo per i pregiudizi, ma il mondo è pieno di persone che giudicano, perciò non m’importa più. Ora cerco la mia Barbie. Chi vuole essere la mia fidanzata? Dopotutto nessuno è felice da solo». Queste sono state le sue dichiarazioni prima della scoperta della sua malattia, Celso desiderava una donna che fosse come lui e condividesse la sua singolare passione.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Massimo

    ben detto, concordo su tutto, aggiungo però che la vita è un bene prezioso, e se è vero che siamo liberi, è anche vero che abbiamo il dovere morale di non buttarla via.

  2. Scritto da lu

    Penso che prima di spendere 38 mila euro in interventi chirurgici si sarebbe dovuto rivolgere ad un bravo psichiatra. e farsi curare il cervello. Per carità ognuno è libero di fare ciò che crede della propria vita, ma non è concepibile che un ragazzo di 16 anni possa arrivare a tanto senza che nessuno ( genitori, amici, medici, insegnanti…) abbia potuto far qualcosa per impedirglielo.. Provo solo una gran pena….