BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Polemica dopo la lite: “Fiasco dell’amministrazione” “No, ora più sicurezza”

Dopo la violenta lite scoppiata giovedì sera in piazza della Vita a Bolgare e dopo una serie di furti avvenuti in paese, il gruppo di minoranza "Spazio Comune" interviene ed esprime alcune considerazioni. La replica del sindaco: sicurezza al primo posto. diminuiti i furti

Dopo la violenta lite scoppiata giovedì sera in piazza della Vita a Bolgare (leggi) e dopo una serie di furti avvenuti in paese, il gruppo di minoranza "Spazio Comune" interviene ed esprime alcune considerazioni.

"Vogliamo esprimere alcune considerazioni sul PACCHETTO SICUREZZA tanto sbandierato dall’Amministrazione Serughetti in campagna elettorale ma che, a tutt’oggi, non ha reso più tranquille e sicure le vie del nostro paese.

Innanzitutto ci è stato confermato, durante la seduta di Consiglio Comunale del 22/05/15, che delle 30 telecamere installate sul territorio comunale, nessuna risulta funzionante! Che senso ha avere le telecamere se poi queste non sono funzionanti? Perché nel 2014 non stati investiti soldi per la manutenzione del servizio di videosorveglianza?

Eppure nella relazione del Sindaco Serughetti, relativa al bilancio di previsione 2014 (settore sicurezza), letta durante il C.C. del 07/08/14, si parlava di ‘aggiornamento del sistema di videosorveglianza con telecamere in alta risoluzione’ ed era stato destinato alla sicurezza un importo di € 25.000… ma nulla è stato fatto!

Dopodiché abbiamo avuto l’azione della delibera D.G. n °6 del 15/01/14, con cui l’Amministrazione determinava l’aumento dei diritti di segreteria connessi al procedimento per il rilascio del certificato di idoneità alloggiativa. Tale azione è stata in seguito dichiarata illegittima dal Tribunale di Bergamo (Ordinanza n° 2881/14) e l’Amministrazione si è vista costretta, suo malgrado, a revocare la suddetta deliberazione di Giunta; tutta questa vicenda ha portato solo ad un inutile esborso per le casse comunali di circa € 15.000… soldi di noi cittadini!

Inoltre, sempre all’interno del documento denominato Pacchetto Sicurezza, presentato a suo tempo dall’Amministrazione, si sottolineava l’importanza di creare un dialogo con i Comuni limitrofi con l’intento di promuovere una maggiore collaborazione e attivare azioni coordinate; anche su questo aspetto non abbiamo visto nessuna azione concreta! Infine abbiamo osservato che i pattugliamenti serali da parte della Polizia Locale e dei componenti dell’ associazione CC. Volontari, negli orari a maggior rischio, sono attivi solo in modo sporadico e non in modo strutturato e programmato.

Ci pare che il Pacchetto Sicurezza abbia quindi fatto fiasco da più parti! La questione Sicurezza rimane un tema serio, una priorità; la richiesta di maggiore protezione e sicurezza che la nostra gente ci richiede non va banalizzata; va ascoltata con molta attenzione. Pertanto non si può illudere la gente con delle proposte propagandistiche, buone a raccogliere solo consenso, ma che non apportano nulla in termini di migliore vivibilità del paese.

Gli episodi di violenza vanno certamente condannati ed è fondamentale, per una buona convivenza civile, far rispettare le regole! Tenendo fermo il valore della legalità, dobbiamo però evitare la logica di una sicurezza fai da te per investire maggiormente sul piano della prevenzione, dell’educazione e della coesione sociale. Come lista civica Spazio Comune riteniamo quindi prioritario che l’Amministrazione riprenda in mano le redini di tale tema per:

– affrontare il tema Sicurezza all’interno di una logica di intervento sovracomunale;

– garantire un maggior pattugliamento e monitoraggio del territorio da parte della polizia locale nella fascia serale/notturna (tutto ciò nel rispetto della convenzione in atto con i comuni vicini) ottimizzando gli orari degli agenti di Polizia Locale;

– rilanciare il sistema di videosorveglianza".

 

Non si è fatta attendere la replica del sindaco, Luca Serughetti: "Spiace notare come la minoranza intenda sempre stravolgere la realtà, ma per fortuna i cittadini di Bolgare non si lasciano incantare dalle fiabe e la riconferma con il 70% dei consensi lo scorso anno, dimostra che questa amministrazione ha agito sempre concretamente rendendo misurabili i risultati.

La questione sicurezza è uno degli ambiti più complessi per le competenze comunali in quanto ai sindaci sono concesse pochissime azioni reali a fronte di un quadro normativo che tutela chi spesso chi delinque. Ne è la prova il fatto che io stesso ho denunciato circa 14 persone per furti nella piazzola ecologica, arrivando molto spesso prima delle forze dell’ordine e fermando sul posto queste bande di ladri specializzati e per nulla poveri.

In un’occasione ho inseguito in auto per 40 minuti quattro Bulgari a bordo di un furgone Mercedes prima dell’arrivo dei carabinieri. Il risultato è che io ho passato decine di ore a sporgere denunce e compilare verbali e mi trovo periodicamente a testimoniare in tribunale. Nessuna di queste persone però è mai stata arrestata nonostante la fragranza di reato e nessuno sta pagando o risarcendo nulla. Il più delle volte non sono nemmeno reperibili per il tribunale.

A seguito della violenta rissa del gennaio 2014 ho presentato insieme ad altri 6 sindaci confinanti richiesta urgente di convocazione del Comitato Provinciale per l’Ordine e la Sicurezza ma la prefettura non lo ha mai convocato. Questa per me è sintomo di scarsa attenzione verso il territorio da parte in primis della Prefettura di Bergamo che da ormai un anno e mezzo ci ha lasciati soli a gestire fatti di criminalità crescenti e non gestibili da parte dei Comuni.

Il sindaco non può di certo negare le residenze, non può limitare la presenza di extracomunitari anche nel caso di numeri fra i più alti della provincia e si trova sempre più a fare i conti con ordinanze del tribunale di tutela di minori come accaduto anche ieri. Ho infatti dovuto firmare un’altra ordinanza di allontanamento di due minori a seguito di fatti gravissimi.

Per contro posso garantire che questa amministrazione nonostante queste difficoltà e i limiti imposti dalla legge ha istituito per prima un servizio di prevenzione furti con pattugliamento nelle ore a maggior rischio e la Prefettura a dicembre 2014 ha certificato un dimezzamento dei furti in abitazioni, passati da 32 a 16! Questi sono i fatti".

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da pablo

    ma che razza di risposta!?! il sindaco non dice PERCHE’ le telecamere non funzionano, non risponde sui 25mila euro non spesi per ne sui 15mila euro per la questione dell’ideoneità alloggiava, non ragguaglia sul progetto con i comuni limitrofi, non giustifica l’assenza della polizia locale… il buon sindaco si limita a buttar lì un po’ di luoghi comuni, a ricondurre tutti i problemi agli extracomunitari ed a raccontare delle sue eroiche gesta all’inseguimento dei 4 bulgari… complimenti!

  2. Scritto da polenta

    Sicurezza!…L’ordinanza bocciata in tribunale costa 15.000 Euro in spese legali…ne vengono stanziati in bilancio 25.000 su tema sicurezza… e ad oggi su 30 telecamere non ne funziona nessuna. Alla faccia dell’ “ambito complesso”, come dice il sindaco. Ma tanto lui a vinto le elezioni, e questo basta.

  3. Scritto da il polemico

    qui ci sono migliaia di persone che perdono il lavoro,un governo che come ultima trovata,tassa i pannelli solari che dovrebbero garantire energia pulita,condannatti che vengono appoggiati dai primi ministri,e qua ci si perde per lo stipendio di salvini che è uguale ai politici votati da chi si lamenta di salvini…più che farlocchi,sarebbe il caso di dire buffoni??mahhhhh

    1. Scritto da Federico

      Si parlava d’altro, ma polemico è fatto così: piove governo ladro (purchè non sia leghista), radical chic finto buonisti farlocchi, su tutte le notizie anche di gattini. Un disco rotto.

      1. Scritto da il polemico

        disco rotto o non rotto,la tassa retroattiva sui pannelli solari toccherà pagarla pure ai sostenitori ed elettori di renzi e del pd,magari tu compreso…comunque volevo commentare da un’altra parte,,ho solo sbagliato post

  4. Scritto da Federico

    Se le risse sono tra extracomunitari, subito a fare propaganda. Se sono locali, si fa finta di niente. Bravi!

  5. Scritto da Giovanni

    Ma sì, la Lega vince con slogan e paure infondate. Poi si ritrova a governare e non cambia niente, dietro gli slogan il nulla. L’importante è il magna magna e poltrone per gli amici.