BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Ortofrutta

Informazione Pubblicitaria

Unica nel suo genere, la cipolla rossa di Tropea reginetta al mercato

Da qualche giorno al mercato ortofrutticolo si può trovare la cipolla rossa di Tropea a steli essiccati e intrecciati. Una lavorazione tipica che esalta le peculiarità del prodotto, unico nel suo genere e occasione da non perdere per i propri acquisti.

Dolce, delicata e raffinata, ma anche saporita e salutare: al mercato ortofrutticolo di Bergamo la reginetta della settimana è la cipolla rossa di Tropea.

Ricca di vitamine e sali minerali, ha molti benefici sull’organismo: per il suo potere antisclerotico è indicata nelle diete di chi soffre di problemi cardiaci, ma ha anche effetti positivi sull’apparato circolatorio e intestinale, nonchè nel prevenire l’ipertensione arteriosa.

Ma le sue proprietà salutari per l’organismo non sono finite: l’elevato contenuto di flavonoidi, fenoli, quercetina e sali minerali, in combinazione con altri minerali depurativi, contenuti in queste cipolle violacee riducono notevolmente il rischio di cancro alla laringe, al fegato, al colon e alle ovaie.

Per la ricchezza di solforati di cromo, infine, è d’aiuto nella cura del diabete perchè può ridurre gli zuccheri nel sangue.

L’assunzione di cipolla cruda, invece, è sconsigliata a chi soffre di gastrite, colite, ulcera e bruciori di stomaco in genere, mentre è sconsigliata sia cruda sia cotta a chi soffre di reflusso gastro- esofageo.

In cucina è un ingrediente molto prezioso: può essere consumata fresca in insalata oppure cotta. In questo caso, è possibile preparare appetitosi antipasti e sfiziosi primi piatti, ma può anche accompagnare ottimi secondi o essere adoperata per una gustosa marmellata, dal sapore agrodolce da servire, per esempio, insieme ai formaggi.

Nel complesso, il clima quasi estivo di questi giorni stimola più di qualunque altra cosa il consumo di frutta e verdura.

All’ortomercato di Bergamo o dal proprio fruttivendolo sono in aumento i quantitativi offerti di albicocche: da questa settimana oltre alla merce di origine spagnola si registra l’arrivo di ragguardevoli volumi di prodotto con origine nazionale, con un netto e complessivo miglioramento della qualità. Per quanto riguarda i prezzi, la situazione pare sempre piuttosto confusa: troppo frenetico il susseguirsi delle varietà, delle zone d’origine, confezionamento e pezzature dei frutti ma, in generale, le quotazioni sono nella norma.

Da segnalare, poi, un deciso miglioramento qualitativo delle ciliegie: in questo caso a far la differenza più che le zone d’origine (Spagna e diverse regioni italiane) è il cambio delle varietà raccolte. Ora si trovano quasi esclusivamente varietà dalla polpa dura, cosiddetti “duroni”, con ottima pezzatura, self life, croccantezza della polpa e grado zuccherino. Inoltre, sta cominciando l’offerta dell’area modenese, la tipica ciliegia di Vignola, e i costi sono in sintonia con la qualità del prodotto offerto.

Buona la disponibilità di pesche e nettarine, per le prime pare sempre più rilevante la quota del prodotto nazionale, prevalentemente proveniente dalle regioni meridionali del Paese, mentre per le seconde rimane preponderante la presenza di prodotto spagnolo. A un innalzamento del livello qualitativo corrisponde una graduale diminuzione dei prezzi, favorita dall’aumento delle varietà e dei luoghi d’origine.

Ottimo il livello qualitativo dei meloni, grazie alle condizioni climatiche che hanno favorito la corretta maturazione dei frutti. Le zone di produzione ormai sono esclusivamente nazionali, permettendo un’ottima freschezza della merce. E dal fruttivendolo o dall’ambulante si può trovare l’ottimo melone mantovano.

Infine, risulta già buona la qualità delle angurie, con un costante miglioramento di pezzatura e grado zuccherino: per ora è prerogativa di Grecia, Puglia e Sicilia, ma a breve inizierà l’offerta del raccolto mantovano.

LA RICETTA DELLA SETTIMANA a cura delle nostre AmicheSciroppate

Marmellata di cipolle rosse

Ingredienti per 6 vasetti da 100 ml

1kg di cipolle rosse

200 g. di aceto di mele

200 g. di zucchero di canna

200 g. di zucchero bianco

CIPOLLIAMO

Eliminare la parte esterna della cipolla e tagliarla e fettine sottili.

Trasferire tutti gli ingredienti in una pentola, antiaderente, cuocere a fuoco lento per 40 minuti.

Se passati i 40 minuti vi sembrasse ancora troppo liquida, prolungare la cottura per altri 5 minuti.

Trasferire la marmellata nei vasetti, precedentemente sterilizzati, e capovolgerli per creare il sottovuoto.

Una volta aperta potrete conservare la marmellata in frigorifero fino a 30 giorni, anche se una volta aperto quel vasetto…..la finirete!

Il vasetto, sottovuoto, potrà essere conservato per circa 6 mesi.

Abbinamento perfetto? Formaggi stagionati e visto il caldo di questi giorni una bella birra artigianale.

Amichesciroppate

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da pluto

    Solo per invitarvi a leggere meglio il cartellino perche’ gran parte di questecipolle sono di origine FRANCESI.

  2. Scritto da INTERPRYS

    e’ SOLO FAVOLOSA SOLO CHE I CONTERRANEI NON LA SANNO SFRUTTARE.I Tropeani e dintorni sono degli emeriti c…….. fanno sfruttare l’oro in tasca agli altri. Biferi

  3. Scritto da Adele

    La cipolla rossa di Tropea è davvero una star, tra le colleghe! Decisa e morbida al tempo stesso

  4. Scritto da antonelli maria serena

    una iniziativa simpatica ,interessante e una serie di distensive
    informazioni ben presentate