BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

“Tutti insieme per Sara” Albino e Cene si stringono attorno alla famiglia fotogallery

Nasce su Facebook l'evento per dire no alla violenza e per ricordare Sara El Omri, 19enne uccisa a coltellate martedì sera ad Albino: l'idea è quella di ritrovarsi sul luogo del delitto per una piccola commemorazione, anche silenziosa, ad una vittima innocente.

Più informazioni su

Un ritrovo silenzioso, sul luogo di un atroce delitto, per dire no alla violenza e per testimoniare la vicinanza della comunità alla famiglia di Sara El Omri, la 19enne uccisa a coltellate nella serata di martedì 2 giugno: un evento nato quasi istintivamente dall’iniziativa di un ragazzo albinese che ha chiesto la partecipazione dei suoi concittadini tramite Facebook.

Il punto di ritrovo è il parcheggio dell’ex Asl di Albino, vicino alla fermata della Teb, alla fontanella di acqua potabile dove parte il tratto di pista ciclabile: lì, martedì sera, la giovane Sara si è trascinata per chiedere aiuto dopo essere stata aggredita nel boschetto adiacente con due grossi coltelli da cucina.

Qualche ora dopo gli inquirenti hanno arrestato con l’accusa di omicidio volontario in concorso A.E.G., il marito marocchino 25enne, e S.J., 16enne svizzera di origine kosovara che sarebbe l’amante incinta di lui.

Per dimenticare e opporsi alla violenza, gli albinesi si sono dati appuntamento per domenica 7 giugno alle 22: c’è chi propone di lasciare un fiore sul luogo dell’omicidio, chi di vestirsi di bianco, chi ancora di pregare per la giovane vittima. Ma tutti con lo stesso obiettivo: “Facciamo sentire la forza della Comunità Albinese, mandiamo un segnale potente per contrastare questa ormai dilagante violenza”.

L’invito è stato esteso anche ai cittadini Cene, dove Sara risiedeva con la famiglia ed era molto conosciuta: un segnale forte che la comunità vuole dare alla famiglia, per non lasciarla sola in questo momento di strazio e di grave lutto.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da TT

    Bellissima iniziativa! Non dimentichiamoci però anche del feroce assassino,colui che si é accanito cosi sulla povera Sara,merita di marcire nella peggiore galera per tutta la vita.