BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Scuola, fine delle lezioni Graziani: gli esami siano occasione importante

Patrizia Graziani, dirigente dell’Ufficio Scolastico Territoriale di Bergamo, rivolge un messaggio di saluto e di augurio agli studenti e al personale della scuola.

Con la campanella di lunedì 8 giugno 2015 terminano le lezioni nelle scuole lombarde e per molti studenti iniziano le vacanze, mentre i docenti sono impegnati negli adempimenti di fine anno tra scrutini e pagelle.

Dopodiché inizieranno gli esami di Stato per 19.231 studenti delle scuole bergamasche. A cominciare per primi sono gli 11.466 alunni di terza della scuola secondaria di primo grado che affronteranno le prove appena conclusi gli scrutini finali e il 19 giugno lo scritto nazionale Invalsi, di italiano e matematica, alla ottava edizione e uguale in tutta Italia.

Per gli 7.765 candidati di quinta superiore il via agli esami di Stato è il 17 giugno con lo scritto di italiano.

Patrizia Graziani, dirigente dell’Ufficio Scolastico Territoriale di Bergamo, rivolge un messaggio di saluto e di augurio agli studenti e al personale della scuola.

“Si sta concludendo un anno ricco di progettualità per la scuola bergamasca, inclusiva, innovativa, vivace e onesta, con un’offerta di qualità a garanzia delle migliori opportunità formative per tutti e per ciascuno. Tanti bambini e ragazzi, soprattutto grazie alla scuola, costruiscono un solido e realistico progetto di vita. Finiti gli scrutini, molti studenti e docenti saranno impegnati negli esami di Stato. Ragazzi, vivete con tranquillità l’appuntamento con gli esami di Stato, da considerare un’occasione importante per fare la sintesi del percorso scolastico e un punto di partenza per nuove esperienze, di studio o di lavoro. L’esame va visto come prova fondamentale per se stessi, per il proprio futuro e non soltanto dal punto di vista dei risultati. Mostrate con grinta quanto valete e tirate fuori il meglio di voi stessi, con impegno e convinzione.
Pensate sempre positivo e investite su di voi dando il massimo! Ai commissari e ai presidenti di commissione richiedo di operare sempre con rigore e serietà, uniti ad un atteggiamento di accoglienza e attenzione, per valorizzare gli elementi positivi di tutti gli studenti. Sono certa che svolgerete un buon lavoro, con spirito di dedizione ed elevata professionalità. Buon esame e buon lavoro”.
Patrizia Graziani

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Piero

    Una scuola che finisce di lunedì: neanche Pinocchio nel Paese dei Balocchi aveva osato immaginare tale fantasia….. Ragazzi, ragazzi nostri, scappate di corsa dall’Italia!

    1. Scritto da wiw

      ah già, certo, il vero problema, DRAMMATICO della scuola italiana, è questo!. Dighel al Piero…

      1. Scritto da Piero

        No, calma…. Ma è il segnale evidente dell’arroganza senza raziocinio né buonsenso della macchina pubblica. Lei vuole che i suoi figli crescano in un paese dove comandano gli irrazionali o dove comandano i ragionevoli?