BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Fiera della Contrattazione La Cisl lancia la sfida per il lavoro e la ripresa

Contrattare politiche attive per il lavoro: la Cisl lancia la sfida per la ripresa e per giovedì 4 giugno ha organizzato nel Salone Riformisti della sua sede di via Carnovali la seconda Fiera della Contrattazione: tavola rotonda con Paolo Agnelli, Stefano Malandrini, Valentina Aprea e Roberto Benaglia.

"Il tema delle politiche attive del lavoro – spiega Giacomo Meloni, della segreteria CISL di Bergamo – è e sarà sempre più determinante nel ruolo di contrattazione che la CISL e tutte le categorie sono chiamate a svolgere in particolare per creare la condizione di rioccupazione per le persone che perdono il posto di lavoro".

Di politiche attive si parlerà alla seconda Fiera della Contrattazione che la CISL di Bergamo ha organizzato per giovedì 4 giugno, dalla 9 alle 13 presso il Salone Riformisti della sede provinciale di via Carnovali.

Nel corso del 2014, l’Osservatorio regionale della CISL ha registrato centinaia di accordi di secondo livello (aziendale o territoriale). In questo panorama, la parte del leone l’ha fatta la FIM (categoria dei metalmeccanici), che ha sottoscritto più del 40% del totale degli accordi. Poi FEMCA (chimici e tessili) con il 15,6, gli agricoli e alimentaristi della FAI con il 15% degli accordi, FIBA (bancari) con il 7,5.

Tra gli aspetti più interessanti presenti nelle intese firmate nelle varie aziende, assume livelli qualitativamente e quantitativamente interessanti l’aspetto del welfare. Infatti, gli accordi riguardano in misura maggiore gli innalzamenti del contributo aziendale al fondo pensione; i contributi spese per il diritto allo studio dei figli; varie forme di permessi retribuiti e non per la cura; permessi per visite mediche o cure; la concessione di permessi retribuiti per nascite o accompagnamento e la formazione post-partum, la costituzione di fondi di solidarietà aziendale. Accordi innovativi riguardano la concessione del part-time e l’adozione del tempo flessibile fino a una certa età del figlio; l’introduzione del telelavoro e dello smart working. Inoltre, decine di accordi introducono il concetto di “carrello della spesa” e del lavaggio o fornitura degli abiti da lavoro.

Dopo l’illustrazione degli accordi che Bergamo presenterà alla fiera regionale, in programma il prossimo 10 giugno, e la relazione di Giorgio Caprioli, responsabile dell’Osservatorio contrattazione della CISL Lombardia, sugli accordi di secondo livello stretti in provincia nel corso del 2014, è in programma tavola rotonda alla quale interverranno Roberto Benaglia della segreteria della CISL Lombardia; Valentina Aprea, assessore Regionale all’Istruzione Formazione e Lavoro; Paolo Agnelli, Presidente di CONFIMI, e Stefano Malandrini, responsabile area lavoro di Confindustria. 

“In questi anni di crisi – dice Meloni -, esercitare la contrattazione aziendale di secondo livello è stato più difficile, in alcuni casi impossibile, e se si è perso in quantità di accordi, si è sicuramente migliorato nella qualità e nel grado di innovazione. Un tratto di forte caratterizzazione nella contrattazione è stato quello rivolto agli aspetti sociali, svolto dalla confederazione con il determinante contributo della FNP. Di pari importanza è la contrattazione fatta nel 2014 sulle politiche attive del lavoro orientate alla rioccupazione delle persone che hanno perso il lavoro. Di questi in particolare vanno segnalati gli accordi di rete per il lavoro che riguardano le aree di Treviglio e Isola Bergamasca, e della Manifattura Val Brembana”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.