BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

All’ospedale Papa Giovanni apre l’ambulatorio Progetto Cuore-Chagas video

Sta per prendere il via “Progetto Cuore Chagas” all’Ospedale Papa Giovanni di Bergamo grazie al sostegno economico della Fondazione Onlus “Amici di Santina Zucchinelli”.

Sta per prendere il via “Progetto Cuore Chagas” all’Ospedale Papa Giovanni di Bergamo grazie al sostegno economico della Fondazione Onlus “Amici di Santina Zucchinelli”. Si tratta di un’importante iniziativa a carattere socio-sanitario sulla Malattia di Chagas – Parassitosi con importanti complicanze soprattutto di tipo cardiaco, da noi pressoché sconosciuta, ma diffusa nei paesi del Centro e Sud-America – rivolta alla popolazione latino-americana, in particolare quella boliviana, che risulta essere la più colpita, residente a Bergamo e nella provincia bergamasca.

E’ da un po’ di tempo che la Associazione stava pensando di avviare questo progetto presso l’ospedale bergamasco, dove Santina Zucchinelli è stata curata per tanti anni. I riscontri positivi e incoraggianti del Direttore Generale dott. Carlo Nicora hanno reso possibile il concretizzarsi dell’iniziativa. Domenica 29 marzo 2015, per concordare i dettagli tecnici e i passaggi organizzativi necessari, si sono incontrati a Bergamo da una parte alcuni membri dell’ Associazione “Amici di Santina Zucchinelli”, tra cui il presidente Mons. Luigi Ginami, il dott. Emanuele Berbenni referente del progetto per l’Associazione stessa e il dott. Attilio Iacovoni cardiologo del Papa Giovanni e primo ideatore del “Progetto Cuore Chagas”, dall’altra gli specialisti infettivologi dell’Ospedale bergamasco, tra cui il dott. Marco Rizzi direttore USC Malattie Infettive e le sue collaboratrici dott.ssa Laura Soavi e dott.ssa Maria Sanchez Torres.

Erano presenti anche il dott. Andrea Angheben, del Centro per le Malattie Tropicali, Ospedale Sacro Cuore, Negrar (Verona), e la dott.ssa Mariella Anselmi esperti sulla Malattia di Chagas. A breve verranno divulgati – anche in lingua spagnola – i tempi e le modalità del progetto che sta per iniziare. In sostanza, grazie al contributo della Fondazione, verrà allestito un ambulatorio dedicato al progetto presso l’Ospedale Papa Giovanni, dove gli specialisti infettivologi eseguiranno una prima visita e un test sierologico di screening.

All’ambulatorio si potrà accedere gratuitamente, nei giorni e negli orari che verranno comunicati, senza bisogno di alcuna impegnativa. Tra gli specialisti impegnati vi sarà anche la dott.ssa Maria Sanchez Torres, madrelingua spagnola, per facilitare lo svolgere del lavoro. Lo screening riguarderà dal principio le donne in stato di gravidanza e in età fertile, per poi passare al resto della popolazione. Dopo i primi accertamenti, in caso di riscontro positivo si intraprenderanno esami diagnostici, innanzitutto di tipo cardiologico, al fine di individuare eventuali complicanze.

 

Al termine dell’incontro Mons. Luigi Ginami, a nome di tutti i soci della Associazione Onlus “Amici di Santina Zucchinelli”, ha ringraziato il dott. Carlo Nicora e tutti i medici specialisti infettivologi e cardiologi dell’Ospedale Papa Giovanni di Bergamo per la professionalità e disponibilità dimostrate alla realizzazione del “Progetto Cuore Chagas”.

LA MALATTIA DI CHAGAS

La malattia di Chagas è un problema di salute grave (le complicanze cardiache ed intestinali possono essere mortali) che è stato storicamente limitato ad un ristretto numero di paesi latino-americani, dove il Tripanosoma cruzi circolava (e circola) in alcune aree rurali con precarie situazioni abitative. In anni recenti, anche paesi lontani dalle tradizionali aree di endemia hanno iniziato a doversi misurare con questa malattia, in relazione all’arrivo in Europa, ed in Italia, di numerose persone di origine latino-americana.

 

La malattia di Chagas è un problema di salute che resta circoscritto alla comunità latino-americana, a differenza di altre patologie di importazione che ingenerano maggiore allarme sociale: non esiste difatti possibilità di trasmissione diretta da persona a persona. Le donne portatrici dell’infezione, anche se asintomatiche, possono però trasmettere il tripanosoma durante la gravidanza: possono così venire infettati anche bambini che non sono mai stati in America Latina; per ridurre i rischi durante la gravidanza, e per offrire un percorso di diagnosi e cura adeguato alle persone infette, è stato avviato presso l’ospedale Papa Giovanni XXIII di Bergamo il “Progetto Cuore Chagas”, sostenuto con il contributo della “Associazione Amici di Santina Zucchinelli”: un nuovo ambulatorio dedicato al progetto sarà inaugurato il prossimo 6 giugno.

Video correlati

1 di 1

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.