BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

A Clusone è Olini-bis Sindaco uscente stravince Suo il 38% dei voti

Paolo Olini è di nuovo sindaco di Clusone: il primo cittadino uscente ha strappato la conferma anche per il quinquennio 2015-2020, superando la concorrenza di Massimo Morstabilini (Clusone Viva), Francesco Moioli (SiAmo Clusone) e Laura Poletti (Clusone nel Cuore).

Più informazioni su

Paolo Olini è di nuovo sindaco di Clusone: il sindaco uscente ha strappato la conferma per un secondo mandato, durante il quinquennio 2015-2020, superando la concorrenza di Massimo Morstabilini (Clusone Viva), Francesco Moioli (SiAmo Clusone) e Laura Poletti (Clusone nel Cuore).

Il 38% dei clusonesi (1.849 voti) che si sono recati alle urne domenica 31 maggio ha dato il proprio voto al sindaco uscente: secondo Morstabilini con il 28,65% (1.394 voti), seguono Laura Poletti col 17,75% (864 voti) e Francesco Moioli col 15,58% (758). 
Olini è un veterano della politica di Clusone, questa era la sesta tornata elettorale. Un record. Ma l’analisi vera e propria che emerge dai dati è un centrosinistra ampiamente schiacciato e un centro destra che si ingrossa. Ha vinto la Lega e il centro destra (con Morstabilini) che fanno bassa di voti pescati proprio al centro sinistra.

 
La vera sconfitta è il laboratorio politico imbastito da Jacopo Scandella (Pd) e Angelo Capelli (Ncd): segno che la chimica politica fatta a tavolino non funziona. Una scelta nata a pochi mesi dalle elezioni e che ha scardinato completamente il Partito Democratico portando al suicidio politico il centro sinistra. Un’analisi su questa situazione era stata fatta a due mesi dalle elezioni da Leone Minuscoli (in corsa con Moioli) – Leggi qui. 
Dall’altra parte c’è Morstabilini, già ex assessore con Olini fino al 2012, che raccoglie voti in un bacino probabilmente non suo, sbilanciando completamente i futuri equilibri della politica dell’Altopiano di Clusone.

 


 

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Timogn

    Bravo Scandella,adesso uno serio farebbe un bel mea culpa. E magari si dimetterebbe anche dopo un cosi bel figurone. Ma si sa,la seggiola giusta non si molla…

    1. Scritto da paci

      Ma scherzi? Ingenuo che non sei altro! Secondo te lo Scandella si dimette?
      Ha tentato queste due operazioni (oltre a Clusone ha toppato anche a Gazzaniga, non dimentichiamocelo) per “consolidare” la propria supremazia vallare ed acquisire rilievo provinciale.
      Un politico serio si dimetterebbe: lui no.

      1. Scritto da Paciana

        Sperava in un altro colpaccio tipo quello della Comunità Montana della Valle S. Ma gli é andato maluccio,il calcoluccio!

  2. Scritto da sergio

    Bravo Olini-Bis. Adesso ci piacerebbe avere il tempo pieno alle elementari per aiutare le famiglie che lavorano in due. buona fortuna.