BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

La durissima legge dell’ex: Pazzini e Bonaventura piegano l’ultima Atalanta fotogallery

Al gol iniziale di Baselli rispondono gli ex: prima Pazzini su rigore, poi due volte Bonaventura su "assist" del palo. Per i nerazzurri arriva l'ennesimo ko interno di una stagione che di positivo ha avuto ben poco.

Più informazioni su

Poteva un’annata come quella attuale chiudersi in maniera vittoriosa? No, impossibile. Così, coerente fino alla fine, l’Atalanta archivia la sua stagione con l’ennesimo ko interno, arrendendosi di fronte a un Milan cinico che in campo ha semplicemente messo quella voglia di vincere che l’Atalanta ha avuto solo nei primi 20′. Un po’ troppo poco.

A punire i bergamaschi sono stati, forse per uno strano scherzo del destino, proprio quel Pazzini e quel Bonaventura che sotto le Mura venete hanno lasciato un pezzo di cuore. Soprattutto il talento marchigiano, applauditissimo prima e dopo il match, accolto come un figlio che torna a casa al quale non si può che dire "grazie" per quanto fatto fino alla scorsa estate, prima di passare al Milan.

Ci troviamo così a parlare di un altro ko interno, l’ottavo in campionato (peggio hanno fatto solo Cagliari, Cesena e Parma, per ora), arrivato al termine di un match che era iniziato sotto i migliori auspici: prima con la traversa di Denis, poi col gol sfiorato da Baselli e infine, al 21′, con il colpo di testa vincente dello stesso numero 16 bresciano. Poi il crollo: il pallino del gioco è passato al Milan che ha iniziato ad attaccare con decisione da tutte le parti, mettendo in crisi la difesa nerazzurra. E prima il calcio di rigore di Pazzini, poi il tap-in di Bonaventura hanno ribaltato in meno di 3′ il risultato, portando all’intervallo il Milan avanti 2-1.

Nella ripresa i bergamaschi hanno provato a pareggiare e ci sono pure andati vicini con Denis, Zappacosta e Gomez. Ma alla fine la durissima legge dell’ex ha avuto la meglio ancora una volta, e Bonaventura ha trovato il gol del 3-1, il settimo personale.

Va così in archivio una stagione sicuramente deludente che ha sì portato la salvezza, ma che ha anche lasciato tanto, tantissimo amaro in bocca a tifosi e società. Ora si stacca: è tempo di vacanze. Poi si penserà alla rivoluzione.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Francesco

    toh! non sono il solo a pensare che mezza rosa (e forse più) con Bergamo non abbiano più nulla a che fare… zero grinta, zero interessi ormai a salvezza raggiunta… a 3 punti dal Cagliari… che pena…

  2. Scritto da Ste

    Ieri la dimostrazione che molto va cambiato.
    Solo Baselli sembrava indemoniato, doveva venire Galliani in tribuna un po’ più spesso allora.
    Cherubin e Benalouane imbarazzanti davvero.
    La prossima stagione c’è solo 1 giocatore intoccabile: Papu Gomez, da solo ha fatto il panico.

  3. Scritto da aldo

    di questo campionato ci rimane la salvezza,grazie alle disgrazie altrui, non esaltiamoci per quanto fatto durante l’anno…….speriamo che soprattutto per il prossimo campionato vengano cambiate tante cose…non solo nei giocatori ma nella testa di molti “dirigenti” si dice che il pesce incomincia dalla testa a diventare marcio…….aldo

  4. Scritto da solodea

    Se anche questo Milan ci ha battuto, seppure in una partita di nessuna importanza, è veramente giunto il momento di salutare tanti ma tanti giocatori e rifondare la squadra sperando di non dover più fare figuracce come quest’anno. Povri abbonati …

  5. Scritto da Matteo

    L anno si è concluso ma che pena! Nn ci siamo certo entusiasmati col gioco espresso. Urge cambiare in toto la squadra. ..giocatori che nn hanno più le motivazioni giuste

  6. Scritto da Vickie

    Squadraccia da rifondare

    1. Scritto da Maurizio Mazzucotelli

      Concordo, possibilmente di soli italiani….

    2. Scritto da Paolo

      Hai ragione ! Ma anche l’Atalanta va rifondata !!!!!