BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

La Kansai Philharmonic Orchestra al Donizetti per il Festival Pianistico

Per la prima volta nella sua lunga storia il Festival di Brescia e Bergamo ospita un’orchestra giapponese: la Kansai Philharmonic Orchestra, con Augustin Dumay nella doppia veste di direttore e violino solista, sarà lunedì 1 giugno al Teatro Donizetti di Bergamo e martedì 2 al Teatro Grande di Brescia.

Più informazioni su

Per la prima volta nella sua lunga storia il Festival di Brescia e Bergamo ospita un’orchestra giapponese: la Kansai Philharmonic Orchestra, con Augustin Dumay nella doppia veste di direttore e violino solista, sarà lunedì 1 giugno al Teatro Donizetti di Bergamo e martedì 2 al Teatro Grande di Brescia.

Le origini della Kansai Philharmonic, che ha sede a Osaka, risalgono al 1970 quando nacque come compagine da camera. Nel corso degli anni è cresciuta gradualmente, arrivando ad assumere l’attuale denominazione nel gennaio del 1982.

L’orchestra vanta una lunga collaborazione con il Direttore principale Sachio Fujioka e il Direttore onorario Taijiro Iimori, con i quali ha stabilito legami forti e unici. Con la nomina di Augustin Dumay a Direttore musicale nel 2011, la Kansai Philharmonic ha compiuto un ulteriore salto di qualità.

La Kansai Philharmonic tiene oltre 110 concerti ogni anno e la sua popolarità è in costante ascesa.

Augustin Dumay è salito alla ribalta grazie all’incontro con Herbert von Karajan, ai concerti con i Berliner Philharmoniker e alle incisioni per EMI dei concerti di Mendelssohn, Čajkovskij, Saint‐Saëns e Lalo. Ha successivamente suonato con regolarità con le orchestre più prestigiose – London Symphony, London Philharmonic, English Chamber, Royal Philharmonic, Royal Concertgebouw, Los Angeles Philharmonic, Sinfonica di Montreal, Suisse Romande, Mahler Chamber Orchestra, Bayerischer Rundfunk, Orchestre National de France, Japan Philharmonic – sotto la direzione di celebri direttori quali Sir Colin Davis, Ozawa, Rozhdestvensky, Sawallisch, Harding, Masur, Eliahu Inbal, Dutoit, Iván Fischer, Nagano, Temirkanov e tanti altri.

Negli ultimi dieci anni, parallelamente all’attività di violinista, Dumay è stato sempre più richiesto come direttore. Oltre al ruolo, ricoperto dal 2003, di Direttore musicale dell’Orchestra Reale da Camera di Vallonia, nel 2011 è stato nominato Direttore musicale della Kansai Philharmonic Orchestra, con la quale nel maggio di quest’anno affronta la tournée europea che, oltre al Festival di Brescia e Bergamo, prevede concerti in Germania e Svizzera.

Dumay è inoltre regolarmente invitato a dirigere compagini come English Chamber Orchestra, New Jersey Symphony e Sinfonia Varsovia.

Il programma delle due serate prevede una prima parte con tutti brani per violino e orchestra, a partire dal Poème op. 25 di Chausson, per proseguire con due Danze ungheresi di Brahms (n. 2 e n. 5) e terminare con Tzigane di Ravel. Nella seconda parte sarà eseguita la Quarta Sinfonia di Johannes Brahms.

Bergamo Teatro Donizetti ‐ Lunedì 1 giugno, ore 21

Biglietti acquistabili il giorno stesso del concerto presso le biglietterie dei rispettivi teatri.

Prevendita online su Vivaticket.it

Per informazioni: Brescia – tel. 030.293022 / Bergamo – tel. 391 4619293 www.festivalpianistico.it / info@festivalpianistico.it

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.