BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

“Felice commercio è morto” Vetrine chiuse e a lutto nel centro di Grumello fotogallery

La battaglia non termina qua, promette l'associazione Vivi Grumello, soprattutto perchè "queste novità in materia stradale sembrano andare a confluire tutte sulla direttiva in cui sorgerà un nuovo centro commerciale". Oltre il danno, la beffa.

Vivi Grumello, l’associazione di commercianti di Grumello, che raggruppa più di 50 commercianti, è scesa in piazza, mercoledì 27 maggio.

Oltre alle serrande chiuse per tutta la mattinata (guarda le foto QUI), un numeroso gruppo di commercianti ha protestato dichiaratamente contro il primo cittadino.

Tema della contestazione, più unica che rara nella cittadina sebina, è l’imminente inizio dei lavori stradali su via Roma, sulla provinciale 91, che serviranno, spiegano i negozianti, per convertire la strada in senso unico di marcia in direzione Sarnico.

Una decisione portata avanti dall’amministrazione comunale senza mai aprire un tavolo di confronto con gli esercenti che operano sul tratto, precisa un commerciante: "Uno schiaffo per chi ogni mattina alza la serranda del proprio negozio cercando di guadagnarsi la giornata".

Al di là della scelta sulla logistica "la cosa più grave è che nessuno abbia mai risposto alla nostra richiesta di un colloquio per concertare una soluzione condivisa".

Solo mercoledì, infatti, solo dopo l’annuncio della plateale protesta il comitato ha potuto incontrare vis a vis il sindaco Nicoletta Noris, ma al di fuori del palazzo comunale.

Purtroppo, continua una giovane commerciante "anche l’azione di sensibilizzazione con la protesta è servito a poco, non essendo riusciti a strappare una promessa di incontro e nemmeno una risposta precisa alle domande dei presenti".

Tanta confusione intanto mercoledì per le vie di Grumello. "Felice Commercio è morto", annunciano le locandine listate a lutto appese sulle vetrine del centro.

Ma la battaglia non termina qua, promette l’associazione Vivi Grumello, soprattutto perchè "queste novità in materia stradale sembrano andare a confluire tutte sulla direttiva in cui sorgerà un nuovo centro commerciale". Oltre il danno, la beffa.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Ennio

    Non conosco questa realtà ma di vie centrali a senso unico o addirittura pedonali in giro ce ne sono a tonnellate e senza problemi.

    1. Scritto da quindi?

      anche di aeroporti ne esistono a tonnellate senza problemi… questo non significa che ogni aeroporto ha le stesse caratteristiche.

      1. Scritto da Ennio

        “E quindi” se mai …. lo dico io , qual’è il tuo di problema visto che normalmente il fatto non costituisce ….. un problema ?

  2. Scritto da rota bruno

    ma qualcuno avrà pur votato per l’attuale sindaco o nò?

    1. Scritto da Simone

      Infatti, da troppo tempo dico che a grumello, come a telgate e nelle località del nord in generale, si vota sempre lega a prescindere. Ora, basta lamentarsi, quando un po’ di noie arrivano addosso anche a chi li ha votati. I segnali per capire che sono partiti di delinquenti, ci sono da anni.

  3. Scritto da alberto

    Daccordo in pieno con il primo messaggio e aggiungo che prendono una barca di soldi nostri per rovinarci..da Piu di 20 anni…siamo al Massimo del ridicolo…

  4. Scritto da MAURIZIO

    Rassegnatevi. La politica italiana non difende nè la Nazione nè la classe media, ma il grande capitale, le grandi Spa, le multinazionali, la burocrazia. Può anche difendere i piccoli, a patto però che si sottomettano ai suoi bisogni. I partiti politici italiani oggi sono il primo veleno che uccide la Nazione Italia.