BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Una giornata dell’arte per la pace con Consulta studentesca bergamasca

Una giornata dell’arte per la pace con la Consulta studentesca è in programma sabato 30 maggio dalle 15.30 fino a tarda sera allo Spazio Polaresco di Bergamo, via del Polaresco 15. Già numerosi studenti hanno aderito e porteranno proprie creazioni o esibizioni per lanciare messaggi di pace come richiede il tema dell’evento: Il bello contro il bellico, arte e creazione contro la guerra.

Cresce il tam-tam sui social per far parte della tribù della giornata dell’arte promossa e organizzata dalla Consulta studentesca bergamasca per sabato 30 maggio 2015 dalle 15.30 fino a tarda sera allo Spazio Polaresco di Bergamo città (via del Polaresco 15). Già numerosi ragazzi e ragazze hanno aderito e porteranno proprie creazioni o esibizioni per lanciare messaggi di pace come richiede il tema dell’evento Cps: “Il bello contro il bellico, arte e creazione contro la guerra”.
Cent’anni dopo l’ingresso dell’Italia nella Grande guerra, le speranze degli studenti Cps sono proiettate verso un futuro fatto di bellezza e creatività, con la vita come valore inviolabile. Un’occasione importante di aggregazione giovanile, anche per dare il benvenuto alle vacanze che si avvicinano attraverso i diversi linguaggi dell’arte.

L’ingresso è libero e gratuito. Info: www.consultastudenti.bg.it.

“Attraverso l’arte intendiamo lanciare un messaggio contro tutte le guerre, da quelle di mafia ai conflitti dimenticati sparsi nel mondo – spiegano gli studenti bergamaschi -. La nostra non vuole però essere una riflessione dolorante, sui numeri dei conflitti, ma carica di speranza. Per questo abbiamo deciso di coinvolgere gli studenti delle scuole bergamasche che, attraverso i loro talenti artistici, creeranno nuova bellezza. La giornata vuole essere anche una vetrina in cui gli artisti emergenti potranno avere un’occasione di visibilità: band e dj, pittori e scultori, illustratori e giocolieri, ma anche free runners, caricaturisti, disegnatori di henné, ballerini e danzatori, writers. Non importa il mezzo, ciò che conta è che le performances esprimano un messaggio di pace. Il ricavato sarà devoluto ad Emergency, portando così un aiuto concreto a chi vive in zone di conflitto. Vi aspettiamo numerosi per passare una bellissima giornata insieme, perché non è bello ciò che è bellico, è bello ciò che pace”.

 

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.