BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Collegamento Orio-Bergamo, che fine ha fatto la funivia? Intanto si punta su Zogno

Quale è la vera priorità infrastrutturale per la provincia di Bergamo? Gori, Maroni e Delrio parlano del collegamento ferroviario Orio-Bergamo, Sorte e Rossi pensano soprattutto alle strade. Nel frattempo, la funivia lanciata poche settimane fa, è passata in secondo piano.

Più informazioni su

Le priorità? Quattro o cinque, a seconda di chi parla. La lunga giornata del ministro Graziano Delrio a Bergamo, prima all’aeroporto (leggi qui) e poi rinchiuso nell’ufficio del sindaco Gori a Palafrizzoni (leggi qui), ha regalato molti spunti a cronisti e commentatori. A Delrio è stato presentato un dossier con una serie di opere dal valore di quasi mezzo miliardo di euro, investimento irrealistico e insostenibile per le casse dello Stato. La provincia di Bergamo dovrà accontentarsi di meno.

Cosa scegliere? Qui parte il balletto. Il sindaco inizia le dichiarazioni citando il collegamento ferroviario tra l’aeroporto e la città. Lo stesso auspica il presidente della Regione Lombardia Roberto Maroni durante il suo intervento all’inaugurazione del terminal. E il presidente Sacbo Miro Radici lo definisce “un sogno”. L’assessore regionale Alessandro Sorte e il presidente della Provincia Matteo Rossi invece mettono il collegamento in secondo piano. Preferiscono partire da raddoppio della Montello-Ponte San Pietro e soprattutto guardano alle strade: conclusione della variante di Zogno e inizio di quella di Cisano. L’operazione sarebbe possibile attraverso 5 milioni concessi dal governo a Cisano, per sbloccarne a cascata 5 della Regione dirottati in Valbrembana.

Delrio che dice? Il ministro esce da Palafrizzoni un po’ frastornato e parla ancora del collegamento ferroviario Orio-Bergamo (195 milioni di euro, realizzabile in un solo lotto). Il caso vuole che le accoppiate Maroni&Sorte, nella stessa Giunta, e Gori&Rossi, nello stesso partito, abbiano priorità diverse.

Per di più nelle chilometriche dichiarazioni di lunedì è scomparsa la funivia Bergamo-Orio lanciata da Forza Italia e dallo stesso Sorte poche settimane fa (leggi qui). Che sia una mossa per distrarre l’attenzione e lanciare un colpo a sorpresa? Difficile, perché il presidente pare si sia già arrabbiato per la questione cabinovia, ma l’assessore regionale bergamasco non è nuovo a fuochi d’artificio. E’ lui il vero interlocutore della Regione e nei corridoi si mormora che la presenza di Maroni all’aeroporto sia stata organizzata ad hoc per non lasciare (ancora) il palco a Sorte. Prima ancora delle opere, è prioritario non perdere terreno politico: le elezioni si avvicinano.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da SERIO

    @ “Ugo”

    Ci sono già diversi progetti,quelli da reperire sono i finanziamenti, privati essenzialmente. Evitando l’esperienza BREBEMI.

  2. Scritto da Basta fiabe !

    Sarebbe già un miracolo costruire una fermata lungo la linea Bergamo- Ponte San Pietro all’altezza del nuovo ospedale. Il tempo delle fiabe è finito da molto.

  3. Scritto da Ugo

    Tutti giù a scavare un bel tunnel sotterraneo che arrivi da Viale Papa giovanni a Orio, e tra 30 anni sarà forse pronto ? ma almeno avremo fatto un buon lavoro !!!!!!!!

  4. Scritto da SERIO

    Buon proposito quello di usare il cervello: si capirebbe che tra la TEB e la funivia (idea bislacca dell’attuale opposizione) ce ne passa. Pure si realizzerebbe che collegare stazione dei treni e aereoporto via rotaia è tanto utile quanto efficace.

  5. Scritto da usiamo il cervello

    Direi che il primo di aprile è passato da un pezzo e di “pesci” ne abbiamo avuto abbastanza: dopo la funivia, il collegamento ferroviario (200 milioni di euro per non far viaggiare nessuno – ma li avete mai visti i pullman non stop da Orio per la stazione che viaggiano semivuoti?) e Montichiari finito a insulti (“furbetti del quartierino”). E adesso gli aerei “più silenziosi”… Ci manca solo la befana…

  6. Scritto da SERIO

    @angilberto
    La barzelletta è di chi non sa leggere.
    Gori propone la TEB per collegare aereoporto e stazione non la funivia che è un’idea bislacca di altri soggetti più vicini all’attuale opposizione.

  7. Scritto da marisa

    Mi piacerebbe sapere quanto ci costerà la variante di Zogno una volta finita.. ammesso che non rimanga un’opera incompiuta !

  8. Scritto da angilberto

    PS – Non ho citato la “funivia” aeroporto stazione Città Alta…. poiché la ritengo una barzelletta le cabine in aria e i cavi sopra la città…

    1. Scritto da barzelletta

      Condivido sulla barzelletta, anche se siamo in tempi di Renzi premier, di barzellette ne sentiamo ogni giorno.
      Finirà un dì il cabaret dello sbruffoncello di Firenze? E dicevano di Berlusconi.

      1. Scritto da Lèlù

        La barzelletta viene da destra , polemico, prova con Lourdes.

  9. Scritto da angilberto

    Collegamento ferroviario aeroporto stazione Fs vuol dire uscire un po dell’isolamento infrastrutturale di Bergamo. Raddoppio della Montello – Ponte San Pietro indispensabile per realizzare una metropolitana Est-Ovest di Bergamo super necessaria! Non parliamo delle strade quelle esistenti che sono uno schifo da terzo mondo…. altro che Expo….

  10. Scritto da paolot

    E’ giusto che l’idea della funivia sia sparita.
    Il 90% di chi parte da Orio al Serio NON PROVIENE da Bergamo città.
    Il 90% di chi arriva ad Orio al Serio NON E’ DIRETTO a Bergamo città.
    Perchè allora si continua a parlare di quest’opera inutile?

    1. Scritto da Dave

      per fare si che anzichè il 10% si fermi a Bergamo qualche persona in più!

  11. Scritto da Non col vento

    La fine che meritano le stupidaggini, del resto lo stesso collegamento ferroviario non riguarda tanto la città di Brrgamo, quanto lo stabile inserimento di Orio nel quadro infrastrutturale di Milano e la città regione. Quindi non capisco che significa “guardare ad est”, se non cedere un po’ di mercato cargo a Montichiari