BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Affittuari Aler, rimborsi fiscali fino a 2.700 euro nei prossimi tre anni

Per le circa 8.500 famiglie che risiedono in case popolari spetterà nella dichiarazione dei redditi dal 2015 al 2017 una detrazione dai 450 ai 900 euro l'anno: una nuova agevolazione fiscale che si affianca a quelle già previste.

Più informazioni su

Sono circa 8.500 le famiglie che risiedono in case popolari, il cosiddetto housing sociale gestito da Aler o dai comuni. A costoro, o a buona parte di queste famiglie, spetterà, nella dichiarazione dei redditi dal 2015 al 2017, una detrazione che andrà dai 450 ai 900 euro all’anno. È la novità contenuta nella legge 80/2014, istituita per “soccorrere” il disagio abitativo da tempo segnalato dai sindacati e dalle associazioni degli inquilini.

Roberto Bertola, segretario del Sicet Cisl di Bergamo, sottolinea come questa norma sia “un aspetto inedito per i non addetti ai lavori. Noi attendiamo da anni che il Fisco si occupi di questa vasta cerchia di famiglie. La questione importante riguarda il fatto che questa norma non incide sugli affitti ma sul reddito, e dopo il riconoscimento della ‘morosità incolpevole’ possiamo dirci in parte soddisfatti per il recepimento di alcune delle nostre richieste. Rimaniamo in attesa che il Governo recepisca la nostra richiesta di riconoscere la detrazione sull’affitto pagato in percentuale pari a quella dei mutui per la prima casa”.

Di fatto, la legge ha introdotto una nuova agevolazione fiscale che va ad affiancarsi a quelle già previste dalla normativa in tema di detrazioni fiscali per i canoni di locazione sostenuti dagli inquilini. La novità è rappresentata dalla possibilità di portare in dichiarazione dei redditi 2014 la detrazione Irpef di 900 euro se il reddito dell’inquilino non supera i 15.493,71 euro, o di 450 euro se il reddito dell’inquilino è maggiore di 15.493,71 euro ma non supera i 30.987,41 euro. La detrazione fiscale spetta soggetti titolari di contratti di locazione di alloggi sociali adibiti ad abitazione principale. Il periodo per il quale si rende applicabile l’agevolazione è il triennio 2014/2016.

“Si tratta di un rimborso previsto per tre anni – dice Mina Busi della segreteria Fnp Cisl di Bergamo – , che permetterà a tanti pensionati che vivono in alloggi sociali di far fronte ad impegni come il pagamento di bollette arretrate o canoni di affitto non pagati per difficoltà economiche”. I pensionati riceveranno le somme nel mese di agosto 2015 e per i due anni successivi (se il loro 730 lo prevederà) insieme all’importo della pensione, mentre i lavoratori dipendenti riceveranno i soldi nel mese di Luglio 2015 e per i successivi (sempre dietro presentazione della dichiarazione dei redditi) con lo stipendio.

Per poter godere della detrazione fiscale, avvisa Candida Sonzogni, direttore del Caf Cisl provinciale, “bisogna essere in possesso del Contratto registrato di assegnazione in locazione dell’immobile dal quale risulti chiaramente che si tratta di locazione avente oggetto un alloggio sociale oppure della Dichiarazione dell’Ente locatario (ALER-COMUNE.COOPERATIVE-FONDAZIONI) attestante che il contratto si riferisce ad un alloggio sociale ai sensi del DM 22.04.2008. La detrazione viene riconosciuta anche in assenza di ritenute, pertanto, riguarda anche coloro che non pagano tasse (incapienti), perché, per esempio, hanno un reddito annuo inferiore ai 7.500 euro o a 7.750 euro se pensionati o inferiore a 8.000 euro se dipendenti o titolari di redditi assimilati. È comunque necessario fare la dichiarazione dei redditi: è preferibile utilizzare il 730 perché il rimborso è più veloce. Purtroppo, sono esclusi dal diritto i titolari di sola pensione sociale, assegno sociale e invalidità civili in quanto tali provvidenze non costituiscono reddito ai fini Irpef. Ricordo che la scadenza di presentazione del 730 è il 7 luglio prossimo e che tutti i pensionati possono rivolgersi alle nostre sedi anche per la stampa della certificazione unica dei redditi erogati dall’Inps".

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Giovanni

    Buongiorno scrivo per mia madre che abita a Milano in casa aler dal 76, volevamo sapere se anche lei poteva usufruire di questo rimborso,perché non riusciamo a capire se si parla della regione Lombardia o previsto dalla propria provincia