BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Forza Italia Treviglio contro il sindaco Pezzoni “E’ al guinzaglio della Lega”

Forza Italia usa parole di fuoco per descrivere l'atteggiamento del sindaco Giuseppe Pezzoni che giovedì ha deciso di non presentarsi in Consiglio comunale per discutere delle petizioni contro il progetto di piazza Setti.

Dopo un comunicato di questo tenore è difficile che la frattura interna al centrodestra trevigliese si ricomponga in vista delle elezioni 2016. Forza Italia usa parole di fuoco per descrivere l’atteggiamento del sindaco Giuseppe Pezzoni che giovedì ha deciso di non presentarsi in Consiglio comunale per discutere delle petizioni contro il progetto di piazza Setti. “Uno schiaffo ai trevigliesi, atto gravissimo e antidemocratico, succube della Lega”.

LA PRESA DI POSIZIONE DI FORZA ITALIA

Il sindaco Pezzoni ha fatto mancare di proposito il numero legale alla seduta del consiglio comunale del 21 maggio chiamato a pronunciarsi sulla petizione popolare contro il progetto di Piazza Setti. Impedendo lo svolgimento del consiglio comunale egli ha dato uno schiaffo a tutti noi Trevigliesi.

La scelta del sindaco di boicottare un consiglio comunale regolarmente convocato è un atto gravissimo e antidemocratico. Pezzoni ha dimostrato di essere completamente succube della Lega Nord che, per bocca del suo capogruppo Francesco Giussani e del segretario e vicesindaco Juri Imeri, ha pubblicamente umiliato le migliaia di trevigliesi che hanno sottoscritto la petizione popolare contro lo sperpero di circa 6 milioni di euro per il parcheggio di piazza Setti. Il sindaco è al guinzaglio della Lega Nord la quale ha una condotta singolarmente antidemocratica per un partito popolare che dice di combattete gli sprechi e poi scarica su Forza Italia la colpa delle proprie azioni.

Pezzoni, Mangano, Imeri e Giussani sono gli artefici del drammatico sperpero dei soldi di noi Trevigliesi, insistono per spendere quasi 6 milioni di euro per un progetto di parcheggio interrato malamente concepito e di scarsa utilità pratica per i Trevigliesi. Ci stupiamo nel vedere persone che si erano candidate con noi oggi sostenere scelte contrarie all’interesse della Città, snobbare la petizione popolare presentata in consiglio comunale e chiudersi nelle stanze dei bottoni, come se non dovessero dar conto ai Trevigliesi delle loro azioni.

Nel programma elettorale l’ascolto della cittadinanza era uno dei punti principali oggi, invece, viene visto con insofferenza e supponenza. Treviglio non ha bisogno di scelte dirigistiche, lontane dalla gente e sorde alla voce dei cittadini. Un atteggiamento che ormai è diventato abitudinario e seriale da parte di chi governa. Forza Italia continuerà per la propria strada politica per il bene comune e per il bene della città. Treviglio merita di più. Forza Italia Treviglio e Bassa Pianura Bergamasca

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da antonio

    Il consiglio in democrazia rappresenta tutta la popolazione. La petizione rappresenta una ridotta percentuale deĺla popolazione (che in consiglio ha perso). Dunque in termini puramente numerici non c’è motivo di accanirsi in questo modo sulla scelta di procedere. O come al solito in politica si denigrano gli avversari per ottenere un baratto?

    1. Scritto da Gianandrea

      Sono d’accordo con te Antonio.
      Proprio per far funzionare la democrazia, però, la maggioranza (in consiglio) deve ascoltare le istanza che provengono da un parte dei Cittadini.
      Aver vinto le elezioni non significare chiudersi nella stanza e decidere senza ascoltare la città!

  2. Scritto da Angela

    Mi chiedo come possa essere ricomposto il quadro del centrodestra dopo questo comunicato.
    Se Forza Italia e Lega riproporranno una alleanza è chiaro che il candidato non potrà essere ne Pignatelli, ne Pezzoni e tantomeno Imeri.
    Io la butto lì… e se candidassero Maggioni?
    Civico, giovane, preparato e conosciuto in Città!

  3. Scritto da gusmini

    Il centrodestra candiderà PATRIZIA SILIPRANDI.
    Unica in grado di tenere assieme lega+forza italia+dire fare treviglio… Quelli più illuminati del PD, Sorte e Pirovano lo sanno e la stanno coltivando!
    Peccato solo per l’avv. Rossoni: molto in gamba, giovane e capace. Ma contro siliprandi non ha possibilità

    1. Scritto da Narno Pinotti

      Patrizia Siliprandi si candidò l’ultima volta alle comunali di Treviglio nel maggio 2001. Politicamente, un’era geologica fa: non c’erano né Pdl né Pd né M5S; c’erano il Ccd-Cdu, l’Italia dei Valori, Rifondazione comunista e il Partito umanista. Al primo turno votò l’87,1% degli elettori e Siliprandi ebbe 873 voti, pari al 4,95%. Auguri per il 2016.

  4. Scritto da ct

    Tugnoli sindaca!

  5. Scritto da Cinzia

    Pezzoni l’ha combinata grossa: come si fa a non presentarsi in consiglio comunale!?

  6. Scritto da Giuseppe

    Ma Mangano (NCD) come fa a stare con la Lega Nord e viceversa?!?!?!

  7. Scritto da Franco

    Forza Italia rifarà l’accordo con la Lega nel 2016, scaricheranno Pezzoni, sindaco oramai scollato dalla Città.
    L’ipotesi sul tavolo è Pignatelli sindaco ed Imeri vice o l’opposto.
    Trovo difficile un posizionamento di Mangano

  8. Scritto da Adele

    Pezzoni nel 2011 era un candidato che univa il centrodestra.
    Pezzoni nel 2015 è un candidato che divide il centrodestra.
    Forza Italia e Lega troveranno l’accordo su di un nuovo candidato.

    1. Scritto da A Prescindere

      Centrodestra e centrosinistra a treviglio si dividono da se , a prescindere. Trattasi di moltiplicazione cellulare per divisione tipica del luogo.

  9. Scritto da Andrea

    Effettivamente siamo di fronte ad una vicenda imbarazzante: non bastava la spesa esorbitante per un’opera quantomeno discutibile, ci mancava pure la mancanza del numero legale in Consiglio Comunale, sottraendosi di fatto al confronto pubblico e privando i cittadini del loro massimo organo di rappresentanza.

  10. Scritto da Ugo Foscolo

    Più che il patto del Nazareno mi sembra una grande abbuffata perchè si ha paura di perdere la poltroncina. Vorrei ricordare che molte persone dell’allora PDL non hanno ne i numeri ne le qualità per stare in consiglio, e seguono solo il padrone di turno per compiacerlo, nell’aspettativa di un posto di riguardo. Questa Amministrazione ha fatto, e fatto tanto… chi, come Pignatelli and Company, sperava di vederne il fallimento ha sbagliato di grosso! Forza Beppe!

    1. Scritto da Gianni

      In effetti come non darti ragione… Pignatelli quando si è candidato da solo con “Treviglio Libera” ha preso circa il 14%… Si, si in Città non lo fila proprio nessuno!
      Ugo Foscolo dove vivi!?!?!?!

  11. Scritto da enrico

    FORZA ITALIA HA RAGIONE!!!
    Basta stare sotto a uno di pagazzano!
    Viglietti sindaco e suo vice Maggioni!
    E alla fine anche la lega si accodera’