BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Olini ci riprova a Clusone: “Abbiamo sistemato i conti Ora valorizziamo il paese”

Il sindaco uscente Paolo Olini cerca il bis a Clusone: “La priorità del nostro programma è valorizzare il paese come merita. Un posto di rilievo, così come è stato nel 2010, lo avranno i servizi sociali per tutte le fasce d'età”.

Più informazioni su

Ultimato il suo quinquennio da primo cittadino di Clusone, Paolo Olini cerca di fare il bis nella tornata elettorale del prossimo 31 maggio: 46 anni, promotore finanziario, si ripropone portando con sé due assessori della giunta uscente e un consigliere comunale.

Olini, partiamo innanzitutto da un bilancio di questi cinque anni da sindaco di Clusone.

Il bilancio è sicuramente positivo: sono stati 5 anni impegnativi, con tante difficoltà da affrontare e una crisi economica che non ci ha di certo aiutati. Ma abbiamo rispettato quanto scritto nel programma del 2010: abbiamo sistemato i conti, dato grande rilievo ai servizi sociali, abbiamo fatto partire opere importanti e abbiamo rispettato il patto di stabilità.

Dopo 5 anni quali sono i nuovi stimoli della lista Olini Sindaco?

C’è tanta voglia di completare e seguire i cantieri che ci sono attualmente sul territorio comunale, dare un’impronta di onestà al bilancio, la voglia di fare ancora tanto per Clusone e di valorizzare la casa di riposo della Fondazione Sant’Andrea.

Nel 2010 la priorità del suo programma era la sistemazione del bilancio comunale: quella del 2015 quale è?

La priorità è quella di di valorizzare Clusone come merita: un paese più unito e sorridente, dove tutti remino nella stessa direzione per il bene comune. Collaborazione e dialogo devono contraddistinguere l’amministrazione, tutti devono sentirsi coinvolti.

Come lei ben sa, i vincoli del Patto di Stabilità non consentono grosse spese agli amministratori locale: ma qualora non ci fossero, c’è un’opera che le piacerebbe realizzare a Clusone?

A Clusone c’è già tutto, quindi gli interventi maggiori sarebbero da fare per mantenere al meglio il nostro patrimonio, curarlo e tenerlo in ordine. Poi in previsione c’è anche una struttura polivalente che possa ospitare fiere, convegni, teatro ed eventi sportivi ma quella è un desiderio che si può realizzare.

Con la sottoscrizione della convezione della Comunità Montana per il sistema di videosorveglianza Thor, Clusone ha già fatto un grande passo avanti dal punto di vista della sicurezza. Ci sono altri provvedimenti previsti dal vostro programma?

Quando sento parlare di furti provo disprezzo e tanta rabbia perchè i cittadini si devono sentire al sicuro nella propria proprietà. Con la videosorveglianza di Thor è stato fatto un ottimo lavoro e noi vogliamo integrarlo dando maggiore funzionalità alle telecamere presenti in paese, facendo stare gli agenti più spesso sul territorio e coordinando ancora meglio le forze dell’ordine. Vogliamo continuare nella direzione già intrapresa in questi anni: a Clusone non c’è, fortunatamente, un’emergenza sicurezza ma non per questo la guarda va abbassata, anzi. Dobbiamo anche lavorare un po’ sull’educazione della gente perchè tante famiglie, per esempio, ancora oggi lasciano la porta aperta.

Parlava prima della crisi economica che vi ha accompagnati in questi cinque anni di amministrazione: nel suo piccolo cosa può fare il Comune per favorire il lavoro?

Per il lavoro è fondamentale aggrapparsi ai bandi regionali: non mi piace sentire di clusonesi che emigrano perchè se qualcuno lo fa per meriti propri c’è anche chi si sente costretto non trovando un lavoro qui.

Per quanto riguarda i servizi sociali, invece, a cosa avete pensato?

Il mondo del sociale era tra le priorità nel 2010 e continua ad esserlo anche oggi: bambini, giovani, disabili, famiglie in crisi, anziani, tutti hanno delle necessità e vanno ascoltati. Clusone è Comune capofila in questo campo e 24 Comuni limitrofi hanno sottoscritto il nostro piano di zona. In questo senso la possibilità di avere nella nostra squadra Antonella Luzzana, assessore anche in Comunità Montana, ci rende molto forti su questo versante.

Nella corsa a sindaco c’è qualcosa che, secondo lei, la vostra lista ha in più dei concorrenti?

Credo che dalla vittoria alle elezioni derivi una grande responsabilità: la nostra squadra ha già acquisito grande esperienza e il gruppo di lavoro è molto più ampio rispetto a quello che si presenta alle elezioni perchè anche chi non è in lista continua a dare il suo contributo. La nostra forza è quella di non aver avuto paura a presentarci con il nostro simbolo, senza nasconderci: l’identità è chiara a livello politico, così come il nostro progetto.

I candidati consiglieri

Andrea Scandella

Elisabetta Mangili

Mario Tiziano Bosio

Alberto Gamberoni

Omar Savoldelli

Giuseppe Trussardi

Antonella Luzzana

Maurizio Tacchini

Rossella Lodetti

Simone Poletti

Karin Bonadei

Diego Stocchi

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.