BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Cinque per mille, nel 2013 donati 3,7 milioni: Cesvi più scelto dai bergamaschi

I bergamaschi nel 2013 hanno destinato circa 3,7 milioni di euro con il 5 per mille, soprattutto in favore di associazioni di volontariato: così come nel 2012 il più selezionato è stato il Cesvi di Bergamo. Appena fuori dalla top ten il Comune di Bergamo.

A chi hanno destinato il proprio cinque per mille i bergamaschi? La quota d’imposta Irpef è andata principalmente al mondo del volontariato che, nel 2013, si è visto recapitare una buona fetta dei 3.678.161 milioni di euro complessivi. 

Sono 137.044 i contribuenti che hanno scelto di donare a 1.083 beneficiari, soprattutto associazioni benefiche, ma anche Comuni, enti della ricerca scientifica, Università e associazioni sportive dilettantistiche.

Nelle prime dieci posizioni di questa speciale classifica troviamo solamente enti e associazioni del volontariato mentre, appena al di fuori della top ten, si piazza il Comune di Bergamo.

Il gradino più alto del podio se lo aggiudica, per il secondo anno consecutivo, il Cesvi di Bergamo, il più selezionato dai contribuenti al momento della dichiarazione dei redditi: oltre seimila le firme in suo favore, che sono valse 201.561 euro.

Segue l’associazione Paolo Belli, che porta avanti la battaglia contro la leucemia e ad altre patologie, e che è stata scelta da più di 4.500 contribuenti, per donazioni da 124.606 euro, e dal Villaggio della Gioia di Castel Rozzone, che persegue finalità di solidarietà sociale e che ha avuto 99.719 euro da 3.489 contribuenti.

Nella top five l’Anteas, l’associazione nazionale Terza età attiva per la solidarietà, con 4.921 firme e 70.666 euro di contributi, e l’associazione Cure palliative di Bergamo, scelta da 1.954 persone per 58.942 euro.

Scorrendo le prime dieci posizioni si rimane sempre in tema di volontariato, dal sesto posto degli Operatori di pace Allipalli e le sue sorelle di Seriate, che interviene a favore dei bambini e i ragazzi dell’orfanotrofio indiano di Allipalli, fino al decimo dell’Associazione Oncologica bergamasca onlus: nel mezzo l’associazione Amici della pediatria di Bergamo, la Missione Calcutta di Scanzorosciate e l’Associazione italiana persone down di Bergamo.

Si è fermato all’undicesima posizione, come detto, il Comune di Bergamo che è stato scelto da 986 contribuenti per un totale di 36.841 euro donati: Palafrizzoni è il primo Comune, seguito da Dalmine e Seriate con circa 10mila euro ciascuno.

Solo 21esima l’Università di Bergamo che ha ricevuto 22.305 euro da 425 contribuenti.

La tendenza è confermata anche a livello nazionale dove oltre 54milioni di euro sono andati all’Airc, prima per distacco, 12 milioni a Emergency e 8 milioni a Medici senza frontiere e Fondazione piemontese per la ricerca sul cancro: complessivamente sono stati donati 390 milioni di euro, suddivisi in oltre 50mila realtà.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.