BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Stadio, il primo restauro Via le recinzioni: vista e panchine all’inglese

I lavori in programma la prossima estate allo stadio Atleti Azzurri d'Italia dovrebbero portare una grande novità per i tifosi: nella zona parterre dovrebbe essere tolte le barriere e le panchine diventeranno "all'inglese".

Più informazioni su

Non è solo un ritocco quello che l’Atalanta si appresta a realizzare allo stadio Atleti Azzurri d’Italia. I lavori in programma nelle prossime settimane sono il primo passo verso il progetto di restauro completo di cui si parla da tempo. Il presidente nerazzurro Antonio Percassi e Palafrizzoni si sono incontrati più volte, nell’ultimo mese, per definire tutti i passaggi legali, economici e operativi (leggi qui) con l’obiettivo di concludere il cantiere entro l’inizio del prossimo campionato.

La novità principale per una parte dei tifosi sarà la visuale. L’Atalanta vorrebbe togliere le recinzioni che separano la zona parterre dal terreno di gioco, come negli stadi inglesi. E british saranno anche le nuove panchine, più distanti dal campo e sollevate all’altezza della tribuna. Il parterre dovrebbe essere sostituito con una struttura in muratura al posto dell’attuale in metallo. Per farsi un’idea, basta cercare in internet l’immagine della panchina del Manchester United all’Old Trafford. Non è ancora chiaro se al posto dello spesso vetro verrà posizionato un altro tipo di recinzione, per evitare problemi a causa di tifosi troppo vivaci.

Percassi ha più volte dichiarato che gli piacerebbe veder giocare la sua Atalanta in uno stadio totalmente all’inglese, senza barriere. Per ora si deve accontentare del parterre e della ritrovata intesa con l’amministrazione dopo il contenzioso legale per i lavori risalenti al 2014 (leggi qui). La stretta di mano c’è stata anche se i dettagli dell’accordo non sono stati ancora svelati. E’ probabile che una parte del costo del prossimo cantiere, circa due milioni di euro, possano essere scalati dal contratto di affitto e diventare parte del progetto di ristrutturazione completa. Con la speranza che, oltre a giocare in uno stadio all’inglese, l’Atalanta possa giocare in uno stadio inglese. Magari in Europa league.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da il polemico

    si parla sempre di modello inglese come efficenza e civiltà,ma non si cita mai il modello inglese da traferta,con gli hooligan che di solito fanno disordini e spaccano tutto….come se sfogassero all’estero la loro repressione casalinga

    1. Scritto da amico uligano

      forse questo commento l’hai scritto 15/20 anni fa… oppure non sei molto aggiornato su quanto succede alle partite di premier league.

  2. Scritto da Gigino1907

    Finchè qualcuno non farà il primo passo, non usciremo mai da questo marchio di tifosi violenti… giusto quindi che si tolgano le barriere, e si crei uno stadio più comodo per tutti. Giusto poi il rifacimento delle curve, per tanti motivi: sicurezza prima di tutto, visuale, comodità, e modernità. Basta piagnistei e critiche fini a se stesse… In Italia il calcio è amato, è giusto ristrutturare lo stadio! Quando il curling sarà uno sport seguitissimo, gli si creerà un palazzetto, no?

  3. Scritto da Ringraziamenti

    I teppisti della curva ringraziano. Così sarà più comodo per le loro scorribande: entrare in campo diventa un gioco di ragazzi.
    Complimenti!

  4. Scritto da ivan

    il progetto è molto bello lo stadio inglese è adeguato per le competizioni europee

  5. Scritto da mk

    Secondo me la necessità principale è coprire le curve.
    Siamo a Bergamo e piove spesso. l’immagine che esce secondo me è che ci saranno alcuni comodi e che guardano bene la partita altri sotto l’acqua come figli di nessuno. l’immagine di insieme quindi mi sembrerebbe, se fossero questi gli interventi, di forti disuguaglianze. prima i tetti e poi al massimo aspetti estetici. qui invece mi sembra che si faccia tutto per le tv e i principini

    1. Scritto da romy67

      Questo è il primo intervento, il prossimo sarà l’abbattimento di entrambe le curve, e ricostruirle coperte in stile (Marassi) Genova.

  6. Scritto da giulia

    giusto, cosi riusciranno a lanciare meglio i fumogeni ai giocatori. Ogni settimana c’e un incidente in qualche stadio o fuori, in italia al momento non mi pare ci sia la mentalità giusta per fare queste cose. Basta calcio, parliamo di sport minori che ora occupano le ultime pagine dei giornali. Il calcio ha stancato

    1. Scritto da alfa

      Sei egoista…parliamo di….Curling..

  7. Scritto da lino

    Grande Presidente, Grande Sindaco Gori, Grande Amministrazione avremo finalmente uno stadio Orgoglio Bergamasco

  8. Scritto da Francesco

    Le priorità secondo me sarebbero quelle di dare uno spazio onorevole agli amici disabili che sono sempre allo stadio, un posto dove per lo meno siano riparati dalle intemperie e con un altezza tale da permettergli di vedere la partita decentemente. La licenza uefa la vedo comunque difficile da ottenere per lo stadio di Bergamo, sono troppe le cose fuori posto e non a regola per l’Europa, in ogni caso sognare non costa nulla.

    1. Scritto da Giosuè

      Chi arriva quartultimo in Campionato non va in Europa, che io sappia…

    2. Scritto da Almagro

      infatti è ufficiale che per la stagione 2015-2016 l’ Atalanta ha ottenuto la licenza uefa……….non ne becchi una!
      http://www.calciomercato.com/news/ufficiale-negata-al-genoa-la-licenza-uefa-sampdoria-idonea-797196

      1. Scritto da Francesco

        Era proprio quello che volevo dire… arrivando quartultimi l’europa la vediamo col binocolo……….. continua ad andare allo stadio a dare i soldi a chi sai tu e accendi una candelina a san tribunale altrimenti eravamo in serie B…… e il 6 febbraio metti la calza che passa la befana… allocco

        1. Scritto da Volta la frittata

          Non cercare di voltare la frittata: hai scritto tu che vedevi nello stadio di bergamo troppe cose che non andavano bene per ottenere la licenza uefa e puntualmente sei stato smentito. Adesso attaccati alla storia del quartultimo posto. Sui vetri scivoli, anche se tiri fuori le unghie. E comunque da come commenti non hai ancora capito il significato di ottenere la licenza UEFA. Ce l’ hanno data per il 2015-16, secondo te non si sono accorti della pozione di classifica abbiamo?

  9. Scritto da pericle

    dopotuttto la civiltà dimostrata ogni domenica dai tifosi, nonchè la repressione da parte delle forze dell’ordine, supportate dalla società Atalanta B.C., dei pochi soggetti violenti e pericolosi all’interno delle curve, ci mette sicuramente in condizione di goderci le partite “all’inglese”