BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Piazza Setti a Treviglio Pezzoni e la Lega Nord disertano il Consiglio

Il sindaco Giuseppe Pezzoni e il gruppo della Lega Nord diserteranno il Consiglio comunale indetto dall'assemblea dei capigruppo per discutere le petizioni popolari indette contro i progetti di piazza Setti e dell'ex foro Boario.

Il sindaco Giuseppe Pezzoni e il gruppo della Lega Nord diserteranno il Consiglio comunale indetto dall’assemblea dei capigruppo per discutere le petizioni popolari indette contro i progetti di piazza Setti e dell’ex foro Boario. Il primo cittadino sa che rischierebbe di veder vanificato, con il voto, il lavoro sostenuto con forza negli ultimi mesi. E’ per questo che ha deciso, insieme al gruppo del Carroccio, di non presentarsi in aula giovedì 21 maggio. Dalla parte opposta della barricata ci sono gli “esuli” di Forza Italia, Fratelli d’Italia e il centrosinistra.

“Apprendiamo con sconcerto che la Lega Nord, per bocca del suo segretario cittadino nonché vicesindaco della città, Juri Imeri, non parteciperà al consiglio comunale del 21 maggio per discutere la petizione contraria al progetto di Piazza Setti, con l’obiettivo dichiarato di far mancare il numero legale – spiega il segretario del Pd Erik Molteni -. Riteniamo gravissimo che un partito che non perde occasione per sottolineare la sua base popolare, sbeffeggi sostanzialmente una petizione firmata da 2.600 cittadini trevigliesi. Siamo sconcertati da uno stile di governo della città completamene autoreferenziale, dove Juri Imeri invoca il mandato elettorale ricevuto alle ultime elezioni per sottrarsi al confronto. Siamo convinti che i cittadini, che hanno dato il loro mandato elettorale alla Lega Nord ed a questa maggioranza, non si aspettassero certo di leggere sui giornali le dichiarazioni del consigliere e capogruppo leghista Giussani che spiega come agire per "prendere in giro" (usando un eufemismo) i cittadini trevigliesi”.

Anche Fratelli d’Italia non risparmia critiche: “Fratelli d’Italia Treviglio non vuole cadere in questa provocazione né tantomeno avallare la campagna denigratoria posta in atto da più parti che strumentalmente vogliono connotare politicamente il Comitato. Non vogliamo assolutamente essere parte di questo scontro che reputiamo privo di logica, ma chiediamo a Beppe Pezzoni che un tema così delicato come quello della petizione popolare contro i lavori in Piazza Setti venga affrontato nelle sedi opportune, in un consiglio comunale ad hoc, attraverso un sereno confronto politico e dialettico, come peraltro deciso nella conferenza dei capigruppo. Esortiamo pertanto che tutti i consiglieri di maggioranza siano presenti e non facciano mancare il numero legale alla seduta del consiglio”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da nino cortesi

    Impossibile che si possa fare una cosa così.
    Allora vuol dire che proprio forse non basterà neppure il M5*.

  2. Scritto da MAURIZIO

    La politica di destra e di sinistra oggi è : il potere di spendere soldi senza render conto a nessuno 2. ottenere il consenso 3. offrire falso lavoro pervertendo il mercato. Punto. Un cavalcavia a Treviglio: 1. l’intenso traffico u gomma viaggia su carreggiate semplici protette da un normale guard rail 2. i perdoni e le biciclette viaggiano su nuove carreggiate autonome, sorrette da due grottesche, enormi strutture ad arco color blu pisquano, e terminanti nel nulla. I politici oggi.

    1. Scritto da Narno Pinotti

      Rifare il cavalcavia Baslini richiede somme enormi, un difficile accordo con Rfi e lo strozzamento della ex ss 472, mentre altri cantieri pesano sulla viabilità locale. Il ponte non poteva essere allargato né sostenere la ciclovia. Ora ci vanno sicuri ciclisti e pedoni, che prima rischiavano la vita e facevano rischiare incidenti ad auto e camion che invadevano la carreggiata opposta per evitarli. Più uno è perentorio nel ciarlare di ciò che non sa, e più grosse sono le cacche che pesta.

      1. Scritto da MAURIZIO

        Ha ragione. Il suo padrone dovrebbe avere l’apposito sacchetto quando la porta per strada. Eviteremmo così di pestare ciò che lei lascia per terra. Lo dice anche la legge. Ps. : richiedono somme enormi anche i comuni guard rails di alluminio, naturalmente. E poi le arcate blu pinotti danno un tocco di gran classe alla metropoli.

  3. Scritto da Comitato Piazza Setti

    Pezzoni e la sua maggioranza scappano davanti alla petizione di Piazza Setti sottoscritta da 2.645 Cittadini. Non hanno il coraggio di affrontare la cittadinanza essendo coscienti della follia del progetto: circa 6mln di Euro per un parcheggio che già c’è! Piegando la sua figurata istituzionale di Sindaco alle logiche di partito, Pezzoni sarà determinante nel far mancare il numero legale, così da non discutere le istanze dei cittadini.