BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Per due giorni Bergamo sarà capitale delle valvole Settore con 10mila addetti fotogallery video

Il 27 e il 28 maggio 2015 Bergamo sarà la capitale delle valvole: si apre alla Fiera di Bergamo IVS Industrial Valve Summit, una manifestazione internazionale dedicata alla filiera delle valvole industriali. Centocinquanta le aziende, di cui 29 bergamasche, che parteciperanno al debutto della prima fiera italiana di settore.

Un settore sconosciuto ai più, ma che è una eccellenza bergamasca e nazionale. E’ il settore delle valvole industriali, un vero fiore all’occhiello per il manifatturiero italiano con oltre 10 mila addetti. Un dato su tutti: l’Italia è al secondo posto al mondo per esportazione di valvole industriali, dopo la Cina e prima di colossi come Stati Uniti d’America, Germania e Giappone. C’è di più. Il settore registra un trend positivo continuo e vanta un export pari a 7,8 miliardi di dollari e una quota di mercato di circa il 14%. Forse si deve partire da questi numeri per comprendere l’orgoglio tutto tricolore che sta alla radice della prima edizione di IVS – Industrial Valve Summit, la manifestazione internazionale dedicata alla filiera delle valvole industriali, in programma alla Fiera di Bergamo il 27 e 28 maggio 2015. L’evento è stato presentato martedì 19 maggio nella sede di Assolombarda a Milano. Sono 152 le aziende italiane, ventinove quelle bergamasche, che hanno confermato la propria partecipazione alla manifestazione, che occuperà più di seimila metri quadrati di superficie.

I DATI DI UN’ECCELLENZA ITALIANA

Andando a vedere nello specifico il settore dell’Oil&Gas, l’Italia assume però il ruolo di leader mondiale sia dal punto di vista della produzione che da quello dell’esportazione. Sono oltre 100 le aziende attive in questo specifico comparto, di cui circa il 60% di proprietà italiana e le rimanenti appartenenti a gruppi internazionali. Le prime 50 aziende specializzate nella produzione di valvole per il settore Oil&Gas fatturano da sole 3,1 miliardi di euro. Di questo gruppo, ben 39 aziende hanno sede in Regione Lombardia e generano l’80% del fatturato totale, con un export pari a 2,5 miliardi di euro. Nel territorio lombardo sono attive anche le più importanti aziende a livello mondiale nella filiera delle valvole industriali: forgiatori, produttori di attuatori, guarnizioni, sistemi di tenuta, rivestimenti e soluzioni di flow control.

“Industrial Valve Summit accende i riflettori su un settore d’eccellenza del nostro Paese, e del nostro territorio in particolare, riconosciuto in tutto il mondo – dichiara Ivan Rodeschini, Presidente Ente Fiera Promoberg –. Non sorprende quindi il successo ottenuto già in fase di allestimento: la prima edizione di IVS, infatti, è sold out già da molte settimane. Ciò conferma quanto sia positivo il giudizio verso il progetto da parte dei top player del settore a livello mondiale. Le presenze a IVS di molte delegazioni straniere e gli interventi di relatori di altissimo profilo, consentiranno a Bergamo di entrare in una dimensione internazionale che ben le si addice. IVS consentirà inoltre ricadute molto positive per le imprese e il territorio in generale”.

Guido Venturini, Direttore Confindustria Bergamo, sottolinea le peculiarità del settore: “Quello delle valvole industriali è apparentemente un settore molto specialistico, ma in realtà, per le sue caratteristiche, può fornire alcune soluzioni per uscire dalla crisi a tutte le aziende del manifatturiero italiano. La capacità delle aziende che interverranno all’Industrial Valve Summit di crescere all’estero, puntando su internazionalizzazione ed export, gli investimenti costanti in ricerca e innovazione tecnologica, la decisione di puntare sulle competenze professionali dei collaboratori, possono diventare un modello per tutte le aziende italiane che vogliono essere competitive a livello mondiale".

Il successo della prima edizione di IVS si basa soprattutto sui numeri degli espositori, come sottolinea Fabio Casiraghi, Project Manager IVS: “Considerando che siamo alla prima edizione, non posso che esprimere grande soddisfazione riguardo ai risultati raggiunti in termini di metri quadri espositivi coperti e tipologia di aziende aderenti. La presenza di un contestuale Congresso internazionale attesta il sempre maggiore carattere di internazionalità che il comparto valvolame sta assumendo in termini di volumi esportati e di fatturato realizzato sui mercati esteri”.

Anche Michele Angelo Verna, Direttore Generale di Assolombarda, rimarca l’importanza di questo comparto: “La filiera delle valvole rappresenta un settore strategico del manifatturiero. Basti pensare che una valvola su quattro è di fabbricazione italiana e che il comparto rappresenta il 40% del mercato europeo e il 37% del mercato mediorientale. Assolombarda con l’obiettivo di sostenere le filiere ha, di recente, portato a termine un’importante riorganizzazione strutturale e culturale che, favorendo aggregazioni di imprese interessate allo stesso mercato verticalmente o orizzontalmente, ha il pregio di valorizzare ulteriormente i momenti di rappresentanza, networking e business per le imprese associate. La filiera Oil&Gas di Assolombarda, che conta 1.114 aziende, rappresenta il 23% della base associativa”.

DUE GIORNI DI CONGRESSO INTERNAZIONALE

In occasione di IVS si svolgerà anche un Congresso internazionale, che vedrà la presentazione di 48 memorie tecnico-scientifiche ad alto contenuto di innovazione da parte di società leader della filiera delle valvole, enti di ricerca, università e enti di normazione, con oltre il 60% di relatori di estrazione internazionale. Il programma definitivo del Congresso prevede 12 sessioni, suddivise nei quattro temi principali del Congresso: progettazione, sicurezza, materiali e trattamenti delle superfici; sistemi di azionamento, controllo e comunicazione; performance dei sistemi di tenuta; standard e qualifiche.

Il quinto tema Business e Management sarà invece al centro di due tavole rotonde dedicate: Fusioni e acquisizioni nel settore delle valvole il 27 maggio e Sourcing globale in un mercato energetico in evoluzione il 28 maggio. I contributi scientifici selezionati dal Comitato Scientifico di IVS 2015, grazie anche al profilo elevato dei relatori, offriranno approfondimenti stimolanti e occasioni per condividere il know-how.

“Le memorie selezionate offrono una panoramica aggiornata che abbraccia l’intera filiera delle valvole industriali, – spiega Maurizio Brancaleoni, Presidente Comitato Scientifico IVS – spaziando dai materiali ai sistemi di tenuta, dai trattamenti di protezione superficiale allo sviluppo di nuove soluzioni tecnologiche e progettuali, dalle valvole di regolazione ai sistemi di controllo e supervisione, dagli attuatori al confronto con i principali standard di riferimento. Durante il Congresso IVS 2015, i partecipanti potranno conoscere quanto di meglio oggi il mercato sia in grado di offrire, in termini di prodotti e servizi di elevata qualità ed affidabilità, a totale vantaggio del rispetto delle persone, dell’ambiente e degli investimenti”.

UN VALVECAMPUS PER LA DIFFUSIONE DELLA CONOSCENZA TECNICA

In occasione della conferenza stampa è stata presentata anche l’associazione VALVEcampus, promossa da un gruppo di imprenditori in collaborazione con Confindustria Bergamo e Università degli Studi di Bergamo.

“La formazione oggi è un elemento chiave per il successo di ogni organizzazione – spiega Simone Brevi, Vicepresidente Valve Campus -. Questo è vero in particolare per il settore delle valvole industriali, che negli ultimi anni ha visto una continua evoluzione della tecnologia, con l’introduzione di nuovi prodotti, richieste sempre più severe da parte degli utilizzatori finali, modifiche degli standard internazionali di riferimento. Proprio con l’obiettivo di contribuire alla diffusione della conoscenza tecnica all’interno della filiera è stata creata l’associazione VALVEcampus, che si propone di organizzare una serie di corsi a cadenza regolare, con l’obiettivo di diventare un riferimento sia a livello nazionale che internazionale per il mercato di riferimento. Il primo appuntamento sarà proprio negli stessi giorni di Industrial Valve Summit; oltre ai corsi in aula sono in programma visite alla fiera e alle principali industrie del territorio”.

Industrial Valve Summit è resa possibile anche dal contributo dei Main Sponsor Ernst & Young, SACE, UBI Banca e DMG MORI Italia; del Partner Sponsor BFE Bonney Forge Valve; dei Supporting Sponsor Carrara, Osvaldo Finazzi srl, Valgasket e dei Technical Sponsor Caminella e San Pellegrino.

 

Marco Mignani, Partner EY Mediterranean Industrial Products Leader afferma: “È con grande entusiasmo e interesse che abbiamo deciso di giocare un ruolo attivo in questo ambizioso progetto. Lo abbiamo fatto convinti che questo comparto sarà in grado di dare nuova linfa alla crescita dell’industria italiana. Dal nostro osservatorio mondiale sul settore Oil&Gas emergono segnali di ripresa dovuti ad una serie di variabili quale ad esempio la riapertura di alcuni mercati nevralgici come quello iraniano. Sarà necessario per il settore delle valvole, internazionale per vocazione, intercettare questa crescita per trainare lo sviluppo di questo settore. Questo senza rinunciare alla dimensione familiare, che caratterizza molte delle nostre imprese, ma al contrario valorizzandone le peculiarità e investendo su progetti internazionali”.

“L’Industrial Valves Summit rappresenta una straordinaria occasione per creare un foro di confronto e dialogo tra le imprese di un settore in cui l’Italia è uno dei maggiori player mondiali e può vantare molte realtà eccellenti che si distinguono sul mercato per innovazione tecnologica, elevate prestazioni e capacità di competere e vincere nei mercati internazionali – evidenzia Giammarco Boccia, Direttore Responsabile dell’area Nord Ovest di SACE –. Ed è proprio da qui, soprattutto dai mercati emergenti e di “frontiera”, che proveranno le migliori opportunità di crescita per l’export del comparto ma anche, inevitabilmente, dei rischi. Per questo all’estero un partner come SACE può fare davvero la differenza, fornendo gli strumenti più adeguati per migliorare i flussi di incasso, garantire le cauzioni contrattualmente richieste, offrire condizioni di pagamento competitive agli acquirenti esteri e servizi di consulenza per gestire al meglio aspetti delicati come la valutazione delle controparti, la redazione dei contratti e la gestione dei rischi”.

Luca Monti, Responsabile Private and Corporate Unit di UBI Banca sottolinea: “Internazionalizzazione, leadership nella ricerca e sviluppo, visione strategica dei movimenti di mercato, capacità produttiva, logistica e distributiva sono solo alcuni dei temi che fino al recente passato venivano affrontati principalmente dalle imprese di dimensioni maggiori. La competizione globale favorita dalla rapida industrializzazione di molti Paesi ex emergenti fa sì che questi scandiscano oggi l’agenda di ogni imprenditore, anche nelle medie aziende, soprattutto in quei settori, come nella meccanica, in cui l’Italia può contare su tradizione, leadership e imprese eccellenti. Un’evoluzione che deve però prevedere un approccio sistematico e un’esecuzione perfetta”.

Infine Ugo Ghilardi, Amministratore Delegato DMG MORI ITALIA conclude: “DMG MORI, come costruttore di macchine utensili, è presente in diversi settori grazie alla molteplicità di proposte che offre al mercato, sia per taglie, che per soluzioni tecniche, permettendoci di essere propositivi in vari contesti del manifatturiero, dalla produzione del settore energia e Oil&Gas, alla costruzione di componenti della motoristica ed aerospaziale. I progetti che ci vedono coinvolti considerano non solo la macchina utensile, ma una serie di soluzioni, a 360 gradi, proposte al fine di rendere il cliente finale competitivo e protagonista su tutti i mercati”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.