BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Il Como corteggia Favini Il mago dei giovani lascia il vivaio nerazzurro?

Il Como, ancora in lotta per salire in Serie B, avrebbe avanzato un'allettante proposta a Mino Favini: tornare in riva al lago da presidente onorario ma con diritto di parola sul vivaio. Il suo addio, dopo 24 anni, vorrebbe dire rivoluzione per il settore giovanile nerazzurro.

Più informazioni su

Dopo 24 anni e un’infinità di talenti lanciati nel calcio che conta, il vivaio nerazzurro potrebbe essere costretto a rivoluzionarsi: il Como corteggia seriamente Mino Favini, responsabile del settore giovanile di Zingonia, per offrirgli la poltrona di presidente onorario consentendogli però di stare in prima linea nella gestione delle giovanili. 

Una corte che, spiega Filippo Di Chiara su La Gazzetta dello Sport, avrebbe fatto centro: Favini sarebbe pronto a trasferirsi in riva al lago dove, da giocatore, ha passato 3 stagione dal ’54 al ’57 e ha iniziato la carriera di talent scout e responsabile del settore giovanile che l’ha portato ad essere forse il migliore in Italia. Dal vivaio lariano ha sfornato talenti come Borgonovo, Fontolan, Vierchowod e Zambrotta: la volontà del presidente del Como è quella di metterebasi solide partendo dai giovani, ancora di più se la sua squadra, impegnata nei playoff di Lega Pro dove ha appena eliminato il quotato Benevento, riuscisse a centrare la promozione in Serie B. 

La sua storia a Zingonia potrebbe concludersi con lo stesso presidente che lo ha voluto a capo del settore giovanile, Antonio Percassi: il contratto di Favini, 79 anni, scade a fine giugno e questa volta il rinnovo potrebbe davvero non arrivare.

Le sue mani hanno forgiato i vari Montolivo, Pazzini, Bellini, Donati, Tacchinardi, Bianchi, Zauri e Donati, tutti giocatori arrivati pronti sul palcoscenico della Serie A: se Favini dovesse davvero lasciare non sarà semplice trovare un sostituto da subito all’altezza dell’egregio lavoro svolto in oltre 20 anni dal mago dei giovani.  

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da nino cortesi

    Con tutti i vecchioni che hanno fatto giocare quest’anno, pur in presenza di giovani assai più dotati, fa benone.
    Tireremo il sipario sull’Atalanta che farà la fine del Milan. Solo che il Milan finisce a metà classifica mentre noi saremo siringati da Carpi e Frosinone.

    1. Scritto da qwerty

      baselli è scarso mettitelo in testa. bastava vedere ieri cataldi per capire la differenza..o se vuoi restare a casa tua ricordati donati!non è questione di giovane(anche perchè non lo è!!). è proprio scarso.

  2. Scritto da veronika

    Finardi fu reingaggiato proprio per non farsi trovare impreparati a questo momento.
    Se addio sarà, grazie di tutto mago. Auspico che questa separazione possa trasformarsi in un’occasione propizia per il settore giovanile per un paio di radicali modifiche non possono più aspettare, prima tra tutte la preparazione atletica che va potenziata. Oggi un ragazzo è pronto fisicamente alla serie A dopo i 22, 23 anni: troppo tardi!