BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Attesa alle stelle per il ritorno di Riccardo Muti al Festival Pianistico

Dopo la serata di martedì al Teatro Grande per la beatificazione di Paolo VI, il maestro Muti dirigerà l’Orchestra Giovanile Luigi Cherubini e la Filarmonica del Festival mercoledì 20 maggio (alle 21) al Teatro Donizetti di Bergamo.

Biglietti esauriti e grande attesa per l’arrivo di Riccardo Muti al Festival Pianistico Internazionale di Brescia e Bergamo.

Come annunciato da tempo, dopo la serata di martedì al Teatro Grande per la beatificazione di Paolo VI, il maestro Muti dirigerà l’Orchestra Giovanile Luigi Cherubini e la Filarmonica del Festival mercoledì 20 maggio (alle 21) al Teatro Donizetti di Bergamo.

Riccardo Muti torna al Festival dopo il trionfale successo del concerto con la Chicago Symphony Orchestra del 2012.

In precedenza il Maestro fu ospite del Festival di Brescia e Bergamo nel 1996, 1999, 2000 e 2005, anno in cui gli fu conferito il Premio Arturo Benedetti Michelangeli. Il Maestro Muti dirigerà, come detto, l’Orchestra Cherubini, da lui fondata nel 2004, alla quale si unirà una selezione della Filarmonica del Festival, compagine che è al secondo anno di attività ed è destinata a ricoprire un ruolo sempre più determinante nel Festival del futuro.

Il programma è originale e per certi versi inconsueto. Innanzi tutto per la presenza del Concerto per violino e orchestra n. 7 in re maggiore K 271a di Mozart, pagina poco nota.

Solista sarà l’austriaco Rainer Küchl, già Konzertmeister dei Wiener Philharmoniker.

Il concerto per violino sarà preceduto dalla brillante Ouverture in do maggiore nello stile italiano D 591 di Schubert.

La seconda parte sarà interamente dedicata a Giuseppe Verdi, del quale Muti è interprete impareggiabile.

Da “I vespri siciliani” saranno eseguiti la Sinfonia e i ballabili del terzo atto.

Il concerto rientra nella normale programmazione della 52a edizione del Festival di Brescia e Bergamo ed è realizzato con la collaborazione di Italcementi e della Fondazione Italcementi Cav. Lav. Carlo Pesenti.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.