BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

“Non svenderemo A2A” Ma l’opposizione è critica: “Le tasse ci sono”

In commissione si discute il primo bilancio della Giunta Gori in attesa del voto in Consiglio comunale di settimana prossima. Opposizione critica.

Più informazioni su

“Non svenderemo le azioni A2A, sono il nostro tesoretto e generano dividendi”. E’ la promessa del vicesindaco Sergio Gandi che in commissione ha risposto alle critiche dell’opposizione in merito al primo bilancio della Giunta Gori (leggi qui). La vendita delle azioni è stato l’escamotage utilizzato negli ultimi anni per finanziare gli investimenti. Lo ha sempre fatto Tentorio e lo ha fatto l’anno scorso Gori, che anche per il 2015 dovrà affidarsi al salvadanaio. “Se riusciamo a trovare una strada per non vendere i gioielli di famiglia, la sceglieremo – spiega Gandi in commissione -, l’anno scorso siamo riusciti a contenere la vendita a 6 milioni”.

L’ex sindaco Franco Tentorio utilizza le stesse critiche che fino a anno fa venivano rivolte a lui stesso da chi oggi governa: “C’è un silenzio assoluto sulla Nuova Gamec ed è un anno che amministrate, nessuna novità anche sul parcheggio ex faunistico e nemmeno sul bando di Sant’Agata. Se riuscirete a smuovere la casella “zero” dal piano delle alienazioni da 18 milioni di euro sarà positivo, per ora credo sia poco realistico. Inoltre devo evidenziare che qualche aumento tariffario c’è stato, come la reintroduzione della tariffa sui lumini. Sono scelte obbligate a causa dei tagli”.

Anche la Lega Nord è scettica sulle scelte del centrosinistra: “Nel piano delle opere pubbliche non ci sono investimenti – spiega il capogruppo Alberto Ribolla -. Zero opere nuove, soltanto manutenzioni”. Stefano Benigni di Forza Italia invece punta il dito contro il probabile aumento delle sanzioni contro gli automobilisti. “Aumentate le multe: non è il miglior modo per far quadrare i conti. Non vorrei essere nei panni di questa amministrazione perché la situazione è paradossale”. Il Movimento 5 Stelle invece lancia la vendita delle azioni Sacbo (aeroporto), come fanno in campagna elettorale: “Avere una quota così bassa non serve al Comune per incidere sulla società – interviene Fabio Gregorelli -. Secondo noi vanno vendute. Inoltre non si è mai parlato dei fondi europei: è stato costituito un ufficio apposito. Quali sono i risultati?”

Voto compatto favorevole in commissione da parte del centrosinistra. Francesca Riccardi, Pd, respinge le critiche: “Da parte nostra non c’è nessun imbarazzo nel sostenere questo bilancio e allo stesso tempo contestare leggi che mortificano la virtuosità degli enti locali”. Per Massimiliano Serra, Pd, “è stato fatto un ottimo lavoro, attuando politiche di spending review”. Luciano Ongaro, Sel, vorrebbe andare ancor più a fondo: “E’ giunto il momento, per l’amministrazione pubblica, di rivedere la questione delle spese del personale. Molti soldi sono investiti per servizi esterni. Servirebbe una riorganizzazione per gestire tutto al meglio, ma parlo della pubblica amministrazione in generale”. Tutte le delibere all’ordine del giorno, comprese Tasi, Imu e Tari, sono state approvate.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.