BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Speed check a Treviglio A due giorni dall’installazione uno già vandalizzato

Sono bastati due soli giorni: uno dei primi speed check installati a Treviglio è stato staccato e portato via. In via Pontirolo la scatola arancione è rimasta vuota, senza la centralina che controlla il superamento del limite di velocità.

Sono bastati due soli giorni: uno dei primi speed check installati a Treviglio è stato staccato e portato via. In via Pontirolo la scatola arancione è rimasta vuota, senza la centralina che controlla il superamento del limite di velocità. Qualche vandalo non deve avere apprezzato la mossa del Comune di controllare e sanzionare gli automobilisti che corrono troppo. Le altre sono state installate in  via Milano, via Mazzini, viale Buonarrotti, viale Piave, viale Merisio, via Caravaggio, via Ludovico Ariosto, via Brignano e via Verrazzano, una coppia invece in viale Ortigara, e un altro è completamente mobile, con la polizia locale che potrà decidere periodicamente dove posizionarlo.

L’amministrazione comunale ha studiato il piano per prevenire incidenti in tratti stradali in cui, negli ultimi, si sono verificati più tamponamenti. Un danneggiamento come quello avvenuto in via Pontirolo non è di poco conto: l’intero piano di sicurezza stradale (compresi anche interventi sulle luci di segnalazione e i marciapiedi), finanziato per metà da Regione Lombardia, costa 700 mila euro.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da fk

    Far rispettare il rispetto delle regole agli italiani è sempre un problema. Giusto il limite di velocità, il tasso alcoolometrico, ecc. Importantissima è la cultura della sicurezza uber alles: distanze di sicurezza, non usare il cell quando si guida, posizionare i bambini negli appositi seggiolini, allacciare le cinture anche nei posti posteriori, avvicinarsi ai ciclisti con ampio distanza, tollerare riflessi rallentati degli anziani. PREVENTIVARE POSSIBILI ERRORI NOSTRI E DEGLI “ALTRI”

  2. Scritto da MAURIZIO

    Nel Land Baden-Wuettemberg in Germania ci sono numero due (numero due!) limiti di velocità : 50 km/h nei centri storici dei paesi e 90 km/k in tutte (in tutte!) le altre strade di collegamento. In autostrada la velocità è libera, salvo situazioni di forza maggiore. I tedeschi : 1. sanno sempre (sempre!) quale sia la velocità da tenere 2. non vengono derubati e perseguitati da uno stato truffatore 3. non fanno più incidenti degli italiani 4. Sono liberi, a differenza degli italiani.

  3. Scritto da kappa

    Evidentemente dava fastidio, ma perché invece di buttar via soldi in scatole di plastica non si sistemano le strade colabrodo ?E’ chiaro che far cassa con queste macchinette rende di piu’ poi del fatto che uno deve guardar la strada per evitare le buche e non le persone che magari attraversano non gliene frega niente a nessuno, abbiamo strade da terzo mondo ….

  4. Scritto da il polemico

    l’assurdità di questi scatolotti strapagati,e che non recano impoesso nemmeno il limite di velocità da rispettare e nessun cartello che ne indichi la presenza,quando fu messo il velox fisso sulla ex statale treviglio-arcene,si davano multe senza nemmeno specificare quale era il limite massimo da non superare…solo dopo settimane o mesi,in comune si erano resi conto della mancanza.in questo caso,.e pensare che per il ministero sono illegali,ma non per i comuni

  5. Scritto da Paolo

    Comunque li non ci deve stare perché il limite di velocità passa da 70 a 50 km/h in pochi metri ( vedi segnaletica)

  6. Scritto da baz

    questi cosi sono stati dichiarati esplicitamente fuorilegge dal ministero dei trasporti. A pagare dovrebbe essere chiamato lo zelante politico che ha voluto far finta di fare qualcosa con i nostri soldi e li ha comprati.