BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

SiAmo Clusone, Moioli: “Priorità al Palazzetto Diciamo basta alle slot” fotogallery

Francesco Moioli, candidato sindaco di SiAmo Clusone, presenta la propria squadra e il programma elettorale in vista delle elezioni del prossimo 31 maggio: “Schieramento eterogeneo per età e professioni. Priorità al Palazzetto dello Sport, i soldi delle multe per pagare un servizio di vigilanza notturna”.

Più informazioni su

Dopo la sconfitta elettorale del 2010, Francesco Moioli, 66 anni, ex dirigente scolastico in pensione dallo scorso settembre, si rimette in gioco per le elezioni amministrative del 31 maggio come candidato sindaco di SiAmo Clusone.

Moioli, dopo 5 anni all’opposizione si ripropone con una nuova lista e un nuovo simbolo. Come è nata l’idea?

La lista nasce circa un anno fa, grazie al sostegno di alcune persone che assistendo ai consigli comunali si sono ritrovati nel nostro modo di fare opposizione: è uno schieramento eterogeneo per età e professioni che riparte da alcuni volti noti come Minuscoli e Scandella e tante novità, in rappresentanza di Clusone e Fiorine. Al nostro interno non ci sono schieramenti politici.

Nelle prime fasi si parlava di una possibile alleanza con la lista guidata da Laura Poletti. Perchè poi non è stato trovato l’accordo?

La nostra era nata come lista civica e tale voleva restare: non volevamo che la presenza di simboli partitici ci vincolasse in determinate scelte. La presenza, invece, di Pd, Ncd e Udc nella lista Clusone nel Cuore ci ha convinti a correre da soli.

Se dovesse sceglierne solo una, quale sarebbe la priorità assoluta del vostro programma elettorale?

Dovendo scegliere indicherei la realizzazione del Palazzetto dello sport polifunzionale in località Prati Mini che per noi deve diventare una vera e propria Cittadella delle attività sportive.

Ci sono altre opere che le piacerebbe realizzare?

Innanzitutto ci piacerebbe recuperare la Pineta della Selva, un contenitore naturalistico straordinario e ancora inesplorato. Tra le altre, poi, di primo piano la rivitalizzazione di piazza Orologio che deve tornare ad essere una vera piazza, recuperando a funzione pubblica tutti gli spazi a piano terra dell’edificio comunale, a partire dalla realizzazione di una biblioteca comunale.

Quale politica intendete perseguire nel campo dei servizi sociali?

Si deve partire necessariamente dal mantenimento e dal potenziamento di quelli esistenti, poi abbiamo pensato a specifici interventi per ogni fascia d’età. Per i più piccoli l’apertura dello spazio gioco anche per le fasce 3-6 anni e 6-10 anni e una ludoteca per gli incontri e la formazione genitoriale. Per gli adolescenti vogliamo proporre gli educatori di strada, per un dialogo maggiore nei luoghi di incontro, e una collaborazione più stretta con le associazioni del territorio per contrastare i fenomeni di devianza. Per gli adulti l’emergenza maggiore è quella legata alla perdita del posto di lavoro e del conseguente disagio psicologico o della dipendenza da gioco: su questo fronte intendiamo anche dire basta alle slot machine, proponendo un marchio etico e meno tasse per gli esercizi che decidono di toglierle. Gli anziani, infine, devono essere visti come una risorsa e, se disponibili, possono diventare utili per piccoli lavori di manutenzione, cura del verde e accompagnamento dei bambini.

Ha parlato dell’emergenza lavoro: la crisi sta mettendo tutti a dura prova. Nel suo piccolo cosa può fare un’amministrazione comunale?

Credo che il primo passo da fare sia quello di una generale semplificazione amministrativa. La nostra idea è quella di offrire sgravi fiscali per i primi tre anni a chi apre un’attività e, nel corso del quinquennio, arrivare a un taglio della pressione fiscale per tutti i cittadini. In un contesto più ampio poi, con i Comuni limitrofi e la Comunità Montana vorremmo attivare uno sportello per i finanziamenti alle imprese che possa rintracciare bandi regionali ed europei, diventando anche un punto di incontro tra domanda e offerta di lavoro.

Quali sono i provvedimenti che mettereste in campo per rendere Clusone più sicura?

La nostra idea è quella di utilizzare il ricavato delle sanzioni amministrative per un servizio di vigilanza privata notturna. Cinque vigili di quartiere presidieranno il territorio, fungendo anche da punto di riferimento per i cittadini. Infine potenzieremo la videosorveglianza comunale, soprattutto nelle zone più a rischio, integrandola con il sistema Thor creato a livello di Comunità Montana.

Qual è il ruolo che ritaglia ai giovani all’interno della sua amministrazione?

Sicuramente tutti i componenti della lista avranno un ruolo, che sia una delega o un assessorato. Premieremo le competenze di ognuno, permettendogli di applicarsi nel settore a lui più vicino: per i giovani ci saranno sicuramente le Politiche giovanili, lo Sport e la Cultura.

C’è qualche candidato sindaco che teme più di un altro nella corsa a sindaco di Clusone?

Credo che la nostra squadra abbia le competenze, i numeri e l’esperienza per amministrare Clusone già dal giorno seguente le elezioni: io ho accettato di candidarmi per mettere a disposizione l’esperienza che ho maturato fino ad oggi, fare il sindaco non è una cosa che si può improvvisare. La lista da battere sarà quella di Olini perchè il sindaco uscente ha sempre un valore aggiunto che può sfruttare anche se noi abbiamo valutato il suo operato in maniera negativa.

I candidati consiglieri (clicca qui per le foto) 

Leone Minuscoli

Enrico Scandella

Gino Percassi

Diego Pezzoli

Fabio Cortinovis

Danilo Cabrini

Loredana Scaramozzino

Guido Spanò

Stefania Nava

Desirée Savoldelli

Marco Giudici

Maria Rosa Colombo in Girola

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Franco

    Si contesta giustamente a Moioli il fatto di essere attaccato alla poltrona da 30 anni..e la sua lista ha davvero poche qualità individuali. Moioli e Mostabilini portano via qualche voto alle altre 2 liste e di sicuro stanno spendendo male il loro tempo.

  2. Scritto da Stelio

    In bocca al lupo Francesco !!!

  3. Scritto da TT

    Trovo giusto il voler recuperare la Pineta della Selva,cosa unica in Valle Seriana(speriamo che dentro la stessa non avvenga l’ennesima colata di Asfalto come quella gia vista e fatta)basterebbe una buona ed approfondita pulitura,di piante morte malate ecc. E la pineta bosco tornerebbe al suo antico splendore.